Notizie Turismo, News , Tempo libero, Cronache internazionali - Master Viaggi online

NOTIZIE TURISMO, NEWS, TEMPO LIBERO, TRASPORTI, CRONACHE INTERNAZIONALI

ANNUNCI GRATUITI
M.V. Anno X - Nr 1910 del 09.09.2022

E' morta la zia Betty.

M.V. Anno X - Nr 1910 del 09.09.2022

Elisabetta II è stata nella vita del 99% della popolazione mondiale cioè di quella parte che ha avuto in sorte di campare meno di 96 anni; ed è stata, come Regina, fino a ieri, nell'intera esistenza dei nati nel 1952.

Regina _Elisabetta_e_principe_de_Curtis

La morte, come si sa, anche se si è portati a non pensarci, prima o poi colpisce tutti e quindi non deve destare scalpore il fatto che ieri sia toccato ad una Regina; sarà la storia a giudicarne vita e Regno, ma la storia, quella vera, non si pronuncia mai prima che sia trascorso almeno mezzo secolo dagli accadimenti.

 

Vale però la pena di dire e scrivere che, almeno per noi europei - ma crediamo anche per tutti gli ex sudditi dei Paesi facenti parte del Commonwealth, cioè 56 Stati indipendenti, quasi tutti appartenuti all'ex Impero Britannico e che contano oltre due miliardi di persone - Elisabetta II era quasi una persona di famiglia.
Perciò abbiamo titolato affettuosamente "è morta la zia Betty", prendendo le distanze da tutti coloro che hanno dedicato pagine e pagine di giornali e il 75% per cento del tempo di telegiornali e radiogiornali.

 

E prendiamo le distanze, simpaticamente, anche da tutti coloro che, a sole poche ore dalla morte della sovrana, stanno rimestando nella sua vita senza lasciar fare alla Storia: che rapporti aveva con Lady Diana? Il Principe (ora Re) Carlo, regnerà o dopo poco tempo abdicherà in favore del figlio William per portare sangue giovane alla Nazione? Ecc. ecc.

A noi in questo momento interessa fare una considerazione sulla morte: che fa tanto scalpore quando giunge alla fine di una lunga vita così come ne fa quando coglie qualcuno nel fiore degli anni; se tutti dedicassero a questo evento un minuto di meditazione ogni giorno, il mondo sarebbe un posto migliore.

 

Si nasce nudi e la saggezza popolare insegna che l'ultimo vestito che si indossa non ha le tasche; come per dire che all'altro mondo non si può portare niente.
E, tanto per restare in tema, nel salutare con deferenza e rispetto la Regina Elisabetta - che ha svolto il suo ruolo fino a martedì scorso quando ha nominato Liz Truss nuovo premier britannico - ci fa piacere ricordare la poesia scritta da un altro nobile, il Principe Antonio de Curtis (Toto) dal titolo 'a Livella, che potete leggere qui sotto.

 

'a livella

del Principe Antonio de Curtis - in arte Toto'


Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

 


Ogn'anno,puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

 

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

 

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

 

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

 

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

 

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

 

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

 

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

 

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

 

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia?

 

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

 

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

 

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

 

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

 

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

 

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

 

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

 

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

 

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

 

"Famme vedé..- piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

 

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

 

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

 

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e? ...è una livella.


'Nu rre,'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

 

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

 

se volete potete sentirla (e vederla) recitata direttamente da Totò

 

oppure cantata da Gigi D'Alessio

 


Leggi le altre notizie

Giorgio Morandi: Opere dalla collezione Antonio e Matilde Catanese in mostra a Bologna.

[M.V. Anno X - Nr 1946 del 25.11.2022 | Regioni e Province]

Si avvicina il Natale e si accendono, in tutta Europa, le luci dei Mercatini.

[M.V. Anno X - Nr 1945 del 23.11.2022 | Tour operator]

CARLO LEVI, ''Lo sguardo in Movimento'', a Roma, il 29 Novembre dalle 10 alle 18.

[M.V. Anno X - Nr 1944 del 22.11.2022 | News Italia]

A Roma il nuovo ristorante Sarkòs promette di stupire.

[M.V. Anno X - Nr 1943 del 17.11.2022 | News Italia]

Qualche proposta di Estland per Capodanno.

[M.V. Anno X - Nr 1943 del 17.11.2022 | Tour operator]

Bormio, dal 3 dicembre tutti in pista.

[M.V. Anno X - Nr 1943 del 17.11.2022 | Sport]

King Holidays, Roberto Minardi assume la carica di direttore commerciale.

[M.V. Anno X - Nr 1942 del 16.11.2022 | Tour operator]

Le Dolomiti di Arabba danno appuntamento agli sciatori a partire dal 3 dicembre.

[M.V. Anno X - Nr 1942 del 16.11.2022 | Tour operator]

l’Hotel Engels Park di Vipiteno, benessere tra total relax e sci.

[M.V. Anno X - Nr 1940 del 11.11.2022 | Sport]