Notizie Turismo, News , Tempo libero, Cronache internazionali - Master Viaggi online

NOTIZIE TURISMO, NEWS, TEMPO LIBERO, TRASPORTI, CRONACHE INTERNAZIONALI

ANNUNCI GRATUITI
Il servizio Comunicati Stampa/Annunci gratuiti e' un servizio fornito dalla Travel Factory Srl in liquidazione, di seguito indicata come Il gestore del sito. Sebbene redatto con scrupolosita' e cura, il servizio non e' immune da errori, imprecisioni e omissioni, di cui Il gestore del sito non puo' e non potra' mai e in alcun modo essere ritenuta responsabile.
L'uso del Servizo e' effettuato dall'Utente sotto la sua completa responsabilita'. Il Gestore del sito non offre quindi garanzie (1) circa l'identita', la capacita' giuridica, la serieta' d'intenti o altre caratteristiche degli inserzionisti, (2) la qualita', la liceita', la sicurezza dei beni oggetto degli annunci, (3) la veridicita' e l'accuratezza di quanto fornito dagli inserzionisti.
Il Gestore del sito si riserva il diritto di modificare, in ogni momento e in piena autonomia, i contenuti dei Comunicati Stampa/Annunci gratuiti, nel rispetto comunque della volonta' dell'utente risultante dall'inserzione, le funzionalita' del servizio o di sospenderne l'erogazione senza alcun obbligo di preavviso agli utenti.

UN BRINDISI PER OMNIA HOTELS


746 camere per gli ospiti, 5 ristoranti e bar, spazi congressuali e per eventi, aree per il fitness e benessere: questi i numeri di OMNIA Hotels, il gruppo alberghiero attivo oggi a Roma con 5 strutture, dislocate nei diversi quartieri della città.


Una realtà con 35 anni di attività alle spalle, che si sviluppa ora con le nuove generazioni di famiglia, grazie all’impegno e alla passione di Francesco e Riccardo Lazzarini, a proseguire il progetto imprenditoriale avviato dai genitori, dedicato all’ospitalità ed ora in fervente sviluppo.

 

A poche settimane dalla creazione, infatti, OMNIA Hotels è una realtà in forte sviluppo, dalle risorse umane ai servizi per gli ospiti sino al portfolio, che oggi annovera l’Hotel Donna Laura Palace affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati, il Grand Hotel Fleming immerso nel cuore dell’omonima collina, l’Hotel Imperiale in via Veneto, l’Hotel Shangri La Roma punto di riferimento dell’EUR al quale nel 2021 si aggiungerà il rinnovato centro congressi, nonché l’Hotel Santa Costanza a pochi passi dall’omonimo mausoleo di via Nomentana, portfolio che già nel 2020 si arricchirà di nuove proprietà.

 

Novità in arrivo, dunque, per OMNIA Hotels che verranno celebrate con un brindisi per ospiti ed operatori a fine novembre all’Hotel Imperiale, con musica dal vivo e lo spettacolo coinvolgente del “mentalista” Darus, con esperimenti di suggestione ipnotica, lettura del pensiero e condizionamento del comportamento.

OMNIA Hotels, è una realtà imprenditoriale tutta italiana, che si pone oggi all’attenzione del mercato nel segno dell’innovazione e nel rispetto dei valori di ospitalità, della tradizione di famiglia, dove l’ospite è, appunto, al centro del sistema insieme ai collaboratori, per un equilibrio ideale tra vita e lavoro in un mondo che è come una casa.

 

 

Per informazioni: OMNIA Hotels www.omniahotels.com tel. 06.873636

Daniela Baldelli, Direttore Sales & Marketing, danielabaldelli@omniahotels.com


[M.V. Anno X - Nr 1544 del 03.12.2019] | Hotel Italia

Viareggio Hotel Villa Morgana


per viaggi di lavoro o formazione


Viareggio Hotel Villa Morgana
per viaggi di lavoro o formazione


Proponiamo prezzi convenzionati
Pernottamenti A partire da euro 30
camere doppie uso singola- doppie e multiple


Ristorante convenzionato
Contattateci direttamente
al 3286984731


[M.V. Anno X - Nr 1543 del 02.12.2019] | Hotel Italia

LE FESTE “SUI TETTI DI ROMA


All’Hotel Diana cocktail originali e menu dedicati con vista panoramica sulla città


In vista delle festività di dicembre, l’Hotel Diana di Roma, albergo storico nel cuore della Roma Umbertina, a pochi metri dal Teatro dell’Opera e dalla Stazione Termini, ha ideato due originali cocktail per il periodo natalizio: "Diana Christmas Sunset", con rum bianco, succo di melograno e spumante e l’”Uliveto Christmas Cup" con vodka, succo di cranberry, succo di arancia rossa, e spumante.

 

I due speciali cocktail natalizi potranno essere gustati tutto il mese di dicembre all'interno dell'elegante lounge bar La Brasserie o al ristorante panoramico al 7° piano dell'albergo, L'Uliveto Roof Garden, fiore all’occhiello dell’Hotel Diana, dove la vista spazia a 360° sui tetti di Roma.

 

Sempre al ristorante dell’Hotel Diana è possibile organizzare pranzi e cene durante tutto il mese di dicembre per scambiarsi gli auguri con menù ad hoc, oltre che festeggiare la vigilia, il giorno di Natale e la notte di Capodanno.

Il menù della vigilia prevede drink e stuzzichini di benvenuto, gamberoni in salsa cocktail con pompelmo e avocado, calamarata di Gragnano igp al pesto di pistacchi con vongole veraci e burratina, filetto di ricciola, purea di broccolo siciliano e maionese al succo d’uva. Come dessert, cremoso al cioccolato bianco con croccanti di pandoro, neve di meringhe e salsa di albicocche e cannella. € 40 a persona, acqua e caffè inclusi.

 

Il giorno di Natale il menù prevede drink di benvenuto con chips di patate cacio e pepe, un buffet con sfiziosi appetizer, dal bignè salati con ricotta al tartufo con polvere di lamponi ai conetti con tempura vegetale. Il menù servito: vellutata di patate, porri e castagne, crespelle ai funghi porcini su fonduta di parmigiano, filetto di manzo danese lardellato alle erbe, riduzione di vino rosso, crema di broccolo siciliano ripassato e patate al forno. Infine, buffet di dolci: panettone e pandoro della tradizione con salsa al mascarpone e cannella, zuppa inglese, tronchetto di Natale. € 45 a persona, acqua e caffè inclusi.

Il menù del veglione di Capodanno prevede drink di benvenuto, con bollicine e cocktail analcolico, shortino di zucca e noci, shortino di barbabietola e mandorle. Un buffet con sfiziosi appetizer, dalla tartare di tonno alla birra su crostino tostato fino alla cheesecake salata con ricotta e guanciale. Il menù servito: sformatino di risotto al profumo di mare, crema di fagioli, cozze e scaglie di pecorino romano dop, tortelloni fatti in casa ripieni di ricotta e amaretto in salsa di zucca e rosmarino, stracotto di manzo al barolo, la sua riduzione, crema di patate, porri e rucola selvatica. Il buffet di dolci: panettone della tradizione con crema pasticcera all’arancia, il salame del re, zuppa inglese di pandoro al mascarpone. € 68 a persona, acqua e caffè inclusi.

 

Proseguono inoltre le “Passeggiate nella Roma Capitale” con l'ultima tappa prevista per sabato 7 dicembre alla chiesa di Saint Paul con i mosaici di Edward Bune-Jones. Curate dall’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse”, le passeggiate organizzate dall’Hotel Diana, in occasione del suo 80esimo compleanno, sono un percorso insolito alla scoperta di Roma fra tradizione e rinnovamento in luoghi e siti artistici vicini all'albergo, non solo in senso geografico, ma anche storico e tematico.

 

LA STORIA DELL’HOTEL DIANA DI ROMA

L’Hotel Diana di Roma deve la sua storia alla lungimiranza del suo fondatore, Benedetto De Angelis, noto anche per aver portato per primo i turisti con il “torpedone” in giro per la città e in gite fuori porta fino a spingersi a Pompei, Sorrento e Capri, meritando la cittadinanza onoraria di Sorrento.

Nel 1939, il capostipite della famiglia, abruzzese di origine prese in affitto un palazzo a via Principe Amedeo 4: già da tempo lavorava nel campo del turismo, avendo iniziato da giovanissimo come “addetti alle funi degli ascensori ad acqua” all’Hotel de Russie, fino ad arrivare alle portinerie di due grandi alberghi.

Con una intraprendenza non comune all’epoca andò, infatti, all’estero per lavorare sempre negli alberghi e imparare l’inglese, il francese e il tedesco; tornato a Roma, divenne primo portiere dell’Hotel Quirinale e nel 1925, grazie ad un’altra brillante intuizione, rilevò l’agenzia Carrani, alla quale facevano capo gli omnibus a cavallo per i turisti.

Comprò il primo omnibus a motore, lo “Sciarabà” per trasportare i turisti in giro per Roma e poi, primo in Italia e forse in Europa, verso il sud e la penisola sorrentina, contribuendo al grande sviluppo dell’economia della zona.

Con l’Hotel Diana avviò l’attività di albergatore, nel 1939, il cui nome fu ispirato a quello della figlia di un fraterno amico e collega di lungo corso.

 

All’Hotel Diana si trasferì ad abitare con la famiglia, la moglie Anna ed i figli Clara, Enrico e Silvestro. Durante la guerra l’Hotel Diana venne requisito dai tedeschi e dopo la liberazione dagli ufficiali e sottufficiali francesi.

Al termine della guerra, Enrico, rientrato dal fronte, riprese la normale gestione dell’attività alberghiera insieme al padre, espandendo la struttura con l’acquisizione del palazzo attiguo, fino ad arrivare nel 1960 ad avere un albergo completamente ristrutturato con 190 camere, tutte con servizi privati e tre ascensori per gli ospiti.

A metà degli anni settanta la terza generazione della famiglia entra nell’attività con una grande spinta di rinnovamento negli ambienti e nella tecnologia, cui si aggiunge nel 1983 l’aria condizionata, cosa insolita se non negli alberghi di gran lusso.

Nel 1985, Benedetto muore lasciando un grande vuoto in tutta la famiglia; l’anno seguente inizia la completa ristrutturazione dell’Hotel Diana e nel 1996 viene realizzato il roof garden, dalla vecchia terrazza.

 

Nel frattempo, il figlio di Enrico, Carlo, diventato nuovo amministratore ed intestatario della licenza, in azienda dal 1983, continua nell’opera di ristrutturazione generale per mantenere un alto standard di livello estetico e funzionale ed aggiornare la struttura e le camere ai livelli di sicurezza, come da legge.

Nel 2008 anche le altre figlie di Enrico, Stefania e Caterina, subentrano nell’attività per dedicarsi rispettivamente all’housekeeping e alla ristorazione, innalzando così il livello dei reparti.

Da circa 15 anni, poi, anche le figlie di Carlo, Cecilia e Marta, sono entrate in attività, occupandosi la prima del revenue management e la seconda dell’amministrazione.

Oggi l’Hotel Diana di Roma, 4 stelle, offre 157 camere con tutti i comfort moderni; caratteristica la prima colazione, variegata ed abbondante che viene servita all’ultimo piano dell’albergo e in terrazza, durante la bella stagione: qui il roof garden L’Uliveto aperto anche al pubblico per pranzo e cena; sei sale riunioni completamente ristrutturate e con luce naturale rappresentano anche la soluzione ideale per viaggi o incontri di lavoro.

Prossimo progetto: la realizzazione di una spa con percorsi di frigidarium, calidarium, bagno turco, piscina idromassaggio e cabine per massaggi rilassanti.

 

L’Hotel Diana di Roma è oggi un’azienda che riconosce l’importanza della famiglia, quale valore fondamentale dell’esistenza e pilastro di una vita di relazione che si manifesta in tutti i campi dei rapporti umani, etico, religioso e lavorativo.

 

Hotel Diana Roma 1939-2019

www.hoteldianaroma.com tel. 06.478681

Via Principe Amedeo, 4 00185 Roma


[M.V. Anno X - Nr 1542 del 29.11.2019] | Hotel Italia

LE MÉRIDIEN VISCONTI ROME


PRESENTA IL NUOVO LONGITUDE 12 BISTROT & JARDIN


Le Méridien Visconti Rome, al centro di Roma, nel cuore del quartiere Prati, a pochi passi da Castel Sant’Angelo e dal Lungotevere, presenta il nuovo Longitude 12 Bistrot & Jardin.

 

Il progetto del nuovo spazio, firmato dallo studio Ara Design, è stato concepito come un giardino d’inverno: un’estensione leggera, luminosa e ariosa della lobby e del bar recentemente rinnovati.

La nuova struttura vetrata dal design contemporaneo ed ecosostenibile a copertura del preesistente cortile amplifica e conferisce profondità agli interni. Le ampie superfici apribili permettono la ventilazione naturale.

Uno spazio polifunzionale di grande versatilità e leggerezza. Un terrazzo-serra dall'allure elegante e raffinato circondato di essenze naturali, che dona agli ospiti una sensazione di benessere per vivere gli spazi esterni anche d'inverno.

 

La scelta delle finiture e degli arredi è improntata alla semplicità ed alla naturalità: pavimento del colore e della consistenza tattile della pomice, pareti dalle tinte morbide e neutre, mobili, attrezzati per l'allestimento del servizio ed il contenimento degli apparati impiantistici, dalle linee sobrie e minimal.

Il mix di luci a led con effetti cromatici, le lampade d’ambiente e la musica soffusa che si libra nell’aria completano l’effetto. Che si tratti di aperitivi, cene, feste o eventi aziendali, il nuovo Longitude 12 Bistrot & Jardin può adattarsi a qualsiasi situazione.

Luogo ideale dove gli ospiti e i romani possono gustare le prelibatezze create dallo chef Massimo Orsini che, per l’occasione, ha ideato un nuovo menù.

Tra gli antipasti spiccano il flan di zucca su vellutata di porri, il crudo di gambero rosso con stracciatella di bufala DOP e pinoli e le crocchette di baccalà e patate su crema all’aglio nero. Invitanti i primi e i secondi piatti, come ad esempio il risotto della cascina “Oschiena” con funghi finferli e salsiccia d’Itri, pacchero “Felicetti” con crema di pistacchio e gambero scottato, il trancio di salmone selvatico alla piastra con cime di rapa e chips di patata dolce e le costolette di agnello panate con coulis di sedano rapa. Infine, per deliziare il palato, i dolci: dalla cheesecake al melograno al tiramisù passando per la sfoglia con crema chantilly e frutti rossi.

 

Storico albergo nell'elegante quartiere Prati, in una posizione strategica nel centro storico della città eterna, tra Piazza di Spagna e Castel Sant’Angelo, Le Méridien Visconti Rome del Gruppo Toti offre 240 luminose camere e suite dall’allure senza tempo. Con le 10 sale meeting, il Longitude 12 Bistrot & Jardin, il Latitude 41 restaurant, la terrazza mozzafiato al settimo piano, la palestra con i macchinari più moderni, è la soluzione ideale per tutte le esigenze (www.lemeridienviscontirome.com).

 

Le Méridien Visconti Rome, info@lemeridienviscontirome.com
Via Federico Cesi 37, Roma, Tel. 06.3684 www.lemeridienviscontirome.com


[M.V. Anno X - Nr 1540 del 26.11.2019] | Hotel Italia

Merano, l’inverno si fa Slow


Una vacanza invernale, tra gennaio e marzo, all’insegna del relax, del movimento e dell’esperienze romantiche di coppia.


Contatto con la natura, Terme, passeggiate, una cultura profonda e una gastronomia stuzzicante: questi gli ingredienti per dimenticare per un po’ la vita quotidiana frenetica.

 

Merano, antica città termale ricca di fascino e tradizione, è l’ideale compagna di un fine settimana dedicato a tutti coloro che vogliono godere di un prezioso periodo di riposo.

L’ampia e varia offerta culturale, paesaggistica e gastronomica fanno di questa città la meta ideale per una breve vacanza, durante la quale seguire i ritmi lenti di una volta a contatto con la natura, per rigenerarsi nel corpo e nell’anima.
A Merano l’inverno segue un ritmo lento e piacevole, che offre tanto ma in modo naturale, armonico.

 

Per questo Merano propone molte e particolari attività: dagli sport sulla neve alle visite culturali, dalle Terme alle cene raffinate, dagli eleganti bar del centro allo shopping nei negozi sotto i portici.

Da metà gennaio ci saranno anche le visite guidate con le lanterne, le letture d'autore e lo speciale San Valentino, in cui si respirerà un’aria romantica per tutta la settimana, che culminerà nel week-end con una visita guidata con aperitivo e musica, in vari punti della città.
Per metà febbraio, le Terme Merano (in occasione di San Valentino) organizzano le Special Nights: https://www.termemerano.it/it/highlight-eventi/special-nights in un'atmosfera indimenticabile.

Prima meta imprescindibile di un viaggio a Merano sono comunque proprio le Terme Merano, che si trovano in centro città, con una nuova e spaziosa area. Piscine coperte e scoperte, saune, fitness e soprattutto trattamenti con prodotti locali, fanno passare rigeneranti ore in assoluto relax. Alle Terme è possibile concedersi dei bagni con materie prime altoatesine come quelli in tinozza o nella vasca imperiale, oltre ai classici con essenze di stella alpina, pino mugo, uva, siero di latte o i trattamenti rilassanti nel fieno di montagna dell’Alto Adige.

Poi c’è Merano2000, con una funivia che, in soli 20 minuti, porta alle piste da sci (40km di tracciati). In questo modo chiunque può decidere, in ogni momento della giornata, di andare a sciare per qualche ora per poi rilassarsi come meglio crede. A Merano2000, inoltre, si può praticare sci di fondo, scendere con lo slittino e l’AlpinBob oppure fare bellissime passeggiate con le ciaspole.

Gli spostamenti possono essere fatti tutti a piedi o utilizzando i mezzi pubblici, per vivere una vacanza davvero ecologica. Potersi muovere senza inquinare, rispettando la natura e la montagna, fa sentire meglio ognuno di noi, anche se per pochi giorni.

Per chi ama anche la buona cucina e i piaceri della tavola, nei raffinati ristoranti di città o nei masi di montagna, si assaggiano cibi tradizionali o riletti in chiave moderna, secondo le più recenti tendenze culinarie.

Infine, da non perdere il biglietto “combi” TERME & SKI: 4 ore sulle piste di Merano 2000 + 3 ore nelle piscine delle Terme di Merano, con noleggio asciugamano, al prezzo di 45,00 €.


Per ulteriori informazioni: https://www.merano.eu


[M.V. Anno X - Nr 1537 del 19.11.2019] | Hotel Italia

EMPIRE PALACE HOTEL DI ROMA: VA IN SCENA IL NUOVO MENU


Il ristorante Aureliano presenta il nuovo menù firmato dallo chef Silvio Siracusa.

 


Sia a pranzo che a cena, gli ospiti dell’albergo e la clientela esterna potranno gustare le sue nuove proposte immersi nelle atmosfere del Blue Bar del ristorante Aureliano, caratterizzato da ambienti con pareti nelle tinte blu cobalto in contrasto con le volte in mattoni rossi, elementi di arredo progettati da Philippe Stark, quadri d’arte contemporanea e pezzi di design.

 

Tra i piatti consigliati dallo chef Siracusa spiccano: code di gamberi scottate, con erba limoncina, crema di porri e patate, crema di ceci con filetti di gallinella fritti, mezze pappardelle al grano saraceno con salmì d’anatra e funghi porcini, arrosto di coniglio e faraona avvolti con crudo di parma, erbe e castagne. E per concludere con un tocco dolce, i dessert come la cialda di cannolo siciliano e ricotta mantecata con canditi o il tortino al cioccolato fondente 85% con cuore morbido e salsa vaniglia.

 

Ricavato negli storici spazi del palazzo costruito nel 1870 dai Mocenigo, nobile famiglia veneziana, l’Empire Palace Hotel in via Aureliana, a pochi passi da via Veneto, ha il fascino di un palazzo impreziosito da opere di arte contemporanea, con spazi come Blue bar nella sede delle antiche stalle e il ristorante Aureliano d’ispirazione classica. I 5 piani per le 110 camere e suite, sono dedicati ai 5 continenti - Europa, Africa, Asia, America del Nord e America Latina – tutti riprodotti nell’arte. La Corte delle Stelle, cortile interno dell’Empire Palace Hotel aperto al pubblico, ospita una fontana del ‘500. Le 3 sale modulabili sul roof godono di luce naturale e offrono la vista sui tetti di Roma.

Empire Palace Hotel, Hotel Art by the Spanish Steps e Castello della Castelluccia sono parte di PLH, Palenca Luxury Hotels Group (www.plh.it), insieme agli spazi eventi Roma Eventi Piazza di Spagna e Roma Eventi Fontana di Trevi e al Grand Hotel Europa nel centro di Innsbruck. PLH, Palenca Luxury Hotels Group con 1 castello, 3 alberghi, 2 centri congressi è il gruppo italiano nato da una storia di famiglia, un’attività imprenditoriale significativa nel settore dell’ospitalità.

 

Per informazioni e prenotazioni:

Empire Palace Hotel
Via Aureliana, 39 - Roma
Telefono: +39 06 421281
gold@empirepalacehotel.com


[M.V. Anno X - Nr 1537 del 19.11.2019] | Hotel Italia

20 ANNI HILTON ROME AIRPORT


Il 13 Novembre 1999 il primo ospite varcava la soglia dell’Hilton Rome Airport, rendendo operativo l’hotel da 517 camere di gestione della Icarus Spa.


20 anni fa, l’apertura dell’albergo creò tra i media molto scalpore non solo perché rappresentava l’avvento del primo hotel aeroportuale in Italia – non a caso il suo slogan era “l’unico albergo con il proprio aeroporto” – ma anche per lo stile dell’architettura, il comfort funzionale e le dotazioni innovative e tecnologiche che già vantava, in perfetta linea con l’arrivo del terzo millennio.

 

Prontamente ha ottenuto il successo previsto, confermandosi un hotel ottimale sia per il turista sia per il cliente che viaggia per affari.

Da allora i numeri sono in continua, costante crescita.

Le 21 sale meeting ospitano 900 convegni l’anno e per soddisfare le richieste, sono stati eseguiti rinnovamenti e ristrutturazioni, come la creazione di un’ulteriore sala eventi che ospita fina a 650 persone.

La Icarus collabora con scuole di settore per l’avvio alla professione dei loro studenti che si alternano in tirocini nei vari reparti.

La famiglia HRA è composta da personale di ben 9 diverse nazionalità, con una suddivisione perfettamente paritaria tra uomini e donne. 25 sono coloro che festeggiano i vent’anni di lavoro, testimoni e partecipi dello sviluppo dell’albergo.

La Icarus negli anni ha confermato la sua vocazione verso la sostenibilità ambientale. L’installazione di pannelli fotovoltaici e solari nei vari parcheggi e la sostituzione dei gruppi frigoriferi con recuperatori di calore collegati all'impianto termico, hanno consentito un risparmio energetico fino al 7% sui consumi totali.

L’albergo ha inoltre introdotto altre piccole migliorie ambientali. Tra le azioni più significative la sostituzione graduale del materiale in plastica con vetro e materiale bio nei bar, il riciclaggio soap dalle camere, l’acquisto di diversi prodotti culinari a KM zero e il cambio delle luci con lampadine led ecologiche a bassissimo consumo.

In armonia con la politica del marchio Hilton, non sono mancate prestazioni di volontariato con particolare attenzione al territorio.

La pulizia delle spiagge di Fiumicino e di Focene da parte dei dipendenti, dei manager e della proprietà, è stata una dimostrazione di senso civico di fondamentale importanza per rafforzare l’appartenenza alla comunità.

Il recapito di cibo e di altri beni di prima necessità per i senza tetto alla Parrocchia dell’aeroporto Santa Maria degli Angeli è stata un’iniziativa che ha coinvolto tutto il reparto Food.

Per raccogliere fondi destinati ai bambini della casa famiglia Fregene, sono stati organizzati mercatini e lotterie dentro l’albergo, coinvolgendo anche gli ospiti. Inoltre i bambini sono stati ospitati e accompagnati dai dipendenti Hilton al cinema e al Cinecittà World. Il gesto ha reso felici non solo i piccoli.

La Icarus nel corso di questi vent’anni ha compiuto importanti investimenti.

In linea con lo stile architettonico dell’albergo, una scultura rappresentante una sfera di Arnaldo Pomodoro è esposta sin dall’apertura nell’androne che collega la Lobby con il ristorante. A questa si è aggiunta nel 2005 un’ulteriore opera di bronzo di arte moderna. La statua fontana di Jean Michel Folon “La Pluie”, raffigurante un uomo con ombrello, è posta all’esterno alla piacevole vista non solo dei clienti.

Nel 2006 la Icarus ha aperto un nuovo albergo aeroportuale, l’Hilton Garden Inn Rome Airport, aggiungendo possibilità di scelta ai propri ospiti con un brand accessibile e collaudato in tutto il mondo. I due alberghi aereoportuali sono stati resi possibile grazie alla collaborazione costante con la società ADR, Aeroporti di Roma.

Hilton Rome Eur – La Lama, in apertura nella primavera nel 2020, sarà il prossimo capitolo della partnership tra Icarus e Hilton. L’avveniristico albergo nel quartiere business di Roma, è indirizzato a implementare il turismo, a soddisfare la richiesta di eventi cittadini con i suoi servizi e i suoi lussuosi comfort e a offrire affidabile ospitalità agli ospiti della Icarus.

 

Al momento gli alberghi offrono lavoro ad oltre 400 famiglie, con l’avvento del nuovo hotel il numero aumenterà esponenzialmente.


[M.V. Anno X - Nr 1535 del 14.11.2019] | Hotel Italia

NUOVA STAGIONE RISTORANTE SENSES DI PALAZZO MONTEMARTINI ROME


A RADISSON COLLECTION HOTEL


Il Senses Restaurant & Lounge Bar di Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel si trasforma in un vero e proprio teatro del gourmet, aperto a tutti, dalla prima colazione al dopo cena.

 

A seguito del successo dell’iniziativa dedicata al menu “All Day Long”, che permette di ordinare piatti diversi in qualunque ora della giornata, il ristorante apre al pubblico sin dalla prima colazione e inaugura un nuovo menù autunnale con proposte per tutti i gusti.

 

Il menù firmato dall’Executive Chef Simone Strano con prodotti di grande eccellenza, è scandito dai vari momenti della giornata: “Bakery moment” con proposte che spaziano dalla selezione di mignon alla classica English breakfast; “Snack moment” con proposte della tradizione italiana come l’insalata siciliana e la burrata con pesto di basilico e piatti con un tocco internazionale, come il club sandwich o l’hambuger di fassona. Si passa poi all’”Aperitif moment”: dal gambero in tempura con salsa agrodolce al mini iris all’amatriciana. Momento clou: aperitivo con lo chef dalle 18.00 alle 20.00. E per “la Carte Moment” antipasti come l’arancino di alici con caponata siciliana e cipolla in agrodolce, baccalà in tempura nera, puntarelle e maionese ai lamponi, tartare di manzo con uovo di quaglia, insalata riccia e cremoso di ricotta per poi passare alla carbonara di tonno con spaghettone di Monograno Felicetti, calmarata con polpo all’Amatriciana, cavatelli di pasta fresca ai tre pomodori e burrata, orecchiette con cime di rapa, polpettine di vitello alle erbe e taralli. Per gli amanti del pesce da segnalare la spigola alla griglia con zucca all’agro e cremoso all’acqua pazza mentre tra i piatti di carne la guancia di vitello con cipolla di Tropea stufata e purea di patate. Per terminare un dolce come l’”Ardente Fondente” al cioccolato crumble salato e gelato alla zabaione.

Ad accompagnare ogni piatto, le sapienti mani dei barman del Senses Restaurant & Lounge Bar, guidati dal pluripremiato Riccardo Di Dio Masa, che offrono all’ospite la possibilità di essere coinvolto in un percorso di gusto del tutto personalizzato, con abbinamenti e creazioni a volte molto arditi, come il Daiquité con rum bianco, lemongrass, lime fresco, basilico, angostura bitter e zenzero abbinato al baccalà in tempura al nero di seppia o per il sushi croccante in salsa agrodolce, il Butterscotch Martini, con liquore butterscotch, amaro dente di leone, vodka, gocce di olio EVO aromatizzato all’arancia e vaporizzazione di essenza in crosta di pane.

Inoltre, sin dal primo mattino gli ospiti possono ora gustare i piatti della prima colazione nel magnifico salone caratterizzato dalla grande fontana centrale con colonne in marmo e giardino attraversato dalle Mura Serviane: chef a vista per piatti espressi, torte fatte in casa, piatti dolci e salati, arricchiscono il banco bar con una scelta variegata per gli ospiti dell’albergo e non solo.

Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel, è accanto alle Terme di Diocleziano e alla Basilica di Santa Maria degli Angeli e offre 82 camere e suite, il Senses Restaurant & Lounge Bar, la Spa Caschera, sale per riunioni ed eventi e la panoramica Terrazza Montemartini.
Parte del gruppo Ragosta Hotels Collection, che include anche l’Hotel Raito e il Relais Paradiso a Vietri sul Mare in Costiera Amalfitana e La Plage Resort a Taormina, Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel opera con Radisson Hospitality AB secondo il contratto di licenza internazionale con Ragosta Hotels Collection nella collezione premium di hotel eccezionali situati in luoghi unici.

 

Per informazioni e prenotazioni: Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel
Largo Giovanni Montemartini, 20 - 00185 Roma Tel. 06.45661
info.palazzomonemartini@radissoncollection.com
www.radissoncollection.com/it/palazzo-montemartini-hotel-rome


[M.V. Anno X - Nr 1530 del 31.10.2019] | Hotel Italia

APPUNTAMENTI DI GUSTO ALL’HOTEL ART BY THE SPANISH STEPS


DI VIA MARGUTTA A ROMA


Inaugura una stagione ricca di appuntamenti dedicati al gusto all’Hotel Art by the Spanish Steps di via Margutta, nel cuore di Roma.

 

Da lunedì 11 novembre, tutti i giorni esclusa la domenica, dalle ore 16:00 alle ore 18:00 è possibile dedicarsi al rito del tè pomeridiano comodamente seduti al Crystal Bar caratterizzato da ambienti unici e originali dedicati all’arte contemporanea, scegliendo tra sei diversi tipi di infusi, accompagnati da pasticceria secca, biscottini salati, mini tramezzini e una selezione di torte del giorno.

Giovedì 28 novembre spazio alle celebrazioni del Giorno del Ringraziamento con un aperitivo alle ore 19.30 e a seguire cena a buffet con piatti tipici della tradizione americana come il tacchino ripieno al forno, torta rustica alla zucca, pannocchie al burro fuso aromatizzato alle erbe, muffin salati rustici, paninetti al mais, torta di patate americane e una selezione di torte.

Sabato 7 dicembre, poi, anche all’Hotel Art by the Spanish Steps è di scena il Maritozzo Day, l'evento che celebra la golosa specialità romana, con due diversi tipi di maritozzo, non solo il classico con panna ma anche uno salato farcito con la coratella. I maritozzi verranno omaggiati a tutti coloro che si presentano con il coupon dell'evento e a seguito di una donazione per l'Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina a sostegno delle attività della Breast Unit.

Immerso nel fascino della celebre via Margutta, l’Hotel Art by the Spanish Steps (www.hotelart.it) è un luogo magico dove l’arte è protagonista: dalla hall con la reception all’interno di una scultura a forma di uovo gigante ai colori dei 4 piani delle 46 camere – blu, arancio, giallo e verde – con i versi dei poeti scritti lungo i corridoi, è una galleria d’arte tutta da scoprire. Un luogo unico, dove l’arte moderna si sposa con lo stile classico della struttura, antica sede della cappella di una scuola. Il cortile interno e il bistrot sono il luogo ideale dove trascorrere una pausa nell’arco della giornata, a pochi passi da Piazza di Spagna, deliziati dalle sorprese dello chef, con la possibilità di godere anche di momenti di benessere alla Spa.

Hotel Art by the Spanish Steps è parte di PLH Group, insieme a Empire Palace Hotel - palazzo affascinante non lontano da via Veneto -, Castello della Castelluccia - dimora del 1300 immersa nel Parco di Veio -, Roma Eventi Piazza di Spagna, Roma Eventi Fontana di Trevi e Grand Hotel Europa, gioiello nel centro di Innsbruck. PLH Group con 1 castello, 3 alberghi, 2 centri congressi è il gruppo italiano nato da una storia di famiglia, un’attività imprenditoriale significativa nel settore dell’ospitalità.

 

Per ulteriori informazioni e/o prenotazioni: Hotel Art by the Spanish Steps, www.hotelart.it, info@hotelart.it Via Margutta 56, 00187 Roma - Tel. 06.328711


[M.V. Anno X - Nr 1530 del 31.10.2019] | Hotel Italia

Wellness a Lana e dintorni


Le migliori Spa del territorio


Nella stagione invernale non c’è niente di meglio che dedicare del tempo al proprio benessere per ritemprare il corpo sottoposto alla fatica di contrastare il freddo e lo stress. Molte strutture di alto livello a Lana e nei suoi dintorni dispongono di meravigliose Spa e offrono trattamenti molto all’avanguardia nell’utilizzo di tecniche e materiali.

 

Una di queste è il DolceVita Alpiana Resort, Green Luxury, Gourmet & Spa a Foiana, località nei dintorni di Lana, un’oasi di benessere tra le montagne, immersa tra prati, castagneti e boschi.
Il concetto di wellness all’Alpiana Resort è molto legato alla natura e al suo colore verde, che rilassa e non affatica e che circonda l’intera struttura. È il motivo per cui il wellness all’Alpiana Resort non è più distanziato dall’esterno, ma entra in simbiosi con l’esterno stesso. Quando le temperature lo permettono, infatti, i massaggi, lo yoga, il pilates, la ginnastica per la schiena vengono praticati all’aria aperta. Un paradisiaco Pool Garden di 570 metri quadrati di superficie totale si estende davanti all’hotel, nel cuore di un meraviglioso giardino mediterraneo. I 2000 metri quadrati di Spa e benessere di cui dispone si estendono su tre piani, con 6 saune (finlandese, a infrarossi – entrambe panoramiche -, finlandese, bagno a vapore, biosauna e cabina a luci infrarosse Physiotherm), la Sky Spa “Mountain View” con vista panoramica a 360°, la Private Spa, 5 lounges di rilassamento (ski-lounge “Mountain View”, Spa-lounge indoor & outdoor, Silent Lounge, lounge presso le saune e a bordo vasca) fornite di sedie a sdraio e poltrone cocoon. Inoltre, massaggi e bagni, trattamenti per il viso, per le mani e per i piedi e speciali trattamenti personalizzati, anche per i più piccoli. Una piscina indoor di 17 metri collega con un passaggio interno all’Infinity Pool di 23 metri del giardino. Qui l’acqua riscaldata a 32° evapora quando fuori fa più freddo, creando suggestivi vapori che rendono l’atmosfera ovattata.

Per ulteriori informazioni su offerte e pacchetti: alpiana.com

Lo Yoga e Wellness Hotel Schwarzschmied di Lana ha una visione olistica della Spa, che poggia su quattro pilastri: bellezza, rilassamento, movimento e alimentazione. Secondo lo Schwarzschmied, in una esperienza di benessere è fondamentale mettere al centro la qualità della vita e la salute. Nella Spa si trovano zone relax dotate di camino con fuoco vivo e angolo del tè, dove gli ospiti possono gustare tè biologici o limonate fatte in casa, una nuova sauna finlandese con vista panoramica sulla Val d’Ultimo e un bagno turco. L’atmosfera intorno alla piscina coperta è molto rilassante grazie ai giochi di luce, alle sottili profumazioni e alla musica armoniosa. I trattamenti beauty dell’hotel hanno una lunga tradizione e costituiscono una piccola isola di bellezza con al centro la cosmesi naturale, affiancata da massaggi e piacevoli bagni caldi e freddi.

Per ulteriori informazioni su offerte e pacchetti: schwarzschmied.com

Un contesto “semplicemente” unico è quello del vigilius mountain resort, un’isola fra le montagne situata sul Monte San Vigilio e raggiungibile esclusivamente attraverso una breve salita con la funivia che collega la struttura al paese di Lana di Sotto. L’hotel a 5 stelle è completamente immerso nella natura a 1500 metri e possiede un tesoro unico: acqua sorgiva ricca di minerali che sgorga dalla montagna. Quest’acqua viene utilizzata in tutta la struttura, anche nella zona wellness, nella piscina che attraverso l’ampia vetrata panoramica consente di ammirare, immersi nell’acqua tiepida, i vicini larici e le lontane Dolomiti e nell’idromassaggio. Nelle giornate più fresche, il vapore acqueo della piscina che si estende all’esterno si mescola al profumo aromatico e resinoso degli antichi alberi, infondendo una impagabile calma interiore. Le saune si trovano in una zona separata: quella finlandese con una temperatura fino a 80° e il bagno turco; subito fuori dalle saune gustose mele dell’Alto Adige, caraffe di acqua minerale sorgiva di monte San Vigilio e un’ampia scelta di tisane.
La vigilius mountain spa invita gli ospiti a intraprendere un’esplorazione con tutti i sensi, regala il tempo e la serenità che servono a rigenerarsi, a trovare la purezza e la sensazione di essersi riappropriati di se stessi. Infine, i trattamenti Spa a 5 stelle si basano su una felice commistione tra i tesori unici della montagna altoatesina e la saggezza della medicina naturale tradizionale dell’estremo oriente.

Per ulteriori informazioni su offerte e pacchetti: vigilius.it

Der Waldhof è l’hotel a 4 stelle superior situato in una posizione tranquilla ai margini di Foiana, immerso nel verde di foreste, frutteti e vigneti. Der Waldhof dispone di un’ampia piscina panoramica, dotata di jet stream, di oltre 60 metri quadrati al coperto con accesso alle sdraio del giardino e benefico rifugio wellness nel bosco, di un idromassaggio caldo e di una bellissima e recentissima Panorama Infinity Pool di 22 metri di lunghezza. Inoltre, nella Spa sono presenti un Bagno al vapore secco con fiori di prato che, attraverso un piacevole tepore, una bassa umidità e il profumo delle erbe di montagna regala benessere e relax; una Biosauna panoramica, una Sauna Finlandese in legno invecchiato, una cabina in legno a infrarossi per due con lettino matrimoniale, percorso Kneipp, un Bagno al vapore salino, una Sala Relax Wolke 7, d’obbligo dopo la sauna, una doccia sensoriale e la sala relax panoramica “Sound of Silence”. Dalla primavera 2019 a disposizione degli ospiti anche una sauna per eventi nel bosco con diverse gettate al giorno.

Per ulteriori informazioni su offerte e pacchetti: derwaldhof.it

Il Muchele è un piccolo hotel di design a Postal, altra località nei dintorni di Lana, che basa il proprio successo sulla cordialità, sulla vivacità, sulla disinvoltura e sul comfort. Il Muchele è gestito dalla famiglia Ganthaler e la figlia minore, Anna, regala felicità e benessere agli ospiti nell’”Anna Spa” con una sauna finlandese (90°), di un bagno turco con finestra panoramica e una temperatura di 45° e una zona relax dove farsi cullare dai lettini in legno di cimbro. Per gli innamorati, possibilità di prenotare la Private Spa con vasca a idromassaggio per due, sauna finlandese, letto per il relax post trattamenti e doccia. A disposizione vari trattamenti e massaggi per ogni parte del corpo.

Per ulteriori informazioni su offerte e pacchetti: muchele.com

Per ulteriori informazioni sul territorio: visitlana.com


[M.V. Anno X - Nr 1530 del 31.10.2019] | Hotel Italia

I COLORI DELL’ARTE E DELLA MODA NEI PIATTI STELLATI


Dopo 9 mesi, la gara iniziata a Roma, ha visto protagoniste coppie di chef stellati in tour in Italia.


Quando il colore è protagonista: la grande cucina italiana si ispira al design di Ottavio Missoni e Lucio Fontana per la creazione di piatti gourmet ad opera degli chef stellati Umberto De Martino e Massimo Viglietti, in gara a Milano martedì 22 ottobre per l’ultima tappa di SINA Chefs’ Cup Contest al ristorante L’Opéra del SINA de la Ville di via Hoepli.

 

Dopo 9 mesi, la gara iniziata a Roma, ha visto protagoniste coppie di chef stellati in tour in Italia che con le loro creazioni si sono ispirati al design per coinvolgere, divertire e far gustare piatti inediti al pubblico partecipante, in una sfida a colpi di padelle.

Milano ospita ora l’ultima coppia in gara per la settima edizione di SINA Chefs’ Cup dove i due protagonisti della serata, De Martino (1 stella Michelin, ristorante Florian Maison) e Viglietti (1 stella Michelin, Achilli al Parlamento) hanno il compito di ammaliare pubblico e giuria per salire ai vertici della classifica e conquistare la finale: il primo con la sua sfera di tonno rosso del Mediterraneo polvere di olive nere, crumble al nero di seppia, tamarindo, limone candito e centrifuga di rapanelli ispirata ai concetti spaziali di Lucio Fontana, mentre il secondo con un antipasto ispirato ai giochi di colore dello stilista Ottavio Missoni, casualmente daltonico come lo chef Viglietti, nonostante il colore sia protagonista nelle rispettive creazioni.

Sulla tavola per la serata i vini dell'azienda agricola Lanciani - Offida Passerina DOCG, Offida Pecorino DOCG e Trebbiano d'Indicazione Geografica Tipica Marche - e l'etichetta nera dell'acqua Ferrarelle Maxima - l'unica acqua effervescente naturale rinforzata con il gas della sua sorgente, creata proprio per l'alta ristorazione, nelle storiche sorgenti di Ferrarelle a Riardo -, insieme al Prosecco di alta qualità Frattina - che nasce dalla selezione di uve da alcuni tra i territori più vocati nelle zone di produzione della D.O.C.G. al confine tra Veneto e Friuli - e al mirto Zedda Piras, il tipico liquore ottenuto solo con bacche fresche di mirto che da oltre un secolo e mezzo è simbolo della Sardegna.

Al termine della cena esperienziale con cooking show - realizzato grazie alla tecnologia della scuola di cucina e pasticceria Les Chefs Blancs – i due chef stellati riceveranno il punteggio dalla giuria di esperti, per la classifica generale che al momento vede in testa Andrea Larossa e Andrea Pasqualucci con un punteggio di 96/100.

La competizione, giunta alla settima edizione, nasce proprio dall'idea che, oggi, l'enogastronomia è una vera e propria forma d'arte, con la possibilità da parte del pubblico, in questo caso, di fruire e digerire letteralmente le "opere d'arte" degli "artisti" chef.

Palcoscenico d'eccellenza, gli alberghi del gruppo SINA HOTELS, che sin dagli esordi hanno abbracciato l'evento, quali interpreti della tradizione squisitamente italiana fatta di storia, cultura, arte, lusso ed eccellenza: SINA Villa Medici a Firenze, SINA Bernini Bristol a Roma, SINA Centurion Palace e SINA Palazzo Sant'Angelo a Venezia, SINA Brufani a Perugia, SINA Villa Matilde a Romano Canavese (TO), SINA The Gray e SINA De La Ville a Milano dove si svolgerà l’ultima tappa il 22 ottobre, SINA Maria Luigia a Parma, SINA Astor a Viareggio e SINA Flora a Capri.

Partner d’eccezione di SINA Chefs' Cup Contest si conferma Diners Club, la prima carta di credito al mondo e in Italia con oltre 60 anni di storia, nata proprio nell’alta ristorazione per offrire privilegi unici ed esclusivi ai propri Soci, come in questa occasione per cui i soci in cui ci saranno agevolazioni e incontri dedicati con gli chef.

Per gli appassionati, quest'anno la possibilità di "assaporare" le ricette direttamente dalla voce degli chef, in collegamento radio con il programma di Radio Godot "Foodie in Town".

 

 

Per informazioni e prenotazioni:

Ristorante L’Opera
Sina De la Ville

Via Hoepli, 6 Milano

Tel. +39 02 8791311


[M.V. Anno X - Nr 1524 del 17.10.2019] | Hotel Italia

APERITIVI D’AUTUNNO ALL’HOTEL ART BY THE SPANISH STEPS


Con l’arrivo della stagione autunnale, l’Hotel Art by the Spanish Steps di via Margutta, nel cuore di Roma, propone un viaggio da nord a sud d’Italia con aperitivi a base di vini e formaggi.


Fino al 17 novembre, ogni due settimane, si alternano diverse proposte dedicate a una zona d’Italia. Si parte con l’aperitivo dedicato al nord: tagliere con tuma del trifulau, cusié con latte di capra e vaccino del Valcasotto stagionato in legno e “bitto” formaggio d’alpeggio a pasta dura, accompagnato da un calice di Traminer i.g.t Tre Venezie o di Chianti d.o.g.c.

 

Gli aperitivi successivi vedono protagonisti il centro e sud Italia. Per il centro, tagliere con formaggio misto alle vinacce, erborinato "giallo blu" e pecorino romano d.o.p, accompagnato da un calice di Sauvignon o di Syrah Lazio i.g.t. Per il sud, tagliere con crema del tavoliere, caciottina mista alle olive, silano affumicato, accompagnato da un calice di Grillo Sicilia D.O.C. o da un Frappato Vittoria d.o.c. Prezzo a persona €12,00: aperitivo con un calice di vino e tagliere di formaggi.

Immerso nel fascino della celebre via Margutta, l’Hotel Art by the Spanish Steps (www.hotelart.it) è un luogo magico dove l’arte è protagonista: dalla hall con la reception all’interno di una scultura a forma di uovo gigante ai colori dei 4 piani delle 46 camere – blu, arancio, giallo e verde – con i versi dei poeti scritti lungo i corridoi, è una galleria d’arte tutta da scoprire. Un luogo unico, dove l’arte moderna si sposa con lo stile classico della struttura, antica sede della cappella di una scuola. Il cortile interno e il bistrot sono il luogo ideale dove trascorrere una pausa nell’arco della giornata, a pochi passi da Piazza di Spagna, deliziati dalle sorprese dello chef, con la possibilità di godere anche di momenti di benessere alla Spa.


Hotel Art by the Spanish Steps è parte di PLH Group, insieme a Empire Palace Hotel - palazzo affascinante non lontano da via Veneto -, Castello della Castelluccia - dimora del 1300 immersa nel Parco di Veio -, Roma Eventi Piazza di Spagna, Roma Eventi Fontana di Trevi e Grand Hotel Europa, gioiello nel centro di Innsbruck. PLH Group con 1 castello, 3 alberghi, 2 centri congressi è il gruppo italiano nato da una storia di famiglia, un’attività imprenditoriale significativa nel settore dell’ospitalità.

Per ulteriori informazioni e/o prenotazioni:
Hotel Art by the Spanish Steps, www.hotelart.it, info@hotelart.it
Via Margutta 56, 00187 Roma - Tel. 06.328711


[M.V. Anno X - Nr 1522 del 11.10.2019] | Hotel Italia

IL NUOVO GRUPPO ALBERGHIERO ITALIANO


OMNIA HOTELS: UNA STORIA DI FAMIGLIA


Tradizione familiare, innovazione imprenditoriale, ospitalità come passione: questi gli elementi da cui nasce OMNIA Hotels, il gruppo alberghiero italiano, con sede a Roma, che si presenta nella nuova veste dal 9 ottobre, in occasione del TTG Travel Experience di Rimini.

 

Una realtà con 35 anni di attività che si sviluppa aprendo le porte alle nuove generazioni: OMNIA Hotels nasce, infatti, grazie all’impegno di Francesco e Riccardo Lazzarini, figli di Lorenzo, che insieme al fratello Antonio ha creato e sviluppato negli anni il gruppo LOAN Hotels, con il nome derivato proprio dalle rispettive iniziali.

OMNIA Hotels vede oggi al suo attivo 5 alberghi nella città di Roma: l’Hotel Donna Laura Palace affacciato sul Lungotevere nel quartiere Prati, il Grand Hotel Fleming immerso nel cuore della Collina Fleming, l’Hotel Imperiale proprio su via Veneto, l’Hotel Shangri La Roma punto di riferimento dell’EUR e l’Hotel Santa Costanza a pochi passi dall’omonimo mausoleo di via Nomentana.

“Desideriamo mantenere vivi i valori di ospitalità che fanno parte della tradizione della nostra famiglia”, ha dichiarato Francesco Lazzarini e Riccardo Lazzarini ha aggiunto: “Allo stesso tempo è necessario rinnovare i servizi e ampliare le offerte per gli ospiti”.

Ospitalità come passione, mondo come casa, comfort dell’ospite come obiettivo, equilibrio vita-lavoro come ideale: questa la visione dei due fratelli Lazzarini per il gruppo OMNIA Hotels, che si riflette nel logo, creato e sviluppato proprio nel senso di compiutezza nel colore bronzo, simbolo di armonia, equilibrio e vitalità, dove il cerchio rappresenta l’inizio senza fine, l’eterno ritorno, la forma perfetta mentre il rombo è autentico, immutabile, indistruttibile.

OMNIA Hotels è presente alla fiera di Rimini, nell’area C7 allo stand 200, da mercoledì 9 a venerdì 11 ottobre.


Per informazioni: OMNIA Hotels www.omniahotels.com tel. 06.873636
Daniela Baldelli, Direttore Sales & Marketing, danielabaldelli@omniahotels.com


[M.V. Anno X - Nr 1522 del 11.10.2019] | Hotel Italia

I COLORI DELLE PAROLE


All’Hotel Diana di Roma la premiazione del concorso letterario ideato con l’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse”


Oltre cento elaborati, tra poesie e racconti, partecipanti da tutta Italia, inclusi giovani di scuole medie, giuria di qualità, scenografia naturale di una terrazza con vista su Roma: questi gli ingredienti della prima edizione del concorso letterario “I Colori delle Parole”, che sabato 5 ottobre alle ore 16 vede la proclamazione dei risultati all’Hotel Diana di Roma, in via Principe Amedeo.

 

Il concorso, ideato dal poeta Alessandro Ristori, con l’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse” e coordinato da Antonella d’Angelo, ha avuto un grande richiamo impegnando i giurati in una selezione di opere meritevoli, realizzate con stili e professionalità diverse, abilità, competenze ed estro creativo.

La giuria composta da Cinzia Baldazzi (critica letteraria e saggista), Dario Pisano (critico letterario e saggista), Alessandro Ristori (poeta), Maurizio Giannini (scrittore), Alberto Patelli (attore, autore e regista), Pino Vastarella (artista, organizzatore di serate di lettura) ha raccolto e valutato gli elaborati con la sorpresa anche di una significativa partecipazione giovanile e la curiosità di un coinvolgimento familiare con due testi di mamma e figlia.

“Siamo particolarmente onorati di ospitare una rassegna culturale che ha superato le aspettative di partecipazione” – ha dichiarato Caterina De Angelis, responsabile degli eventi speciali dell’Hotel Diana e fautrice dell’iniziativa. “Il nostro albergo di famiglia con il roof garden l’Uliveto vuole essere un punto di riferimento per attività culturali che possono andare di pari passo con l’ospitalità.”

L’Hotel Diana, infatti, ha inaugurato quest’anno anche le “Passeggiate nella Roma Capitale”, curate sempre dall’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse”, un percorso insolito alla scoperta di Roma fra tradizione e rinnovamento in luoghi e siti artistici vicini all’Hotel Diana di Roma, non solo in senso geografico, ma anche storico e tematico.

Le visite riprendono dopo la pausa estiva: domenica 13 ottobre a via Veneto con i suoi grandi alberghi nati sul sito di Villa Ludovisi con particolare riferimento all'Hotel Ambasciatori di Piacentini; sabato 9 novembre a piazza del Popolo, via del Babuino con l'Hotel de Russie e il suo giardino segreto, fino allo studio del Canova e del suo allievo prediletto Tadolini; sabato 7 dicembre la chiesa di Saint Paul con i mosaici di Edward Bune-Jones.

Il programma si inserisce nell’ambito dei festeggiamenti per gli 80 anni dell’Hotel Diana di Roma, che deve la sua storia alla lungimiranza del suo fondatore, Benedetto De Angelis, noto anche per aver portato per primo i turisti con il “torpedone” in giro per la città e in gite fuori porta fino a spingersi a Pompei, Sorrento e Capri, meritando la cittadinanza onoraria di Sorrento.

LA STORIA DELL’HOTEL DIANA DI ROMA
L’Hotel Diana di Roma deve la sua storia alla lungimiranza del suo fondatore, Benedetto De Angelis, noto anche per aver portato per primo i turisti con il “torpedone” in giro per la città e in gite fuori porta fino a spingersi a Pompei, Sorrento e Capri, meritando la cittadinanza onoraria di Sorrento.

Nel 1939, il capostipite della famiglia, abruzzese di origine prese in affitto un palazzo a via Principe Amedeo 4: già da tempo lavorava nel campo del turismo, avendo iniziato da giovanissimo come “addetti alle funi degli ascensori ad acqua” all’Hotel de Russie, fino ad arrivare alle portinerie di due grandi alberghi.

Con una intraprendenza non comune all’epoca andò, infatti, all’estero per lavorare sempre negli alberghi e imparare l’inglese, il francese e il tedesco; tornato a Roma, divenne primo portiere dell’Hotel Quirinale e nel 1925, grazie ad un’altra brillante intuizione, rilevò l’agenzia Carrani, alla quale facevano capo gli omnibus a cavallo per i turisti.

Comprò il primo omnibus a motore, lo “Sciarabà” per trasportare i turisti in giro per Roma e poi, primo in Italia e forse in Europa, verso il sud e la penisola sorrentina, contribuendo al grande sviluppo dell’economia della zona.

Con l’Hotel Diana avviò l’attività di albergatore, nel 1939, il cui nome fu ispirato a quello della figlia di un fraterno amico e collega di lungo corso.

All’Hotel Diana si trasferì ad abitare con la famiglia, la moglie Anna ed i figli Clara, Enrico e Silvestro. Durante la guerra l’Hotel Diana venne requisito dai tedeschi e dopo la liberazione dagli ufficiali e sottufficiali francesi.

Al termine della guerra, Enrico, rientrato dal fronte, riprese la normale gestione dell’attività alberghiera insieme al padre, espandendo la struttura con l’acquisizione del palazzo attiguo, fino ad arrivare nel 1960 ad avere un albergo completamente ristrutturato con 190 camere, tutte con servizi privati e tre ascensori per gli ospiti.

A metà degli anni settanta la terza generazione della famiglia entra nell’attività con una grande spinta di rinnovamento negli ambienti e nella tecnologia, cui si aggiunge nel 1983 l’aria condizionata, cosa insolita se non negli alberghi di gran lusso.

Nel 1985, Benedetto muore lasciando un grande vuoto in tutta la famiglia; l’anno seguente inizia la completa ristrutturazione dell’Hotel Diana e nel 1996 viene realizzato il roof garden, dalla vecchia terrazza.

Nel frattempo, il figlio di Enrico, Carlo, diventato nuovo amministratore ed intestatario della licenza, in azienda dal 1983, continua nell’opera di ristrutturazione generale per mantenere un alto standard di livello estetico e funzionale ed aggiornare la struttura e le camere ai livelli di sicurezza, come da legge.

Nel 2008 anche le altre figlie di Enrico, Stefania e Caterina, subentrano nell’attività per dedicarsi rispettivamente all’housekeeping e alla ristorazione, innalzando così il livello dei reparti.

Da circa 15 anni, poi, anche le figlie di Carlo, Cecilia e Marta, sono entrate in attività, occupandosi la prima del revenue management e la seconda dell’amministrazione.

Oggi l’Hotel Diana di Roma, 4 stelle, offre 157 camere con tutti i comfort moderni; caratteristica la prima colazione, variegata ed abbondante che viene servita all’ultimo piano dell’albergo e in terrazza, durante la bella stagione: qui il roof garden L’Uliveto aperto anche al pubblico per pranzo e cena; sei sale riunioni completamente ristrutturate e con luce naturale rappresentano anche la soluzione ideale per viaggi o incontri di lavoro.

Prossimo progetto: la realizzazione di una spa con percorsi di frigidarium, calidarium, bagno turco, piscina idromassaggio e cabine per massaggi rilassanti.

L’Hotel Diana di Roma è oggi un’azienda che riconosce l’importanza della famiglia, quale valore fondamentale dell’esistenza e pilastro di una vita di relazione che si manifesta in tutti i campi dei rapporti umani, etico, religioso e lavorativo.


Hotel Diana Roma 1939-2019 www.hoteldianaroma.com tel. 06.478681
Via Principe Amedeo, 4 00185 Roma


[M.V. Anno X - Nr 1519 del 03.10.2019] | Hotel Italia

Proposte “Last Season” a Limone sul Garda


Il Park Hotel Imperial***** e il Centro Tao propongono soluzioni di fine stagione per godersi gli ultimi giorni d’autunno.


“Last Season” è un’idea rigenerante per passare qualche giorno sulle sponde settentrionali del Lago di Garda, in particolare nel piccolo borgo di Limone sul Garda che, anche grazie alla nuova ciclopedonale più spettacolare d’Europa, è oggi meta ambita e accoglie visitatori provenienti da tutto il mondo.

 

Il Centro Tao, Natural Medical SPA del Park Hotel Imperial*****L, solo nella settimana dal 10 al 17 Novembre 2019, prima della consueta chiusura annuale, propone i suoi percorsi classici, Tao Salute e Tao Minicura, con la possibilità di un upgrade gratuito da camera doppia Prestige a Junior Suite, e nessun supplemento singola per chi viene da solo.
Settimana Tao Salute da Euro 2.100,00 e Minicura Tao da Euro 1.040,00.

Ricordiamo che i programmi Tao sono dedicati a chi vuole prendersi cura del proprio corpo e della propria mente rilassandosi, tonificandosi, dimagrendo ed eliminando le tossine con un metodo che fonde la moderna scienza della nutrizione con i rimedi millenari della medicina tradizionale cinese come l’agopuntura, la riflessologia plantare, il massaggio dei meridiani, la floriterapia, la coppettazione dei punti Shu del dorso e il massaggio tuinà con bagno di vapore energetico.

Il programma Tao Salute – della durata di 7 giorni - è ideale per chi desidera iniziare un percorso nutrizionale detossinante e/o dimagrante e apprendere un metodo pratico e interattivo di nutrizione sana ed equilibrata. Uno spazio particolare è stato riservato al riequilibrio fisico respiratorio, motorio e posturale, personalizzato in base alle indicazioni ottenute dopo la visita medica Tao.

Il Tao Minicura – della durata di 3 giorni - è nato, invece, per coloro che, per mancanza di tempo, non hanno la possibilità di ritagliarsi un’intera settimana Tao. Concentrando i trattamenti e le terapie, in soli 3 giorni, si è ottenuto un programma essenziale ed efficace, ideale sia come richiamo benessere, per chi ha già fatto la Settimana Tao, e sia come prima esperienza per chi entra nel mondo Tao e vuole coglierne l’essenza.

Per chi fosse interessato alla sola offerta hotel, con utilizzo della nuovissima SPA, immersa nella natura, può scegliere tra i vari pacchetti Last Season di 1, 2 o 3 notti, validi dal 3 al 17 novembre.

I Pacchetti comprendono:
- Trattamento di mezza pensione
- Cesto di frutta fresca in camera
- SPA giornaliera con Soft Sauna, Steam Bath, Finnish Sauna, Vertical Kneipp e Ice Fall
- Attività fisica nella nuovissima palestra
- Infinity Pool in giardino, riscaldata 35°C, disponibile fino alle ore 20:00
- 1 trattamento a persona nel pacchetto di 2 notti e 2 trattamenti a persona in quello di 3 notti
- Piscina coperta, Linea di cortesia Imperial, SPA Kit con accappatoio, ciabattine e telo

A partire da Euro 205,00 - a persona.

Per richiedere ulteriori informazioni rivolgersi al numero 0365 95 45 91 o consultare il sito Internet www.parkhotelimperial.it


[M.V. Anno X - Nr 1517 del 30.09.2019] | Hotel Italia
Pubblicit