Notizie Turismo, News , Tempo libero, Cronache internazionali - Master Viaggi online

NOTIZIE TURISMO, NEWS, TEMPO LIBERO, TRASPORTI, CRONACHE INTERNAZIONALI

ANNUNCI GRATUITI
Il servizio Comunicati Stampa/Annunci gratuiti e' un servizio fornito dalla Travel Factory Srl in liquidazione, di seguito indicata come Il gestore del sito. Sebbene redatto con scrupolosita' e cura, il servizio non e' immune da errori, imprecisioni e omissioni, di cui Il gestore del sito non puo' e non potra' mai e in alcun modo essere ritenuta responsabile.
L'uso del Servizo e' effettuato dall'Utente sotto la sua completa responsabilita'. Il Gestore del sito non offre quindi garanzie (1) circa l'identita', la capacita' giuridica, la serieta' d'intenti o altre caratteristiche degli inserzionisti, (2) la qualita', la liceita', la sicurezza dei beni oggetto degli annunci, (3) la veridicita' e l'accuratezza di quanto fornito dagli inserzionisti.
Il Gestore del sito si riserva il diritto di modificare, in ogni momento e in piena autonomia, i contenuti dei Comunicati Stampa/Annunci gratuiti, nel rispetto comunque della volonta' dell'utente risultante dall'inserzione, le funzionalita' del servizio o di sospenderne l'erogazione senza alcun obbligo di preavviso agli utenti.

1° aprile 2019: riaprono i Giardini di Castel Trauttmansdorff


 

Attenzione: rilevata la presenza di killer, piante killer

È grande l’attesa per la riapertura dei Giardini di Castel Trauttmansdorff. Il 1° di aprile i Giardini di Sissi riaprono le porte ai visitatori, curiosi di ammirare il paradiso botanico di Merano. Inaugurati il 16 giugno 2001, da allora per i Giardini di Castel Trauttmansdorff è stato un susseguirsi di stagioni ricche di successi, di riconoscimenti e di novità. Anche per il 2019 il programma e le iniziative previste saranno numerosissime e davvero accattivanti, come la mostra temporanea, le visite guidate a tema, i pacchetti e gli eventi per vivere i Giardini con un tocco di mondanità.

 

Ogni anno, prima della riapertura, i giardinieri lavorano intensamente alla piantumazione di circa 300.000 bulbose, cioè viole, tulipani, narcisi, etc. e alla rimozione delle protezioni invernali delle piante sensibili al freddo. In questo modo, al momento della riapertura, i Giardini di Castel Trauttmansdorff sfoggiano la loro veste più bella, florida e coloratissima, in cui emerge il contrasto tra il nuovo fogliame, ricco di sfumature e l’intenso verde scuro delle chiome di specie esotiche sempreverdi.

Per il 2019, la mostra temporanea avrà come protagoniste le “Piante killer – Le carnivore verdi”: attraverso vari supporti visivi saranno svelati i trucchi e gli ingegnosi espedienti che queste piante utilizzano per attirare gli insetti nella loro trappola. Foglie appiccicose, fiori seducenti e stravaganti tentacoli sono alcuni degli strumenti che garantiscono alle piante killer la sopravvivenza. La mostra consentirà di fare un viaggio tra gli habitat naturali delle piante carnivore sparse per il mondo, dalle più alle meno note, dalle foreste tropicali alle paludi, dal fondovalle all’alta montagna. Nella Serra e in alcuni scenari del parco, sarà possibile ammirarne alcuni esemplari dal vivo, e, per soddisfare ogni curiosità, saranno organizzate visite guidate specifiche.

Per maggiori informazioni: www.trauttmansdorff.it.


[M.V. Anno X - Nr 1460 del 20.02.2019] | Tempo libero

Le quattro aree tematiche dei Giardini di Castel Trauttmansdorff


Gran parte del mondo botanico in 12 ettari


Le quattro aree tematiche dei Giardini di Castel Trauttmansdorff 
 
Gran parte del mondo botanico in 12 ettari
 
 
Informazioni richieste:
Gran parte del fascino dei Giardini di Castel Trauttmansdorff risiede nello spazio che occupano: una vastissima area verde scenograficamente di grande impatto per la forma ad anfiteatro naturale, una superficie digradante che copre circa 100 metri di dislivello, che si integra perfettamente nel paesaggio circostante fatto di panoramiche montagne e della città di Merano. Le quattro aree tematiche dei Giardini di Sissi trasmettono al visitatore la sensazione di trovarsi nella zona geografica cui fanno riferimento: Nord America e Asia Orientale per i “Boschi del Mondo”, aree dal clima mediterraneo per i “Giardini del Sole”, territori a clima caldo-umido caratterizzati da corsi d’acqua per i “Giardini Acquatici e Terrazzati” e per finire la regione dell’Alto Adige per i “Paesaggi dell’Alto Adige”.
 
I Boschi del Mondo sono un’area boschiva in cui sono stati ricreati paesaggi naturali e antropizzati in miniatura. Si passa quindi dai boschi di latifoglie e aghifoglie, al Bosco di Bambù e alla Valle delle Felci con un rarissimo esemplare di Wollemia nobilis, una conifera risalente a novantamila anni fa che si credeva ormai estinta, un vero e proprio fossile vivente. Come paesaggi antropizzati, nei Boschi del Mondo sono presenti la risicoltura e il Giardino Giapponese, un esempio di architettura paesaggistica dove l’acqua, gli aceri e le pietre sono gli elementi determinanti. In quest’area inoltre è collocata la Serra con piante tropicali da coltivazione, orchidee e il terrario e la Spiaggia delle Palme, che ricrea uno scenario tropicale con tanto di sabbia e sdraio in cui sedersi.
 
I Giardini del Sole si riconoscono anche dalla presenza di profumatissimi arbusti nani e di piante sempreverdi, con lecci, querce da sughero, corbezzoli, spezie da cucina, girasoli, melograni, viti, gelsi e fichi, tipologie assolutamente riconoscibili per chi vive nell’area del Mediterraneo. Ai piedi di Castel Trauttmansdorff cresce l’uliveto più settentrionale d’Italia, con un esemplare di 700 anni, una limonaia e un campo di profumata lavanda. In quest’area sono presenti anche giardini a tema e diverse collezioni di piante come quella della Salvia, con oltre 154 varietà e specie provenienti da diversi continenti, il Prato Fiorito, che nel corso dell’apertura stagionale cambia aspetto in base alle diverse fioriture e il Giardino Proibito con le piante e le erbe “velenose”. Una parte un po’ “spinosa”, ma decisamente affascinante è quella del Semideserto delle Succulente, con esemplari di cactus, euforbie, aloe e agavi.
 
La parte centrale dei Giardini di Sissi è dedicata ai Giardini Acquatici e Terrazzati, con veri e propri capolavori di arte topiaria, gradinate e corsi d’acqua. Bossi a sfera, aiuole geometriche e un labirinto evocano l’atmosfera del Giardino rinascimentale all’italiana, mentre, a digradare verso il meraviglioso Laghetto delle Ninfee, teatro di molti appuntamenti musicali estivi, roseti, gigli, gelsomini, camelie, azalee, iris con i loro profumi esuberanti. Un ricco Palmeto circonda il Laghetto, dove crescono piante acquatiche dai mille colori. Da provare il Giardino dei Sensi, una zona in cui gli ospiti possono scoprire le piante che ne fanno parte attraverso i sensi del tatto, dell’olfatto e anche del gusto.
 
L’omaggio dei Giardini di Castel Trauttmansdorff alla terra che li ospita è nell’area dei Paesaggi dell’Alto Adige. Qui sono stati ricreati paesaggi naturali, come boschetti e vari corsi d’acqua e “culturali”, come le colture agricole tradizionali, un frutteto coltivato in forma estensiva con antiche varietà di mele e di pere e un vigneto con svariati vitigni autoctoni. Un altro elemento peculiare del paesaggio agrario altoatesino è la palizzata intrecciata, tipico recinto utilizzato per delimitare i tradizionali orti altoatesini, coltivati a ortaggi, erbe aromatiche, frutti e piante a fiore. Ambienti caratteristici dell’Alto Adige sono l’Orto di Montagna, la Coltivazione di cereali, le Siepi e cespugli con erbe locali, il Castagneto, il Prato da lettiera, il Prato secco, il Vigneto con il Tabernaculum, una sorta di scrigno contenente vinaccioli antichissimi. I Giardini hanno anche la paternità del “Versoaln”, la vite più grande e probabilmente più antica del mondo che si trova ai piedi di Castel Katzenzungen a Prissiano.
 
Nel periodo di aperura da aprile a maggio, tutti i giorni (dalle 10.30 o dalle 11, dipende dai mesi) i Giardini di Castel Trauttmansdorff organizzano affascinanti visite guidate della durata di 90 minuti per andare alla scoperta delle quattro aree tematiche e dei dettagli curiosi sul sorprendente mondo delle piante.
 
Per maggiori informazioni: www.trauttmansdorff.it.

[M.V. Anno X - Nr 1455 del 05.02.2019] | Tempo libero

La Primavera Meranese 2019: dal 1 aprile al 2 giugno.


Natura, cultura, benessere, arte e tradizioni si risvegliano dal torpore invernale.


A Merano la primavera è la stagione che lascia tutti senza fiato: la città si trasforma in un tripudio di profumi e di colori di piante e fiori. Grazie al suo clima temperato, infatti, crescono facilmente piante mediterranee e tropicali e parchi e giardini alla fine dell’inverno si ripropongono esuberanti.

 

La Primavera Meranese, però, oltre ad essere la stagione in cui si risveglia la natura, a Merano è il titolo “dell’evento-ombrello” che racchiude una serie di appuntamenti organizzati nell’ottica della sensibilità ecologica e ambientale, del benessere psicofisico, della genuinità della tradizione, della bellezza naturale, ma soprattutto della valorizzazione creativa delle aree verdi e della vocazione floreale di Merano.

Un vero e proprio festival organizzato dall’Azienda di Soggiorno di Merano per il quinto anno consecutivo, che, tra aprile e giugno, arricchisce la vita sociale e culturale della città e dei paesi limitrofi di Scena, Tirolo e Naturno.

Dopo il successo del debutto dell’anno passato, la Primavera Meranese non poteva non includere il Merano Flower Festival tra gli appuntamenti (25-28 aprile): in questi giorni la città sarà arricchita da installazioni floreali e imponenti figure vegetali, un mercato di fiori, piante e prodotti per il giardinaggio, un ricco programma per bambini e diversi laboratori creativi, anche per adulti, tenuti da esperti in materia.

Un altro appuntamento di forte richiamo è il Mercato Meranese (MM), che dal 30 marzo fino al mese di ottobre, sarà presente ogni sabato mattina lungo la parte superiore di corso Libertà, vicino a piazza della Rena. Il Mercato darà la possibilità di acquistare prodotti agroalimentari freschi e genuini provenienti dai masi altoatesini, sostenendone la regionalità e l’autenticità.

Il benessere psicofisico sarà soddisfatto da “Alto Adige Balance”, una rassegna dedicata al “relax nel verde” attraverso esperienze guidate nella natura per ritrovare il proprio equilibrio, che si terranno da fine marzo al 3 giugno e dalla 9^ edizione di Yoga Meeting “Merano in Yoga”, un festival di questa disciplina in cui importanti maestri internazionali condurranno seminari e incontri presso la meravigliosa cornice del centralissimo edificio liberty “Kurhaus” e in altri luoghi all’aperto dal 5 al 7 aprile. In questi tre giorni si susseguiranno lezioni gratuite, conferenze, concerti, mostre per tutti, principianti, appassionati e praticanti delle discipline orientali e di tecniche per la ricerca del benessere.
Per info: www.yogameeting.org

Assolutamente da non perdere (apertura il 1 aprile), in primavera se ci si trova a Merano, è l’opportunità di ammirare la rinascita della natura dopo l’inverno ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, dove oltre 80 ambienti botanici rappresentativi di tutto il pianeta si esibiscono in tutta la loro bellezza in un anfiteatro naturale di 12 ettari. Al centro di questo enorme parco troneggia il Castello, da cui i Giardini prendono il nome, che due volte alla fine del 1800 è stato dimora dell’imperatrice Sissi, Elisabetta d’Austria.

 

Per ulteriori informazioni sulla Primavera Meranese www.merano.eu


[M.V. Anno X - Nr 1455 del 05.02.2019] | Tempo libero

San Valentino 2019 nella città eterna


A Palazzo Scanderbeg, Hotel Capo D’Africa e Le Méridien Visconti Rome per un romantico soggiorno o una cena a lume di candela.


Una residenza storica ed elegante come Palazzo Scanderbeg, l’Hotel Capo D’Africa con vista mozzafiato sul Colosseo e Le Méridien Visconti Rome, completamente ristrutturato e due passi da Castel Sant’Angelo, offrono scelte diverse ma tutte ugualmente romantiche per festeggiare San Valentino a Roma, la città eterna.


A Palazzo Scanderbeg (www.palazzoscanderbeg.com), dimora unica del XV secolo completamente ristrutturata, nascosta tra i vicoli di Fontana di Trevi, gli ospiti possono scegliere tra 11 eleganti appartamenti tutti diversi e arredati in stile contemporaneo. Per le camere Classic e Deluxe la speciale offerta San Valentino comprende una bottiglia di vino all’arrivo, una romantica atmosfera creata appositamente per l’occasione, colazione continentale, late check out alle 14.00 e “The Butler”, l’esclusivo servizio di maggiordomo personale a completa disposizione degli ospiti (apartire da €290). Per le camere Master Suite, oltre alla colazione, il servizio di maggiordomo e late check out, una speciale cena per due preparata da uno chef dedicato direttamente en Suite, mentre gli ospiti possono rilassarsi sorseggiando del buon vino. Il menù prevede: gamberi in tempura con salsa guacamole, spaghetti alle vongole, pomodorini e pinoli tostati, orata croccante servita con brunoise di melone, chips di patate e polvere di olive e cassata siciliana ghiacciata (a partire da €550).

 

Per chi vuole soggiornare a due passi dal Colosseo, l’Hotel Capo D’Africa (www.hotelcapodafrica.com) rappresenta la scelta ideale con le diverse camere e una speciale proposta San Valentino, che include colazione American buffet, cena a lume di candela e late check out alle 14.00 (a partire da € 276).
Anche per chi non soggiorna in albergo, la cornice dell’Attico Bistrot, offre una speciale atmosfera per una cena con menu afrodisiaco creato per l’occasione dallo chef, che prevede: gamberi rossi di Mazara con ananas, zenzero, lime e olio al peperoncino, tagliolini al ragù bianco di tonno fresco con menta e limone amalfitano, filetto di maialino sous-vide con mele e miele su purè di patate al tartufo. Per concludere in dolcezza, cuoricini di sfoglia, crema al burro e cioccolato con more e lamponi e… un romantico abbraccio sulla terrazza vista Colosseo! (Cena: €50 a persona, incluse le bevande).

 

Le Méridien Visconti Rome (www.marriott.com/hotels/travel/rommd-le-meridien-visconti-rome/) tra Piazza di Spagna e Castel Sant’Angelo, offre l’occasione di un soggiorno in una posizione strategica, tra il centro storico e la Città del Vaticano, nei pressi della riva del Tevere. 240 luminose camere in stile moderno, accoglienti sale con comodi divani, il bistrot e la terrazza, insieme alla palestra rinnovata offrono la soluzione ideale per un romantico soggiorno. La speciale proposta ideata per San Valentino include una ricca prima colazione a letto e un aperitivo per due persone prima di cena, oltre al late check out alle 14.00 (a partire da € 220).

Palazzo Scanderbeg, dimora unica a Fontana di Trevi, inaugurata nel 2016, Hotel Capo D’Africa, inaugurato nel 2002 a pochi passi dal Colosseo, e Le Méridien Visconti Rome, l’albergo icona dell’elegante quartiere Prati appena ristrutturato, sono parte del Gruppo Toti.


[M.V. Anno X - Nr 1452 del 29.01.2019] | Tempo libero

Il rimedio “ecologico” dei Giardini di Castel Trauttmansdorff


La meravigliosa e lussureggiante vegetazione presente ai Giardini di Castel Trauttmansdorff deve la propria bellezza e forza alla cura e alle attenzioni dei giardinieri e del capo giardiniere e direttore tecnico.


Il punto di forza su cui si basa la strategia dei Giardini è l’utilizzo dei corroboranti, cioè di quelle sostanze di origine naturale, che aiutano a rafforzare e rinvigorire le piante, a proteggerle dagli organismi nocivi e a rivitalizzare il terreno.

 

L’etimologia in effetti è d’aiuto per capire meglio l’azione di questi elementi. “Corroborante” significa “che rinvigorisce e tonifica”, dal latino cum che indica il mezzo e roborare, “irrobustire”, a sua volta da robur, cioè “forza”, che è poi il nome in latino della quercia farnia, detta comunemente “quercia”. E si torna così di nuovo alle piante.
Ma cosa sono questi corroboranti? Quelli utilizzati dai Giardini di Castel Trauttmansdorff sono specifici, composti da miscele di microorganismi efficaci e concimi speciali, sempre volti a potenziare il sistema di difesa naturale delle piante, contenenti acqua, batteri lattici e fotosintetici, lieviti, melassa di canna da zucchero, alcol, aglio e baccello di peperoncino, ma anche minerali come potassio, calcio, ferro, magnesio e fosforo.

Per migliorare la salute delle piante, ogni settimana, sono stati irrorati oltre 4.000 litri di miscela su agrumi, meli, peri, ciliegi, peschi, roseti, piante perenni, olivi, rododendri, camelie, azalee, cactus, oleandri, bossi, tassi, cipressi e vigneti. Inoltre, per svariate colture, in base alla malattia o al parassita da cui sono colpite, sono state effettuate diverse irrorazioni, ad esempio utilizzando il lievito contro l’oidio. I giardinieri hanno lavorato ogni giorno con due atomizzatori, iniziando alle 5.30 e terminando poco prima delle 9.
Sono trattamenti molto costosi rispetto ai sistemi tradizionali e per questi nel 2019 è previsto un budget di circa 80.000 euro; inoltre verranno testati ulteriori corroboranti ed elementi, tra cui estratto di corteccia di salice, aceto e trappole odorose.
Il rinforzo delle piante è solo uno degli aspetti della cura ecologica delle aree verdi, sempre più importante per le zone pubbliche e sensibili. In questo campo, tuttavia, mancano ancora esperienza e un’adeguata formazione. I Giardini di Castel Trauttmansdorff, in collaborazione con la Giardineria comunale di Merano, organizzeranno per il prossimo anno già per la seconda volta una conferenza specialistica, in cui verranno approfondite le tematiche inerenti alla cura ecologica delle aree verdi negli spazi pubblici. In tal senso, anche i Giardini di Castel Trauttmansdorff intendono dare il loro contributo.


[M.V. Anno X - Nr 1447 del 14.01.2019] | Tempo libero

Natale in Val Gardena: Gli eventi tra Natale e l’Epifania


La Val Gardena in dicembre si tinge di bianco e diventa il luogo ideale per trascorrere le feste e celebrare al meglio la fine dell’anno.


Vi presentiamo una serie di eventi per passare gli ultimi giorni di dicembre nei paesi di Selva Val Gardena, Ortisei e Santa Cristina, al centro delle Dolomiti, le montagne più belle del mondo.

I festeggiamenti inizieranno il 27 dicembre con il “22° Concorso di sculture nella neve” a Selva Val Gardena presso il Mountain Christmas – il mercatino di Natale del paese - quando gli scultori si sfideranno lavorando una materia tanto affascinante quanto complicata come la neve. Scultori e artisti, principalmente della valle, che solitamente scolpiscono nel legno, si divertiranno per tre giorni a realizzare figure di dimensioni gigantesche nella neve ghiacciata. Il tema scelto per questa edizione è "150° prima scalata del Sassolungo".

Per il Capodanno in Val Gardena il programma è particolarmente fitto: il 31 dicembre appuntamento a Ortisei per la suggestiva Fiaccolata di Capodanno. A seguire, via libera alla Festa di Capodanno, tra luci e colori, e l’intrattenimento musicale di DJ Ondy, interrotto solamente dal bellissimo spettacolo pirotecnico e, ovviamente, dal brindisi di mezzanotte.
A Selva Val Gardena i festeggiamenti inizieranno alle ore 22.00. Le piazze di tutti i paesi saranno pervase da un’atmosfera festosa e per avere la possibilità di partecipare alle proposte di tutte e tre le località (partyhopping), sarà a disposizione un nightbus fino alle ore 4 del mattino.

Il primo giorno del 2019 l’appuntamento sarà a Selva Val Gardena per la Fiaccolata di Capodanno, accompagnata da un meraviglioso spettacolo pirotecnico, mentre, il 2 gennaio, sarà la Scuola di Sci di Santa Cristina a inaugurare il nuovo anno con un Laser Show e una Fiaccolata, accompagnati da musica e dall’immancabile vin brulé.

E per chiudere il periodo delle feste, dal 14 al 19 gennaio 2019 a Ortisei torna l’appuntamento con l’Esposizione delle Sculture di Ghiaccio, organizzato dall’Associazione Turistica di Ortisei in collaborazione con la Scuola Professionale per l’Artigianato Artistico di Ortisei.
Si tratta di un vero e proprio Concorso, giunto alla XV edizione, che premia le sculture di ghiaccio più belle. Il tema di quest’anno sarà: “Sit down – possibilità di sedersi”.

Le Feste di Natale sono un’occasione unica per “vivere” la Val Gardena anche attraverso i suoi seguitissimi “social” come www.facebook.com/VGardena o www.twitter.com/VGardena.
A disposizione di tutti anche i siti www.dolomitesalpine.it e www.valgardena.it.


[M.V. Anno X - Nr 1441 del 11.12.2018] | Tempo libero

mostra personale “In attesa “ di Gavino Ganau


Verrà inaugurata giovedì 8 novembre alle 18, presso Archivio Galleria Lazzaro by Corsi, in via Cenisio 50 a Milano, la mostra del vincitore dell’edizione 2018 del Premio Marchionni.


Gavino Ganau è nato a Tempio Pausania nel 1966 e vive attualmente a Sassari.

 

Dopo l’esordio negli anni 2000 inizia a lavorare con diversi critici , tra gli altri Luca Beatrice e Maurizio Sciaccaluga in quegli anni firme di Arte Mondadori; contemporaneamente collabora con alcune gallerie quali: Viafarini e Care/Of Milano, Guidi&Schoen Genova, AndreA arte contemporanea Vicenza.
Diverse le mostre istituzionali e i premi cui ha partecipato, tra i quali:.finalista del IV Premio Cairo, del Premio Lissone, del Premio Celeste e del Premio Marchionni 2017 (con appendici espositive a Bologna, Milano e Urbino). Partecipa, con le sue gallerie, a varie Fiere di arte contemporanea (Miart Milano, Riparte Roma e Genova, Arte Padova, Vicenza Arte e Bologna Flash Art Show.)
Appare in vari articoli su diverse testate nazionali. Da ricordare quelli della rivista ARTE Mondadori, in occasione del IV Premio Cairo e nell’ottobre 2004 con un articolo monografico, segue una significativa mappatura sull’arte italiana delle nuove generazioni dell’inserto del Corriere Della Sera ”Sette”. Nel 2011 partecipa a Artipicità, una mostra voluta da Diego Dalla Palma con la cura di Chiara Argenteri, allestita al Teatro dei Filodrammatici di Milano.
Nel 2018 la vittoria, appunto, nella sezione Pittura del Premio Marchionni del Museo MAGMMA.
La sua pittura è stata alimentata dal confronto con i linguaggi mass-mediali e le icone popolari della contemporaneità. In questa fase le opere ricadono dentro differenti filoni tematici, crea delle composizioni più o meno complesse dove, attraverso l’uso di frame di tipo filmico e fotografico, realizza un unicum poeticamente sentito.
In seguito abbandona l’uso di immagini dello star system, o comunque fornite dal sistema dei media, per concentrarsi sulle persone comuni assorte nei propri pensieri e colte in ambienti disparati: interni, spazi metropolitani e di natura antropomorfizzata. L’attenzione si sposta verso una modalità più profondamente metaforica. L’immagine finale, come condensato di una riflessione esistenzial-sociologica, si produce con spontaneità , dove anche l’inserimento della parola scritta ha una sua funzione nella composizione pittorica. Importante anche la sua produzione ritrattistica. La produzione più recente si concentra sulla ricerca di una nuova dimensione cromatica e luministica, più varia rispetto al suo tipico bianco e nero; un nuovo approccio tecnico permea la sua pittura pur rimanendo legato ai soggetti a lui più cari.
La mostra resterà aperta fino al 24 novembre negli orari di apertura della galleria.


[M.V. Anno X - Nr 1429 del 31.10.2018] | Tempo libero

Collezionismo: XII Memorial Correale


10/11 Novembre 2018 - Gragnano (Napoli)


Weekend di sabato 10 e domenica 11 novembre da non perdere a Gragnano all’interno delle sale dell’Hotel Parco, che si trova nella Strada Statale per Agerola 366, immerso nel silenzio di un rigoglioso parco naturale.

 

Per appassionati di collezionismo o semplici curiosi, in programma il Memorial Correale, 48° manifestazione di numismatica, filatelia, cartamoneta, cartofilia, bibliofilia, gettoni,telecarte e oggettistica varia, organizzata dall’Associazione Circolo “Tempo Libero” di Castellammare di Stabia.

Per l’occasione sarà possibile visionare o acquistare il francobollo commemorativo di San Pio da Pietrelcina, nel cinquantenario della sua morte avvenuta il 23 settembre 1968 a San Giovanni Rotondo, emesso dal ministero dello Sviluppo Economico, che raffigura San Pio nell’atto di sollevare il calice durante una celebrazione eucaristica e la moneta commemorativa bimetallica da 2 Euro «50° Anniversario della morte di Padre Pio», Fior Di Conio e Fondo Specchio, disegnata dallo scultore Patrizio Daniele e incisa da Valerio De Seta, emessa dall’Ufficio Filatelico e Numismatico del Vaticano.

Inoltre su richiesta e prenotazione, le monete riguardanti Papa Montini e Papa Luciani realizzate rispettivamente dagli artisti Patrizio Daniele e Mariangela Crisciotti, e l’emissioni in oro da 20 e 50 euro dedicate agli Atti degli Apostoli, il quinto libro del Nuovo Testamento che racconta ciò che accadde dopo la Resurrezione di Cristo, Il 20 euro in oro, realizzato dall’artista Orietta Rossi, che raffigura l’Ascensione di Gesù; il 50 euro in oro, opera di Daniela Longo, che raffigura la Pentecoste, la solennità religiosa che ricorda e celebra la discesa dello Spirito Santo, sotto forma di lingue di fuoco, sugli Apostoli e la Vergine riuniti nel Cenacolo.

Due giorni dedicati ad oggetti senza tempo che hanno segnato la nostra storia, un lungo viaggio tra monete rare, ammirando vere e proprie opere d’arte, ricordando una nobile tradizione italiana, la cartamoneta, per apprezzare la maestria e la creatività degli incisori di medaglie commemorative, militari e religiose, esplorando l’universo filatelico, tra francobolli che raccontano frammenti storici, unici ed irripetibili e cartoline che raffiguravano bellezze architettoniche e artistiche da tutto il mondo.

Un’esperienza unica e rara per ispirare le menti, apprendere nozioni storiche, geografiche,economiche e scientifiche, grazie alla presenza di esperti studiosi e periti provenienti da ogni Regione d’Italia.

Un vortice di emozioni, condivisione e partecipazione tra oggetti da collezione, quasi sconosciuti, ormai in disuso, e assolute rarità :

Monete antiche e moderne, francobolli, banconote italiane ed estere, decorazioni militari, cartoline, storia postale, gettoni, tokens, stampe, orologi, folder, bollettini illustrativi, interi postali, album, immagini sacre, carte telefoniche, quotidiani, locandine, libri, fumetti, figurine, calendari militari, penne da scrittura, pins, spille, oggettistica varia, accessori e raccoglitori per collezioni.

Guardando al passato si possono trovare stimoli e riflessioni utili per cambiare gli stili di vita, dando significati nuovi a una realtà moderna destinata a non lasciare il segno.

Gli orari dell’evento, sono sabato 10 novembre, dalle ore 9 alle 13, breve pausa pranzo, ripresa alle ore 15 fino alle 19, mentre domenica 11 novembre 2018, dalle ore 9 alle 14, l’ingresso è libero, a disposizione due ampi parcheggi custoditi e durante la pausa pomeridiana, per garantire massima ospitalità e accoglienza, per gli ospiti del Memorial Correale, pranzo completo a prezzo fisso e irrisorio, per deliziare il palato con ottime specialità locali.

Infine sabato mattina alle ore 10, sarà presentato a cura degli esperti studiosi di nummi cartacei e monetari Gaetano Russo e Giovanni Ardimento il libro “Anatomia di una banconota”, che descrive in dettaglio la storia della carta e della filigrana, le tecniche di fabbricazione della cartamoneta e l’analisi della contraffazione monetaria.

 

In memoria del fondatore e Presidente dell’Associazione Circolo “Tempo Libero” di Castellammare di Stabia Salvatore Correale, scomparso prematuramente il 28 marzo 2013, lasciando un vuoto incolmabile.

 

clubdeltempolibero@gmail.com - 3498125912

 

 


[M.V. Anno X - Nr 1428 del 30.10.2018] | Tempo libero

Lana per Natale si ricopre di ''Polvere di Stelle''


La magia del Natale è già nell’aria e i preparativi per accogliere la festività più sentita dell’anno sono ormai in atto.


A Lana e dintorni sarà riproposto il suggestivo Mercatino “Polvere di Stelle”, con tante proposte per acquistare un regalo natalizio originale e ricercato, divertimento per i più piccoli, musica dal vivo, esposizioni di presepi, canti e stand gastronomici con gustose pietanze altoatesine.


Polvere di Stelle sarà inaugurato, con musica dal vivo di Hubert Dorigatti e Black Caravan, sabato 1° dicembre alle ore 17.00 dal Sindaco di Lana, Harald Stauder, in Piazza del Municipio e da quel momento l’incanto del Natale scenderà su Lana, con gli alberi decorati con nuove e lucenti sfere di vetro rosso e la calda luce delle lanterne ad illuminare l’intera zona pedonale, animata da 20 bancarelle con i loro prodotti di autentico artigianato altoatesino e gli stand gastronomici in cui gustare le delizie tipiche di questa festa: vin brulé, la “bevanda analcolica alla polvere di stelle”, minestre, zuppa di gulasch, würstel, focacce alla contadina, brezel ripieni, hamburger natalizi e tanto altro.

Passeggiare tra le bancarelle degli artigiani offrirà la possibilità di regalare un pensiero natalizio fatto con passione e con pazienza, un esemplare unico, perché ogni oggetto, essendo fatto a mano, non può essere uguale all’altro: manufatti in legno, berretti di lana lavorati all’uncinetto, cuscini ripieni di legno di cirmolo, prodotti realizzati con materiale riciclato, articoli in feltro e in pelle, decorazioni natalizie e molti altri prodotti.


I più piccoli potranno divertirsi nella zona pedonale in groppa ai pony nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 13.00 alle 18.30; inoltre, saranno allietati da divertenti spettacoli di burattini e da laboratori creativi presso la “Bottega delle scintille” alla Tenuta Rosengarten, tutte le domeniche dalle 15.00 alle 18.00; avranno così la possibilità di confezionare il sacco di San Nicolò, presepi con le scatole delle uova, una palla di neve di vetro e bellissime decorazioni natalizie.

Anche quest’anno si aggirerà per il Mercatino la bambina protagonista della fiaba “Polvere di Stelle” per vendere ai visitatori i biglietti della lotteria, il cui ricavato andrà a favore delle famiglie bisognose del paese attraverso l’organizzazione “Stille Hilfe”. In palio ci saranno bellissimi premi, tra cui un ingresso con colazione inclusa, valido per due persone, alla meravigliosa Spa del vigilius mountain resort sul Monte San Vigilio.

Momenti dall’atmosfera particolarmente suggestiva saranno la sfilata dei tradizionali “Krampus” (i diavoli travestiti servitori di San Nicolò) mercoledì 5 alle 17.00 presso il parcheggio della pizzeria Alpen a Lana di Sotto, il Concerto d’Avvento, sabato 8, con il coro maschile “Männergesangverein Lana” alle 18.00 presso la Chiesa parrocchiale di Lana di Sotto, l’ensemble di corni da caccia di Lana sabato 15 in Piazza del Municipio, dalle 16.00 alle 17.30 e i canti natalizi e gospel del coro Chorisma, sempre in Piazza del Municipio sabato 22 dalle 16.00 alle 17.00.


Gli orari di apertura di Polvere di Stelle variano nel corso del mese, pertanto è consigliabile controllarli nel sito dedicato www.natalealana.it. In linea di massima, sarà aperto dalle 10.00 alle 19.30, ad eccezione degli stand gastronomici, che restano aperti fino alle 21.00 e per la Festa di San Silvestro del 31 dicembre, fino alle 1.00.

 

Per ulteriori informazioni: www.natalealana.it, www.lana.info.


[M.V. Anno X - Nr 1427 del 24.10.2018] | Tempo libero

Ai Giardini di Castel Trauttmansdorff si impara divertendosi


I Giardini di Castel Trauttmansdorff ogni anno propongono diverse attività didattiche a tema da aprile a novembre, ideali per una gita scolastica all’insegna della natura e della scienza.


I bambini e i ragazzi hanno l’opportunità di imparare attraverso l’esperienza, cioè assaggiando, annusando, toccando piante e fiori particolari e scoprendo tante incredibili curiosità.

 

Nei mesi di settembre-ottobre è possibile scegliere le visite guidate dai temi “Tutti frutti” e “Fossili viventi”. In “Tutti frutti” le guide raccontano ai ragazzi l’affascinante mondo dei frutti esotici, mediterranei e locali che decorano i Giardini in autunno, gli espedienti delle piante per attirare l’attenzione sui loro frutti, la differenza tra i frutti profumati e non, la funzione del frutto e molto altro. Nel corso della visita sarà proposto anche l’assaggio di alcuni succhi e frutti, tra cui quello del banano degli indiani (Asimina) e il gioco di assegnare ad ogni frutto la propria pianta di provenienza. “Fossili viventi” è un’esperienza che accompagna in un viaggio emozionante nel lontano passato del mondo vegetale, quando ginkgo, metasequoia, felci arboree e la rarità botanica della Wollemia nobilis, di cui oggi i Giardini possiedono un esemplare, popolavano la Terra.
Tra settembre e novembre, ma riproposta anche tra aprile e giugno del 2019, “Piante utili tropicali: cacao, vaniglia & Co”, in cui si esploreranno i tesori dei tropici nella Serra dei Giardini che da migliaia di anni donano all’umanità spezie e frutti preziosi. Durante il laboratorio del cacao si affronteranno diversi temi curiosi: perché la banana è curva? Dove fiorisce il cacao? Da quale canna si estrae lo zucchero? L’attività proposta è l’assaggio di diversi tipi di tè e andare alla scoperta del riso maturo nella risaia presente ai Gardini di Castel Trauttmansdorff.

In primavera, tra aprile e giugno, altre incredibili esperienze attendono i ragazzi delle scuole: “Piante carnivore”, alla scoperta degli stratagemmi utilizzati dalle dionee e Co., bizzarre artiste della sopravvivenza che attirano, catturano e si nutrono delle loro vittime animali. L’attività proposta è di scoprire le piante carnivore e le loro trappole sotto il microscopio.
“Amore in fiore: l’eros nel mondo vegetale” è il tema che ha come protagonista il fiore, strumento dell’evoluzione che seduce in collaborazione con la fauna. Con i suoi colori, i suoi profumi e le sue forme, il fiore attira i corrieri del polline al suo nettare. Indagare i dettagli dei fiori al microscopio e con la lente è l’attività di questa esperienza ai Giardini.

Tra maggio e giugno ai Giardini scoppiano “Profumi divini, odori infernali”. I ragazzi dovranno diventare “ricercatori di profumi”, scoprendo fatti curiosi e sorprendenti: perché le piante emanano profumi? Quali profumi vegetali sono percepiti come piacevoli o addirittura incantevoli? Perché alcune piante emanano invece odori disgustosi e nauseanti? Esperienze interattive ed esperimenti profumati saranno le attività principali, tra cui un momento al buio per indovinare i profumi, creazione di cosmetica naturale.
Ogni visita guidata a tema ha una durata di 120 minuti ed è consigliata per bambini/ragazzi dalla quarta elementare fino alle scuole superiori; il costo è di 7 € a ragazzo e comprende l’ingresso ai Giardini e la visita guidata insieme a 2 gratuità per gli accompagnatori ogni 15 alunni. La richiesta per prenotare una delle visite guidate per scolaresche può avvenire compilando il modulo online e scegliendo la data che si preferisce.

Inoltre, durante tutta la stagione di apertura dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, vengono proposte visite guidate per scolaresche senza orientamento specifico della durata di 90 minuti, sempre a 7 € a ragazzo (ingresso + visita guidata + 2 gratuità per gli accompagnatori ogni 15 alunni).


[M.V. Anno X - Nr 1427 del 24.10.2018] | Tempo libero

Isole Baleari, una vacanza adults only in mezzo alla natura


Grotte che si fondono con le formazioni rocciose del paesaggio, lunghe spiagge di sabbia bianca, acque turchesi e foreste mediterranee ai piedi della costa… queste sono solo alcune delle magnifiche sorprese tutte da scoprire alle Isole Baleari, con le proposte di Barceló Hotel Group.


L’imperdibile Maiorca
Coloro che apprezzano la privacy e la tranquillità, troveranno perfetta, ad esempio, la baia vicino all’hotel Barceló Illetas Albatros - adults only, che custodisce un nascosto angolo di sabbia di fronte al mare. La piccola insenatura, che dispone di ombrelloni e amache per gli ospiti della struttura, consente ai visitatori di godere l’ambiente circostante naturale, unico e prezioso nel suo genere.
Questo meraviglioso hotel di Maiorca propone ai propri ospiti di muoversi alla scoperta degli angoli più affascinanti e nascosti lungo il litorale dell’isola a bordo di una Vespa. Addentrarsi su stradine e piccole vie con questo mezzo è il miglior piano per visitare baie, spiagge cristalline e cittadine affascinanti.

 

La calma di Minorca
L’hotel Barceló Hamilton Menorca - l’adults only di riferimento sull’isola di Minorca, raccomanda ai propri ospiti una delle baie preferite dalla gente del posto, in cui è molto difficile incontrare turisti o escursionisti, rendendola una destinazione ideale per i viaggiatori in cerca di puro relax: Cala Pregonda. Per raggiungere questa baia di acqua cristallina e sabbia rossastra occorre addentrarsi nella natura incontaminata, lasciandosi ammaliare dalla vegetazione che circonda la breve passeggiata fino alla spiaggia.
L’isola di Minorca, infatti, è stata nominata dall’UNESCO Riserva della Biosfera, un titolo concesso grazie alla ricca biodiversità presente. L’hotel Barceló Hamilton Menorca offre la possibilità di esplorare l’isola in modo ecologico, visitando alcuni tra i più affascinanti paesaggi naturali dell’isola, con un’escursione a cavallo. Questi tour consentono di immergersi nei panorami e nella tranquillità preservando le aree naturali protette e vivendo un’esperienza unica.

 

Ibiza, l’isola dalla doppia anima
L’isola di Ibiza, luogo preferito da celebrità e personaggi influenti, è diventata paradossalmente la destinazione perfetta per disconnettersi, incontrare nuove persone e scoprire luoghi nascosti, che trasmettano energia positiva.
Situato nella zona nord dell’isola, dove si nasconde l’autentica essenza di Ibiza, Portinatx è una meravigliosa baia dalle acque turchesi. Qui si trova il Barceló Portinatx - adults only, situato in una posizione privilegiata, dove poter vivere la calma e la tranquillità delle sue insenature e i migliori tramonti accompagnati solo dal suono de mare, lontano dalla movida del sud. L’hotel rappresenta il perfetto rifugio boho-chic per trascorrere una vacanza zen, godendo di tempo libero. Una soluzione ideale per coloro che desiderano immergersi nell’essenza autentica di Ibiza, circondati dalla sua cultura e da un’atmosfera che ricorda quella hippy degli anni settanta.


[M.V. Anno X - Nr 1414 del 25.09.2018] | Tempo libero

Dal 9 al 13 novembre, la 27ª edizione del Merano Wine Festival


Veri Wine lovers provenienti dall’Italia ma anche da tutta Europa, offrendo loro cinque giornate all’insegna dell’enogastronomia di alto livello, nazionale e internazionale.


Come da tradizione, il primo giorno, venerdì 9 novembre, sarà dedicato agli eccellenti vini biologici, biodinamici e naturali, che saranno a disposizione di tutti i partecipanti per intense degustazioni.

 

Inoltre, presso i Giardini di Castel Trauttmansdorff si terrà il convegno Naturae et Purae, un percorso che spazierà tra "essenza della natura" e "purezza". Grazie alla presenza di oltre cento produttori selezionati si potrà assistere a un vivace scambio di opinioni tra esperti del settore e giornalisti.

Dall'10 al 12 novembre, invece, il Kurhaus ospiterà oltre 300 aziende italiane che, dopo un’attenta selezione da parte delle commissioni d’assaggio (The Wine Hunter), delizieranno il palato dei partecipanti offrendo loro mescite dei vini più pregiati e le ultime novità delle proprie produzioni.

In contemporanea, avrà luogo la GourmetArena che vedrà protagonisti i migliori prodotti culinari, birrifici artigianali e di distillati: un vero e proprio percorso che attraverserà tutta l’Italia. Per gli appassionati di storia e tradizioni, Piazza della Rena offrirà una kermesse di spettacoli dedicati alle storie di uomini, cibo, vino e territori.

Inoltre, da non perdere le Masterclasses - presso l’Hotel Terme di Merano: degustazioni enologiche nazionali e internazionali che, grazie all’accompagnamento di una guida, permetteranno agli appassionati di vivere esperienze indimenticabili. L'obiettivo sarà quindi quello di diffondere la conoscenza del vino, la cultura del bere, in modo sicuro e consapevole.

Infine, la giornata conclusiva del festival sarà martedì 13 novembre quando, con la sfilata Catwalk Champagne, si chiuderà in grande stile la manifestazione.
Nel Kurhaus saranno riunite le migliori maison di champagne francese, per deliziare il palato degli appassionati.


[M.V. Anno X - Nr 1414 del 25.09.2018] | Tempo libero

Le particolarità dei Giardini di Castel Trauttmansdorff


I Giardini di Castel Trauttmansdorff sono tra i giardini botanici più belli in assoluto, non solo per la varietà delle specie botaniche presenti e per la magnifica architettura paesaggistica con cui sono state disposte, ma anche per la tipicità ed unicità di alcune aree, di percorsi e installazioni che rendono i Giardini di Sissi un luogo davvero affascinante e singolare da visitare. 


Nel corso di una visita ai Giardini, ad esempio, è sorprendente trovarsi ad un certo punto, sopra il Castello di Trauttmansdorff, in una spiaggia dalla sabbia caraibica, con tanto di palme a foglia pennata e sdraio in cui sedersi ad ammirare il paesaggio costituito dalle montagne, alcune con le cime innevate, che circondano Merano.

 

La Spiaggia delle Palme è un meraviglioso connubio fra nord e sud, un angolo insolito che evoca la romantica atmosfera delle spiagge tropicali in un paesaggio alpino. Lo straordinario anfiteatro dei Giardini di Castel Trauttmansdorff è interamente visibile dall’alto di uno dei suoi luoghi panoramici, il più mozzafiato senza dubbio: il Binocolo di Matteo Thun. Si tratta di una spettacolare piattaforma che si protende nel vuoto, lasciando intravedere il baratro sottostante dal reticolato di acciaio di cui è composta mentre si salgono le scale e il panorama del Giardini, della Val d’Adige, della conca di Merano e delle montagne circostanti una volta giunti sulla piattaforma stessa. Un altro luogo panoramico mozzafiato unico è la passerella di 15 metri sospesa nel vuoto a prova di vertigini. “Solo i pensieri sono liberi” è la frase riportata in fondo alla passerella che parte dalla Voliera dei Giardini di Sissi, una costruzione circolare in acciaio dove dimorano pappagalli Ara e Lori. La Voliera in primavera si copre di fiori profumati bianchi e gialli della rosa della Cina assumendo un aspetto davvero particolare. All’interno dei Giardini si trovano svariate stazioni multisensoriali, padiglioni artistici e anche un emozionante percorso multimediale di 200 metri scavato nella roccia alla scoperta del misterioso mondo vegetale sotterraneo: il Regno Sotterraneo delle Piante. All’interno di cinque caverne sotterranee, attraverso supporti multimediali vengono trasmessi temi come l’importanza dell’acqua per le piante, la composizione della terra, la luce e le altre sostanze nutritive, la funzione delle radici e altro. All’inizio del percorso, ad accogliere i visitatori, un inquietante e scenografico cane a tre teste con occhi feroci e illuminati. Tra i molteplici giardini a tema, sono sicuramente degni di menzione il Giardino Proibito e il Giardino degli Innamorati. Il Giardino Proibito è il luogo più misterioso dei Giardini di Sissi, in quanto contiene le piante velenose che, secondo le dicerie, le streghe utilizzavano in passato per le pozioni e per gli antichi sortilegi. L’ambientazione infatti è molto singolare, con sculture lignee inquietanti, teschi di animali, bamboline per riti satanici e le targhette che indicano il nome delle piante riportano macabre croci ad indicare il grado di tossicità. Completamente diverso il contesto del Giardino degli Innamorati: un arco in ferro battuto con alcune piante rampicanti indica l’inizio di quest’area dedicata all’amore. Un sentiero sinuoso con la frase “ti amo” scritta in sette lingue, porta ad un’oasi acquatica con tre padiglioni-isole a forma di giganteschi mazzi di fiori in cui i visitatori possono recarsi passando attraverso l’acqua o per un percorso galleggiante. Il primo padiglione ha al centro delle fontane a cui gli innamorati possono abbeverarsi per abbandonare il sentimento negativo che li affligge: gelosia, dubbio, ira, infedeltà…; il secondo contiene un grande cuore di marmo bianco a cui svelare la propria promessa d’amore; nel terzo c’è una postazione con dei fogli in cui scrivere un desiderio e depositarlo in una cassetta. Nel sentiero che conduce all’uscita si attraversano tre archi in ferro, dove sono stati inseriti due cilindri contenenti le ceneri dei desideri espressi dagli innamorati nel terzo padiglione rispettivamente nel 2016 e nel 2017. Per ulteriori informazioni: www.trauttmansdorff.it


[M.V. Anno X - Nr 1405 del 05.08.2018] | Tempo libero

Un tour per Roma in stile "Vintage"


La proposta dell’estate romana arriva da Palazzo Scanderbeg, la residenza del XV secolo a pochi passi da Fontana di Trevi: l’emozione di un tour originale è assicurata, basta scegliere se in vespa o auto d’epoca. 


Proprio come Gregory Peck e Audrey Hepburn, sarà possibile scoprire le meraviglie della città alla guida di una vespa in stile "Vacanze Romane", ripercorrendo gli stessi luoghi immortalati nel celebre film e immergendosi nella stessa atmosfera vestendosi in stile per scattare fotografie e sentirsi attori per un giorno. Gli ospiti di Palazzo Scanderbeg possono anche scegliere un’auto d'epoca per trascorrere una giornata alla guida di un esemplare in stile anni ’60 per arrivare fino ai Castelli Romani, dove fermarsi per un pranzo leggero, prima di rientrare in città. Entrambe le opportunità prevedono percorsi guidati o accompagnati, con la durata minima di 3 ore (prezzi a partire da €200). "I nostri ospiti sono alla ricerca del bello e desiderosi di vivere esperienze fuori dal comune" - ha dichiarato Giacomo Guzzardi, Cluster General Manager di Palazzo Scanderbeg, Le Méridien Visconti Rome e Hotel Capo d’Africa. "E proprio come nello stile del nostro Palazzo, immerso nella storia ma con un fascino contemporaneo e servizi su misura, il nostro obiettivo è quello di far vivere e scoprire la città da veri protagonisti". Residenza del XV secolo, immersa nella storia di Roma, a pochi passi da Fontana di Trevi, Palazzo Scanderbeg fu costruito nel 1466, nella omonima piazza, per volere del Principe Giorgio Castriota detto Scanderbeg, eroe nazionale dell’Albania. Nel 2016, a seguito di una completa ristrutturazione e riqualificazione a cura della Lamaro Appalti Spa, l’edificio è stato valorizzato grazie ad un restauro conservativo che ne ha mantenuto il carattere, divenendo dimora accogliente e riservata per gli ospiti in visita a Roma. Il Palazzo si sviluppa su quattro piani in forme eclettiche cinquecentesche, che ospitano 11 esclusivi appartamenti, tutti diversi uno dall’altro per ampiezza e struttura, alcuni con moderne cucine private attrezzate e terrazze con vista sui tetti di Roma; tra questi le iconiche Suite Ambassador, Scanderbeg e Victory nonché l’Annex con ingresso privato dedicato. Per gli appartamenti dal gusto sobrio e raffinato sono stati utilizzati materiali e componenti bioecologici nel rispetto di elevati standard qualitativi. I pavimenti sono stati realizzati con pietre naturali quali ardesia e peperino e con il prezioso legno delle briccole dismesse, i tipici pali della laguna veneziana. Soffitti con travi a vista e pavimenti con briccole veneziane, fanno da cornice agli arredi di design sofisticato, creati dalle più importanti firme del Made in Italy. Un’atmosfera unica per una dimora accogliente e finemente arredata, dove godere di servizi esclusivi personalizzati: la vera “casa lontano da casa” nel cuore di Roma. Palazzo Scanderbeg è parte del Gruppo Toti, insieme a Le Méridien Visconti Rome, l’albergo icona dell’elegante quartiere Prati appena ristrutturato, e l’Hotel Capo d’Africa, inaugurato nel 2002 a pochi passi dal Colosseo. Fotografie in alta risoluzione: http://www.imaginecommunication.eu/web/index.php?option=com_phocadownload&view=category&id=27:foto&Itemid=1249&lang=it Per info e contatti: Palazzo Scanderbeg, www.palazzoscanderbeg.com Piazza Scanderbeg 117 - 00187 Roma Tel.: +39 06.8952 9001; info@palazzoscanderbeg.com Facebook: Palazzo Scanderbeg https://www.facebook.com/search/top/?q=palazzo%20scanderbeg Instagram: palazzoscanderbeg https://www.instagram.com/palazzoscanderbeg/ Ufficio Stampa: IMAGINE COMMUNICATION, Via della Giuliana 58 - 00136 Roma Tel. 06.39750290 www.imaginecommunication.eu Lucilla De Luca lucilla@imaginecommunication.eu Cell. 335.5839843 Valeria Benincasa ufficiostampa@imaginecommunication.eu Cell. 339.8994154


[M.V. Anno X - Nr 1404 del 31.07.2018] | Tempo libero

Le antiche Citroen (sfilano) nel centro di Merano


Consueto raduno “Südtirol Classic Schenna – Rally della Simpatia”, con meravigliose auto d’epoca che sfileranno anche sotto i Portici della bella città altoatesina.


Dall’8 al 15 luglio 2018, la città di Merano fa un tuffo nel passato con il consueto raduno “Südtirol Classic Schenna – Rally della Simpatia” che, giunto alla sua 31° edizione, sarà protagonista nel cuore della città altoatesina.

 

Veri e propri musei su quattro ruote, con motori ruggenti e indiscutibile eleganza, queste vetture sono orgoglio dei proprietari. La Südtirol Classic, infatti, non cattura l’attenzione soltanto degli appassionati di macchine d’epoca, ma anche di tutti quelli che sono curiosi e attratti da questo spettacolo. Saranno tante le occasioni per rivivere momenti del passato ammirando oltre 120 gioielli d’epoca sfilare sotto i Portici e nelle principali vie della città. Inoltre, a far gustare appieno la storia e le tradizioni dell’Alto Adige, saranno i meravigliosi scorci meranesi, la simpatia della gente e la possibilità di gustare ottime specialità locali, che diventeranno la cornice perfetta per un’esperienza unica e originale.


[M.V. Anno X - Nr 1397 del 23.06.2018] | Tempo libero
Pubblicit