Notizie Turismo, News , Tempo libero, Cronache internazionali - Master Viaggi online

NOTIZIE TURISMO, NEWS, TEMPO LIBERO, TRASPORTI, CRONACHE INTERNAZIONALI

ANNUNCI GRATUITI
Il servizio Comunicati Stampa/Annunci gratuiti e' un servizio fornito dalla Travel Factory Srl in liquidazione, di seguito indicata come Il gestore del sito. Sebbene redatto con scrupolosita' e cura, il servizio non e' immune da errori, imprecisioni e omissioni, di cui Il gestore del sito non puo' e non potra' mai e in alcun modo essere ritenuta responsabile.
L'uso del Servizo e' effettuato dall'Utente sotto la sua completa responsabilita'. Il Gestore del sito non offre quindi garanzie (1) circa l'identita', la capacita' giuridica, la serieta' d'intenti o altre caratteristiche degli inserzionisti, (2) la qualita', la liceita', la sicurezza dei beni oggetto degli annunci, (3) la veridicita' e l'accuratezza di quanto fornito dagli inserzionisti.
Il Gestore del sito si riserva il diritto di modificare, in ogni momento e in piena autonomia, i contenuti dei Comunicati Stampa/Annunci gratuiti, nel rispetto comunque della volonta' dell'utente risultante dall'inserzione, le funzionalita' del servizio o di sospenderne l'erogazione senza alcun obbligo di preavviso agli utenti.

La Forma Dello Spazio


Spesso pensiamo allo spazio come ad un attore secondario della composizione, un ‘contenitore’ dove un racconto ha luogo.


In questa interpretazione una dicotomia tra le parti è all’opera: vuoto contro pieno, soggetto contro sfondo.
È la stessa dicotomia che caratterizza molti altri fenomeni nel nostro modo di ragionare; si pensi, per fare solo qualche esempio, alle coppie luce / ombra oppure suono / silenzio o ancora moto / staticità, dove apparirebbe come inevitabile il carattere di esclusività della relazione.
Basta però soffermarsi un momento su questi esempi per riflettere come sia allo stesso modo vero che, all’interno delle dicotomie, i termini tanto si escludano quanto si definiscano a vicenda.L’uno descrive l’altro, l’altro marca i confini dell’uno. CosaÈ l’ombra? È l’assenza di luce. Cosa È il silenzio? È l’assenza di suono. Cosa È la staticità? È l’assenza di moto.


Torniamo allo spazio, il quale prova ulteriormente questa logica. Lo spazio è importante perché definisce il soggetto che in esso agisce e il soggetto, secondo la logica sopra esposta, dunque, a sua volta definisce lo spazio. Maggiormente importante è che solo la loro somma può dare vita all’opera. Gli studidella teoria Gestalt loevidenziarono in maniera scientifica: la simbiosi tra sfondo (spazio) e figura di primo piano (soggetto) è viva e vitale.


Se lo spazio ha utilità di chiarezza visiva, esso puòanche essere, ed è, un valore. La Forma Dello Spazio getta una luce sul suo valore estetico. Gli artisti presenti—Cislaghi, Esposito, Rossi, Ugoni—dedicano una attenzione particolare alla strutturazione visiva (e fisica), delle loro opere. Nelle loro figurazioni essi hanno un modo personale di ‘narrare’ lo spazio, facendone avvertire la presenza in maniera forte. Ora liquido (Rossi) ora grafico-geometrico (Ugoni), in alcuni casi con il rigore di prospettive spesso vertiginose (Esposito), in altri fino a frangersi affilato in piani metallici (Cislaghi), lo spazio dei quattro artisti rivendica un ruolo daprotagonista nel loro discorso artistico.
Andrea Cislaghi
L’arte di Andrea Cislaghi non è espressione fine a se stessa, è necessità inarrestabile di dare vita e pensiero alla materia.
Cislaghi è nato nel 1971 a Boffalora. Una terra di tradizione manifatturiera e agricola, dove l’artista sviluppa fin dall’infanzia una sua personale estetica legata al potere evocativo del quotidiano, influenzata dalla cultura steampunk, così come dai classici dei fumetti dell’epoca, come Dylan Dog, Mr. No, Tex e il Comandante Mark. Lavorando in una fabbrica che fornisce materiale industriale per motori elettrici, l’artista trova nei semi-lavorati di ferro e cemento, piegati in forme stilizzate ed essenziali, caricaturali e astratte, uno stimolo espressivo costante. Si tratta di opere imponenti, realizzate in ferro tagliato a laser, saldato a filo e talvolta con l’inserimento di elementi in cemento. Le sue tematiche si sviluppano su due binari: la dinamica, il movimento meccanico, con cui è a contatto ogni giorno sul lavoro e gli affetti, la semplicità della vita di provincia, in cui ritrova la tenerezza della famiglia e dei ricordi.
Negli ultimi anni Cislaghi ha esposto in una serie di mostre a Milano, in location varie, come lo Spazio E, lo Spazio TID, l’ampio showroon milanese noto per le sue collaborazione con Elle Décor e l’Istituto Marangoni, presso lo spazio multifunzionale I Sentieri dell’Eden a Serina (BG), lo spazio espositivo di Sisal Wincity, Castelli Gallery, Bys Milano e lo spazio Seicentro.
Massimiliano Esposito
Massimiliano Esposito (in arte Maximilian) nasce a Milano nel 1969. Le sue prime opere trattano soggetti di carattere favolistico, in linea con la tradizione classica delle illustrazioni per l'editoria. Dal 1992 al '94 si dedica a dipinti murali di grandi dimensioni dal carattere scenografico con l'utilizzo costante della figura umana. Nel 2012 Massimiliano decide di cambiare orizzonte trasferendosi a Parigi. Qui continua la sua attività di pittore, partecipando anche a diverse mostre.
Le opere in mostra fanno parte di una serie, Les Chambres Du Petit Garçon, che Maximilian ha dipinto fra il 2013 e il 2017. Un fanciullo si presenta in uno spazio vuoto fatto di porte. Le porte sono chiuse o aperte sul vuoto, un vuoto nero e indefinito. Il personaggio a volte è una piccola figura solitaria, prigioniera di immensi spazi dove la prospettiva si sviluppa verso l'alto, apparentemente senza fine. Egli si presenta come uno scolaro vecchio stile oppure mostra un profilo androgino dove l'ambiguità sessuale bene esprime la sua pre-adolescenza. Egli si trova dunque nel momento della vita dove l'innocenza e i giochi dell'infanzia lasciano il posto ai primi turbamenti, ai dubbi e alle paure dell'età adulta.
Andrea Rossi
Si potrebbe definire Andrea Rossi (Milano, 1972) un comunicatore che offre osservazioni e domande sul senso dell’essere, a partire, anche, dalle relazioni del soggetto col suo contesto fatto di persone, oggetti, luoghi e situazioni.
Sia formalmente che concettualmente si evidenziano, nelle dinamiche di quelle relazioni, aspetti di unitarietà e interdipendenza. Insieme persone, oggetti, luoghi, situazioni, fanno emergere un continuum al tempo stesso somma delle parti e unica vitale entità. Essere significa proprio questa unità.
Presente nel lavoro di Rossi è l’utilizzo di simboli e archetipi che vanno a costituire il cast dei suoi ‘paesaggi visivi’. Reali e surreali tranche-de-vie emergono a testimonianza delle manifestazioni di questi personaggi e delle loro relazioni; il tutto, spesso, svolto in una dimensione fortemente narrativa. Una vasta gamma di emozioni, dal dramma alla gioia, dall’ansia alla tranquillità, vengono restituite; per descriverle, Rossi impiega una iconografia sincera e diretta.
Rossi si è diplomato prima all’Istituto Statale d’Arte di Monza e successivamente alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. La sua tesi di diploma, Ambienti Interattivi, è risultata in un progetto interattivo ispirato a Coupé, automobile prodotta da Fiat. Relatore della tesi è stato Paolo Rosa, di Studio Azzurro. Il suo lavoro è stato esposto in vari paesi, tra cui Germania, Italia, Gran Ducato del Lussemburgo, Regno Unito e USA.
Marco Ugoni

 


Marco Ugoni nasce il 09 ottobre del 1972 a Milano e disegna e dipinge da quando ha memoria. Dopo aver conseguito il diploma di maturità artistica nel 1991, prosegue i suoi studi presso la facoltà di Architettura, progetto che accantona per dedicarsi alla vita lavorativa e artistica.
Negli anni ricerca e elabora un linguaggio, uno stile ben preciso e distinguibile, che lo porta a realizzare diverse mostre,esponendo(si) per la prima volta nell’ottobre 2012.
Con verità e coraggio, “Ugo” inizia a rivelare il suo personale sentimento del mondo, attraverso la restituzione di una realtà otticamente deformata e visivamente ri-formata, secondo gli elementi di base della stessa grammatica percettiva: punto, linea, superficie.


È l’inizio di un “rivelarsi” che, per paradosso, non fa che dare accesso a sempre nuove zone nascoste, conducendo Ugoni sul percorso segnato e felice di ogni “poderosa” personalità artistica.
E Ugoni non si esime dal segnare, tracciare, vergare: linee su linee, limiti, soglie, confini. Così ogni cosa diventa labirinto, ossessivo ed elegante. E la mano, ad ogni linea più esperta, rincorre un’ideale di purezza, in una ricerca di perfezione che con coraggio riveli la grande illusione: che la realtà sia limpidamente intellegibile, al di là dell’opinabile (ma artistica) soggettiva interpretazione.

 

10 maggio - 1 giugno 2018. 
Orari: martedì -sabato 10-13 / 15-19
Inaugurazione: 10 maggio 2018 ore 18

Galleria Lazzaro by Corsi 
via Cenisio 50, 20154 Milano
t. 02 36521958 - www.gallerialazzaro.it


[M.V. Anno X - Nr 1377 del 14.04.2018] | Arte e mostre

NATURA PURA di Giulia Spernazza


Sabato 10 febbraio presso la galleria d'arte FABER aprirà la mostra NATURA PURA di Giulia Spernazza. L'esposizione si sviluppa attraverso una serie di opere eterogenee che interagiscono tra loro creando un mondo unitario, armonico e rarefatto in cui l'artista capovolge i principi antropocentrici dell'uomo contemporaneo.


natura pura Giulia Spernazza Inaugurazione sabato 10 febbraio 2018 ore 18.00 Sabato 10 febbraio presso la galleria d'arte FABER aprirà la mostra NATURA PURA di Giulia Spernazza.

 

L'esposizione si sviluppa attraverso una serie di opere eterogenee che interagiscono tra loro creando un mondo unitario, armonico e rarefatto in cui l'artista capovolge i principi antropocentrici dell'uomo contemporaneo. La natura è messa in primo piano. La sua bellezza, poesia e forza vengono poste a contrasto con un senso di perenne fragilità e precarietà, che diviene metafora della stessa caducità umana. Le opere sono concepite come corpi soggetti alle forze della natura e allo scorrere del tempo che rende ogni cosa transitoria. Nei lavori di Giulia Spernazza il concetto di stratificazione si fonde con quelli di temporalità e di intersecazione a simboleggiare sia un'unione uomo-natura, sia una necessaria riconquista degli spazi e della purezza naturali. Dal punto di vista formale continua la ricerca minimale di un'artista volta all'essenzialità, attraverso l'inserimento equilibrato di pochi elementi scultorei e pittorici. I materiali principalmente utilizzati sono carta, cera ed elementi naturali che insieme all’uso del plexiglass consente la creazione di microcosmi in cui tutto appare sospeso e protetto. Immagini eterree, universi emozionali: NATURA PURA. a cura di Cristian Porretta. dal 10 febbraio al 10 marzo 2018 martedì-sabato 10:00-19:30 domenica su appuntamento Galleria d'arte FABER Via dei Banchi Vecchi 31, 00186 Roma | tel 06 68808624 galleriadartefaber.com | galleriadartefaber@libero.it


[M.V. Anno X - Nr 1352 del 19.01.2018] | Arte e mostre

Carnevale dell’Arte


Venezia: conferenza concerto per il “Carnevale dell’Arte” con le soliste de La Fenice


Grande attesa per l’imminente conferenza - concerto in occasione della mostra “Carnevale dell’Arte a Venezia”, che vedrà la partecipazione di importanti personalità quali Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte e manager dei vip, le soliste del teatro La Fenice di Venezia, Alberto D’Atanasio del museo Modigliani, Veronica Ferretti del museo Buonarroti e la stilista Roberta Camerino. L’evento si terrà sabato 3 febbraio, alle ore 17.00, in concomitanza del carnevale più famoso del mondo, presso la rinomata Scuola Grande di San Teodoro (4810, San Marco), in Campo San Salvador, a due passi dal Ponte di Rialto e da piazza San Marco. A esibirsi nell’esclusiva cornice artistica saranno le soliste del Teatro La Fenice di Venezia, che proporranno un vasto repertorio di pezzi famosi, eseguiti tutti rigorosamente dal vivo. Di particolare suggestione, la presenza del pregiato clavicembalo di A. Colzani, che, per l’occasione, verrà suonato dall’esperta musicista Zoya Tukhmanova Karapetyan, accompagnata dalla violinista Rita Celanzi e dal soprano Brunella Carrari. Il concerto sarà dunque un modo simbolico per coniugare insieme arte, cultura, carnevale e musica, linguaggi di comunicazione universale che offrono un intrattenimento piacevole, interessante e stimolante, adatto a tutte le tipologie di pubblico. Gli eventi sono, infatti, a ingresso gratuito. In esposizione dal 2 al 4 febbraio, nella medesima location, le opere di talentuosi artisti italiani e stranieri. L’iniziativa è inserita all’interno degli appuntamenti di Spoleto Arte a cura del prof. Vittorio Sgarbi. Per informazioni è possibile chiamare il numero 0424/525190, vedere il sito www.spoletoarte.it oppure scrivere a info@spoletoarte.it.


[M.V. Anno X - Nr 1351 del 17.01.2018] | Arte e mostre

Bologna International Exhibition: appuntamento con Spoleto Arte di Sgarbi


Spoleto Arte, a cura del prof. Vittorio Sgarbi, torna con il suo programma ricco di appuntamenti e arriva a Bologna per l’Arte Fiera 2018, il punto di riferimento per l’arte contemporanea più importante d’Italia.


 Il primo febbraio, nella città “dotta” si terrà la Bologna International Exhibition, una mostra di opere di pittura, scultura, grafica e fotografia organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes. Queste ultime saranno videoproiettate alla Conference Room dell’Hotel Centrale Espresso, in viale A. Masini , 4/3, in centro a Bologna. A due passi dalla basilica di San Domenico, l’evento vedrà il contributo del celebre critico d’arte, il professor Vittorio Sgarbi. Parteciperanno alla Bologna International Exhibition, con i loro preziosi lavori, Giuseppe Borrello, Laura Corti, Letizia Cucciarelli, Daniela Delle Fratte, Lucio Gatteschi, Maria Franca Grisolia, Maria Teresa Guala, Fulvia Latini, Vincenzo Maio, Guido Mannini, Gabriella Martino, Raffaele Mazza, Katiuscia Papaleo, Vincenzo Pazzi, Gabriele Pellerone, Claudia Perruso, Gianfranca Ricciardelli, Barbara Trani, Pietro Venchierutti e Lorenzo Zenucchini. Alla Bologna International Exhibition due delle opere premiate andranno poi alla New York International Art Expo (che avrà luogo domenica 11 marzo, presso il Michelangelo Hotel, 152 W 51st St, a New York) e al “Carnevale dell’Arte a Venezia”, mostra-evento sempre organizzata da Spoleto Arte. L’esposizione si terrà nei tre giorni successivi, dal 2 al 4 febbraio, nella splendida città lagunare, alla Scuola Grande di San Teodoro, in Campo San Salvador, vicino al Ponte di Rialto e a piazza San Marco. Per qualsiasi informazione potete chiamare il numero 0424525190, visitare il sito www.spoletoarte.it oppure scrivere a org@spoletoarte.it.


[M.V. Anno X - Nr 1351 del 17.01.2018] | Arte e mostre

I riflettori dell’arte puntati sul vernissage di Miami meets Milano


Si è aperta mercoledì 6 dicembre la mostra internazionale Miami meets Milano, che si è tenuta nel rinomato Hotel Victor in Ocean Drive, nel cuore di Miami Beach. 


Forte del consenso generale e della critica, che ha dimostrato numerosi apprezzamenti, l’evento – che porta con fierezza la grande arte italiana a livello internazionale – si è svolto infatti in contemporanea (fino al 10 dicembre) con la fiera del settore più importante al mondo: Art Basel. Si dice soddisfatto del successo riscontrato anche l’organizzatore della mostra e manager della cultura Salvo Nugnes, che poche settimane fa ha presentato Miami meets Milano alla Camera dei Deputati. La conferenza stampa ha visto coinvolti anche l’onorevole Ignazio La Russa, Vittorio Sgarbi, Veronica Ferretti del Museo Buonarroti, Alberto d’Atanasio del Museo Modigliani e l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì. Alla mostra hanno contribuito invece il direttore generale del Ministero degli Affari Esteri Andrea Meloni, l’ex sindaco di Miami Philip Levine, l’ex console generale d’Italia a Miami Adolfo Barattolo, il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala. Tra le opere selezionate per l’esposizione ci sono quelle di Stefania Gonzato Buccio, Giuliana Maddalena Fusari, Giovanna Angela Giovanetti, Federica Marin e Valeria Mariotti, Enrica Mazzuchin, Carla Moiso e Alvaro Moroni, Daniela Rebuzzi e Margaretha Gubernale, Loredana Caretti, Flora Castaldi, Maurizio Faggion, Anna Izzo e Roberto Proietti, Silvano Persoglia, Karin Monschauer, Angela Nasone, Maria Franca Grisolia, Corrado Avanzi, Filippo Bigoni, Elena Borboni, Cinzia Bulone, Margherita Casadei, Sergio Cavallerin, Alberto Curtolo, Daniela Delle Fratte (in arte Didif), Domenico Salvatore Dore, Giammarco Derosas, Amalia Gil-Merino, Giovanna Angela Giovanetti, Maria Teresa Guala, Stephanie Holznecht, Valeria Mariotti, Gabriella Martino, Silvana Mascioli, Carla Monti, Katiuscia Papaleo, Renato Paparelli, Francesco Passero, Damisela Pastors, Giuseppe Piccolo, Emanuela Raneri, Maria Antonietta Sparano (Miretta Sparano), Giacomo Susco. L’onorevole Ignazio La Russa, ringraziando l’art director Salvo Nugnes per il suo grande spirito d’iniziativa e imprenditorialità, afferma che l’arte italiana non è seconda a nessuno e con “Miami meets Milano” si portano grandi nomi all’estero: «non è un caso che anche oltre oceano l’evento sia stato accolto con molto clamore dalla stampa e dalla critica, con il benestare del sindaco di Miami». Ed è proprio Salvo Nugnes a spiegare le finalità dell’ambiziosa iniziativa che lega due città dal forte legame simbolico artistico e culturale: «L’intenzione è quella di consolidare la centralità della grande arte italiana nel mondo allargando l’orizzonte del panorama contemporaneo». Vittorio Sgarbi commenta così: «L’iniziativa offre l’opportunità di ammirare le opere di maestri dell’arte antica, moderna e contemporanea che hanno già lasciato un segno evidente nella storia. Tra gli altri Antonio Canova, Filippo De Pisis, Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Gino De Dominicis, accostate ai lavori di artisti emergenti».


[M.V. Anno X - Nr 1343 del 11.12.2017] | Arte e mostre

''Emozioni melodiche'' con Gabriella Martino al Piram Hotel.


 Inaugurazione della personale alla vigilia del Giorno della Memoria


Apre il 26 gennaio 2018 a Roma, e più precisamente al Piram Hotel ****, la personale “Emozioni melodiche” di Gabriella Martino.

 

A pochi passi dal Teatro dell’Opera e dalla Basilica Santa Maria degli Angeli, in via Giovanni Amendola, 7, la rinomata artista inaugurerà la sua mostra alle 19.00. Al vernissage, assieme all’organizzatore Salvo Nugnes, agente di molti personaggi noti e manager culturale, saranno presenti numerosi ospiti illustri. Tra questi parteciperanno all’evento Patrick Ray Pugliese, inviato di Striscia la Notizia, e Giovanna Bizzarri, cantante e pianista di Rai 1 per la trasmissione Sottovoce. A seguito di “Spoleto Arte incontra New York 2017”, di “Spoleto Arte 2017” e di “Miami meets Milano 2017”, organizzata da Salvo Nugnes e curata da Vittorio Sgarbi e José Dalì, la poliedrica pittrice fiorentina propone al pubblico “Emozioni melodiche” in una cornice elegante, vicina al patrimonio culturale capitolino. Gabriella Martino, che grazie ai numerosi riconoscimenti in ambito culturale, artistico e sociale si è aggiudicata il titolo di Cavaliere dell’Arte, torna a Roma con i suoi quadri. Sulla tela riesce a creare, grazie alla sua sensibile inventiva e alla sua libertà poietica, un connubio materico-informale senza schemi. Da questa tensione si producono sensazioni ed emozioni che portano il pensiero a slanciarsi in un contesto comunicativo (dai molteplici significati sottesi) finito e compiuto. Interrogandosi sul senso dell’essere e dell’esistere, Gabriella Martino cattura lo spettatore, rendendolo partecipe ai quesiti e parte integrante del quadro. I sensi di chi osserva vengono accompagnati in un mondo fantastico e onirico grazie ai colori scelti dall’esperta pittrice, regalando una sensazione armonica del fluire dinamico che anima le sue creazioni. «È una figurazione primaria – secondo Vittorio Sgarbi – quella coltivata da Gabriella Martino, termine minimo di collegamento fra l’emozione, il ricordo, la meditazione, e la visualizzazione delle sensazioni che essi apportano. Le immagini si definiscono gradualmente, quasi strappate all'indistinto, rimanendo a galla, trasparenti, come fantasmi che potrebbero scomparire da un momento all'altro: in ciò si riscontra la maggiore liricità della Martino».


[M.V. Anno X - Nr 1343 del 11.12.2017] | Arte e mostre

Inaugura a Roma la personale di Mario Mattei


Con Enio Drovandi di "Amici miei" e Giovanna Bizzarri da Rai1


Grande attesa per l'imminente mostra del talentuoso artista romano Mario Mattei dal titolo “L’Arte della Quarta Dimensione” che si terrà dal 26 dicembre al 26 gennaio nella prestigiosa cornice dell’esclusivo Piram Hotel ****, in via Giovanni Amendola n. 7, a Roma, in pieno centro a pochi passi dal Teatro dell’Opera.

 

Assieme al manager di grandi personaggi Salvo Nugnes, parteciperanno all’evento inaugurale personalità di spicco come l’attore Enio Drovandi, grande protagonista “Amici miei”, e la pianista Giovanna Bizzarri, direttamente dal programma Sottovoce di Rai1. E’ dalla relatività creata dal pensiero che la sua opera sull’arte della Quarta Dimensione. La ricerca artistica di Mattei ha inizio nel 1968 e si sviluppa in tutti i settori delle arti visive: pittura, grafica e scultura. Durante tutta la sua attività, contribuisce alle iniziative dei movimenti culturali cui aderisce, partecipa, sia come sindacalista, sia a titolo personale, a numerosi convegni e dibattiti culturali e politici che hanno per argomento i problemi degli artisti e della società. In diverse occasioni s’impegna come insegnante di pittura e disegno, e come collaboratore didattico, all’interno delle scuole sia pubbliche, sia private, e partecipa ad alcune trasmissioni televisive andate in onda sulle reti televisive locali di Roma. La sua prima mostra ufficiale può essere considerata quella del 1970 presso la galleria “L’Etrusca” di Roma. La sua sintesi artistica esistenziale è l’unificazione in opera d’arte di due emisferi: l’universo profondo del mondo sottomarino e l’universo umano, la cui unità determina la dimensione che è all’origine del tempo-spazio del pensiero umano determinando così l’origine dell’Arte della Quarta Dimensione, la cui natura artistica porta con sé profonde innovazioni tecniche culturali. Ogni opera d’arte è una traccia, una prova dell’esistenza di orizzonti visti dal pensiero nel viandare nel tempo-spazio per cercare nuovi mondi delle arti visive. Ignoti alla storia e al mondo dell’arte contemporanea. Mario Mattei prosegue con grande successo, negli anni, la Sua produttiva attività artistica. Dopo aver partecipato alla Mostra Spoleto Arte, a cura del Prof. Vittorio Sgarbi, in concomitanza del Festival dei 2 Mondi, ha esposto all’importante Biennale Milano e successivamente alla grande Mostra Spoleto incontra Venezia nel contesto della 57 Biennale d’Arte.


[M.V. Anno X - Nr 1343 del 11.12.2017] | Arte e mostre

MIAMI MEETS MILANO, che dal 6 al 10 dicembre


Presentata alla Camera dei Deputati la mostra grande internazionale "MIAMI MEETS MILANO"


Si è tenuta ieri, martedì 21 novembre, alla Camera dei Deputati la presentazione del progetto internazionale MIAMI MEETS MILANO, che dal 6 al 10 dicembre porterà la grande arte italiana negli Stati Uniti, in un significativo confronto tra opere di artisti storicizzati ed emergenti.

 

L’esposizione sarà allestita nell’esclusivo hotel Victor in Ocean Drive, nel cuore di Miami Beach, negli stessi giorni della famosa fiera internazionale di Miami Art Basel - la più importante del settore. Alla conferenza stampa, moderata da Giuseppe Malara del Tg1, hanno preso parte l’onorevole Ignazio La Russa, Vittorio Sgarbi, Veronica Ferretti del Museo Buonarroti, Alberto D’Atanasio del Museo Modigliani, José Dalì, artista e figlio di Salvador Dalí. Riferendosi all’iniziativa, Ignazio La Russa ha ringraziato l'organizzatore Salvo Nugnes, complimentandosi per come “senza utilizzare nessun tipo di fondi, ma con grande spirito d’iniziativa e imprenditorialità, “Miami Meets Milano” porta i grandi nomi italiani all’estero, producendo un circolo virtuoso per l'arte nel nostro paese, un campo in cui non siamo certamente secondi a nessuno, nel mondo. Non è un caso - prosegue l’Onorevole - che anche oltre oceano l'evento sia stato accolto con molto clamore dalla stampa e dalla critica, con il benestare del console italiano e del sindaco di Miami” Salvo Nugnes, Art Director della mostra “Miami meets Milano”, spiega così le finalità di un’iniziativa tanto ambiziosa: “Le due città hanno un forte legame simbolico. Sono entrambe fulcro della promozione dell’arte e della cultura a livello mondiale, dove passato e presente, antico e moderno, tradizione e innovazione si ritrovano insieme, in perfetta fusione. L’intenzione è quella di consolidare la centralità della grande arte italiana nel mondo allargando l’orizzonte del panorama contemporaneo». «L’iniziativa – spiega Vittorio Sgarbi - offre l’opportunità di ammirare le opere di maestri dell’arte antica, moderna e contemporanea che hanno già lasciato un segno evidente nella storia. Tra gli altri Antonio Canova, Filippo De Pisis, Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Gino De Dominicis, accostate ai lavori di artisti emergenti». La mostra ha il contributo del curatore e critico Vittorio Sgarbi, di José Dalí, del Direttore Generale del Ministero degli Affari Esteri Andrea Meloni, del  Sindaco di Miami Philip Levin, del Console Generale d’Italia a Miami Adolfo Barattolo, di Renato Manera della “Fondazione Antonio Canova”, di Alberto D'Atanasio del Museo Modigliani, di Veronica Ferretti del Museo Buonarroti.


[M.V. Anno X - Nr 1338 del 23.11.2017] | Arte e mostre

SULLA STRADA DEI SOGNI


Il Giappone nelle immagini di Massimo Berretta


Dal 18 al 24 novembre 2017 il Centro di Assistenza Sociale e Culturale della Banca d'Italia ospiterà la mostra fotografica sul Giappone Massimo Berretta “SULLA STRADA DEI SOGNI” Apparizioni.

 

Immagini fluttuanti eppure incisive, oniriche e allo stesso tempo reali, evocative, toccanti. Il Giappone di Massimo Berretta è descritto in tre delle sue caratteristiche essenziali: il pudore, la spiritualità, l’armonia. Un viaggio tra sogni che intarsiano, con la memoria, immagini di vita quotidiana. Un cammino, quello di Berretta, dove le foto assumono la forma dell’epifania: rievocazione di colori che, attraverso il fascino del disvelamento, riecheggiano il respiro dello spirito dei luoghi visitati, all’interno di uno scatto sottratto alla realtà. Un velo colorato è difatti quello che copre tenuamente le immagini, svelate poi di colpo da un lampo temporaneo, un volto si staglia dal caos colorato di un presente che diventa sfondo (Claudio Romanelli). Parteciperanno all’inaugurazione - sabato 18 novembre ore 16.00 - due giovani artiste giapponesi: la pianista Ai Watanabe, concertista che dimostra una perfetta padronanza della tecnica pianistica e una profonda sensibilità musicale, e la mezzosoprano Takaku Umezu, interprete virtuosa con un affascinante colore vocale.


[M.V. Anno X - Nr 1334 del 15.11.2017] | Arte e mostre

SPOLETO ARTE INCONTRA VENEZIA


Grande successo per l'incontro con Roberta Camerino e Veronica Ferretti alla mostra di Sgarbi


L'appuntamento "al femminile" ha chiuso il ricco calendario di eventi legati alla mostra a Palazzo Grifalconi Loredan, nello storico atelier di Roberta di Camerino. L'esposizione sarà visitabile fino a mercoledì 15 novembre. E’ stato un successo di pubblico l’incontro che ha avuto luogo domenica 12 novembre alla mostra SPOLETO ARTE INCONTRA VENEZIA, allestita nello storico atelier di Roberta di Camerino: si è parlato di arte, di moda e della straordinaria figura della “padrona di casa”, la stilista e ideatrice dell’omonima griffe. Icona di stile, donna geniale, indipendente ed emancipata ante litteram, il racconto della sua straordinaria esistenza è stata l’occasione per trattare temi di grande attualità, come il ruolo della donna nella società e la condizione femminile nel mondo del lavoro. Protagoniste di questo evento sono stare Roberta Camerino, figlia della stilista e Veronica Ferretti, storica dell’arte e funzionaria del Museo Michelangelo Buonarroti le quali, insieme al mediatore dell’incontro Salvo Nugnes, manager della cultura e organizzatore dell’evento, hanno lanciato l’idea di un “manifesto al femminile”: raccogliere le firme di donne di spicco che operano nel campo dell’arte, della moda, della creatività, per testimoniare il grande contributo delle donne in questi settori. Con l’occasione, la Camerino ha inoltre presentato al pubblico alcuni estratti del suo libro Schegge di R, un ricordo intimo e personale della madre, grande personalità, vulcanica e geniale, amica di Salvador Dalì, Coco Chanel, Walter Matthau, il cui ricordo a Venezia e nel mondo, è rimasto indelebile. Il volume, scritto insieme all’amica Federica Repetto, reca l’introduzione del professor Vittorio Sgarbi e il contributo di Luciana Boccardi, critica di moda e scrittrice, grande amica della famiglia. Ricordiamo che la mostra SPOLETO ARTE INCONTRA VENEZIA a Palazzo Grifalconi Loredan sarà visitabile fino a domani, mercoledì 15 novembre.


[M.V. Anno X - Nr 1333 del 14.11.2017] | Arte e mostre

Maria Pia Severi presenta il nuovo libro fotografico


Maria Pia Severi presenta il nuovo libro fotografico allo Spoleto Arte di Sgarbi Sarà una passerella di celebrità l’evento di presentazione del nuovo libro fotografico di Maria Pia Severi dal titolo Roma fuori programma che si terrà venerdì 17 novembre alle ore 19, nella prestigiosa cornice dell’hotel Piram a Roma (Via Giovanni Amendola, 7).


Sarà una passerella di celebrità l’evento di presentazione del nuovo libro fotografico di Maria Pia Severi dal titolo Roma fuori programma che si terrà venerdì 17 novembre alle ore 19, nella prestigiosa cornice dell’hotel Piram a Roma (Via Giovanni Amendola, 7). Contestualmente alla presentazione del volume, sarà allestita una galleria di ritratti fotografici realizzati dall’artista emiliana. Icone del mondo del cinema, della musica, della moda, realizzati dall’artista con il suo stile unico: da Maria Callas a Lady Gaga, passando per Kate Middleton e Brigitte Bardot, i soggetti sono catturati dal gesto spontaneo e istintivo dell’artista, dallo scatto repentino del clic, con un effetto surreale, magico, indefinito, senza tempo. Assieme al manager della cultura Salvo Nugnes parteciperanno poi all’evento grandi personaggi del calibro di Pippo Franco, attore, comico e storico conduttore del programma Il Bagaglino, José Dalì, pittore e figlio del celebre artista Salvador Dalì, l’inviato di Striscia la Notizia Patrick Pugliese, e molti altri, accompagnati dalla pianista Giovanna Bizzarri, direttamente dal programma Sottovoce di Rai1. Il volume Roma fuori programma è una raccolti di scatti inediti che ha come protagonista la Città Eterna, dove lo sguardo unico di Maria Pia Severi indaga i luoghi simbolo della Capitale, in cui si innestano e sovrappongono i ritratti di alcuni dei suoi più celebri protagonisti, che ne hanno segnato la Storia: Michelangelo Buonarroti, il Caravaggio, Anna Magnani, Marcello Mastroianni, Federico Fellini, Alberto Sordi, Renato Guttuso, Giorgio de Chirico, solo per citarne alcuni. Maria Pia Severi prosegue quindi con successo il suo percorso editoriale con i suoi originali “ritratti di città”. La pubblicazione di questi prestigiosi volumi si affianca alla sua lunga e fortunata carriera espositiva, coronata da successi internazionali: da Miami a New York, da Rio de Janeiro a Praga, da Londra a Spoleto, all’interno della Biennale di Venezia, a Monte Carlo, i suoi scatti d'autore hanno riscosso interesse e curiosità in ogni occasione. Il suo stile unico e inconfondibile, ricco di virtuosismo e vivacità creativa, le permette di realizzare scatti carichi di fascino e mistero; libera da vincoli accademici e da necessità documentarie, le sue immagini diventano straordinariamente evocative, cariche di suggestioni in bilico tra sogno, realtà e memoria. Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti da Maria Pia Severi, ricordiamo il Premio Monte Carlo per “L’originale interpretazione dell’arte fotografica”, conferitole da Vittorio Sgarbi insieme a Francesco Alberoni, Cristiano Gallo, ambasciatore italiano a Monaco, Veronica Ferretti, dirigente del museo Michelangelo Buonarroti, Salvo Nugnes e Andrea Munari, direttore generale di Radio Monte Carlo. Nel luglio del 2017 partecipa al Festival Dei Due Mondi di Spoleto e riceve il prestigioso Premio alla carriera, partecipando subito dopo all’importante Biennale di Milano a cura di Vittorio Sgarbi. Per informazioni tel: 0424-525190 mail: org@spoletoarte web: www.spoletoarte.it


[M.V. Anno X - Nr 1331 del 09.11.2017] | Arte e mostre

La mostra 'Assemblages


Restituzioni e metamorfosi' di Michela Fontana al G LAB di Milano dal 16 al 24 novembre


“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. Su questa massima di Antoine Lavoisier si fonda l’ispirazione artistica di Michela Fontana, che raccoglie materiali abbandonati, legni, frammenti di plastica, ferri, e li restituisce alla vita in nuove forme. Un bric-à-brac disseminato lungo le spiagge di Creta, della Val Tidone, di Milano, i luoghi dove Michela Fontana trascorre la maggior parte del suo tempo. Oggetti destituiti della loro funzione e destrutturati che in una sorta di nemesi tornano trasformati in nuovi significati, restituzioni e metamorfosi. Dal 16 al 24 novembre al G LAB di Milano (via Giannone, 4) sarà esposta una selezione delle opere dell’artista, offrendo una vivace panoramica di composizioni polimateriche di varie dimensioni, testimoni delle tensioni, delle contraddizioni ma anche delle speranze del nostro tempo. Ed ecco allora "Il sorriso dell'orso", un orsetto di pezza giallo abbandonato sulla spiaggia, tragicamente sorridente e adagiato a una casetta piena di capelli fatti di reti da pesca. Oppure "Aleppo", un tempio di schegge e colonne che reggono ormai un'evanescente sottilissima rete di ferro. Un mondo impazzito ma anche ironico con "Scienziati dilettanti", una coppia di biologi improvvisati che si aggirano con strumenti scientifici improbabili, e personaggi dagli stravaganti copricapi e dalle fantasiose capigliature. Michela Fontana crea le sue opere con mano sicura, con la stessa precisione con la quale ha svolto il lavoro di giornalista scientifica, di saggista e di scrittrice. Ha vissuto e lavorato quindici anni fra l’America del nord, la Cina e l’Arabia Saudita. Il suo libro Matteo Ricci un gesuita alla corte dei Ming, tradotto in inglese, francese e spagnolo, ha vinto il Grand Prix de la biographie politique nel 2010 ed è stato ristampato in questi giorni sempre per i tipi della Mondadori. La sua opera più recente è Nonostante il velo; Donne dell'Arabia saudita (VandA.epublishing) sulla condizione delle donne nel paese arabo. Assemblages, restituzioni e metamorfosi 16-24 novembre GLAB - via Giannone, 4 - Milano Ingresso libero dal lunedì al venerdì – h. 10-18 / 15-19 Sabato su richiesta. Tel 02 33604110


[M.V. Anno X - Nr 1331 del 09.11.2017] | Arte e mostre

Domenica 15 ottobre a Villa Porro Pirelli:


15 ottobre, dalle 11.00 alle 20.00, a Villa Porro Pirelli di Induno Olona, elegante dimora del ‘700 convertita in albergo di charme, si tiene ‘Sposi in villa: il tuo matrimonio da favola’.


L’evento si rivolge non solo ai futuri sposi, ai professionisti e ad aziende del settore wedding che operano sul territorio varesino, ma anche a tutti coloro che vogliono cogliere l’occasione per visitare e ammirare gli ambienti esclusivi della Villa, location ideale per matrimoni da favola. Durante la giornata, gli ospiti verranno accompagnati lungo un percorso per conoscere gli ambienti della Villa, la suggestiva Sala della Musica, la Sala della Lettura, dove saranno allestiti tavoli apparecchiati per l’occasione con raffinate mise en place e pregiati tovagliati. Da qui i partecipanti verranno condotti al piano inferiore, nella grande Sala Lombardia, che affaccia sul giardino, dove ad attenderli saranno gli espositori, professionisti locali dell’organizzazione eventi, tra cui stilisti, fotografi, make up artist e fioristi. Momento clou della giornata sarà la sfilata di abiti nuziali alle ore 16.00 che farà sognare tutte le future spose. Oltre alle sfarzose sale interne, gli ospiti potranno anche approfittare della giornata per visitare il parco secolare con siepi, colonnati e fontane e la chiesetta consacrata, pronta ad accogliere gli sposi in un ambiente intimo e raccolto. VILLA PORRO PIRELLI Via Tabacchi, 20 - 21056 Induno Olona (Varese) Tel. +39 0332 840540 - info@villaporropirelli.com - www.villaporropirelli.com


[M.V. Anno X - Nr 1323 del 12.10.2017] | Arte e mostre

La Signora delle Stelle - Margherita Hack


Prestigioso Concorso d'arte “La Signora delle Stelle” in nome di Margherita Hack presso la storica Milano Art Gallery


Sono aperte ufficialmente le iscrizioni per il Concorso d'arte "La Signora delle Stelle - Margherita Hack" dedicato all'esimia scienziata astrofisica, che a 4 anni dalla sua scomparsa è rimasta nel cuore di tutti.

 

Il concorso, ideato e organizzato dal manager della cultura Salvo Nugnes, agente anche della Hack, vuole mantenere vivo il ricordo e la memoria di questa grande donna e professionista encomiabile, che con i suoi studi e le sue ricerche ha lasciato un patrimonio prezioso in simbolica eredità al mondo intero. Il concorso ha come tematica portante ritratti, stelle, paesaggi, pianeti, astratti e ogni soggetto legato alla vita e al lavoro dell'indimenticabile Professoressa. Possono partecipare opere di pittura, fotografia, grafica e scultura. Verrà dato un particolare contributo al concorso da parte di nomi importanti, come Vittorio Sgarbi e Francesco Alberoni, nonché da parte di altri esponenti autorevoli del panorama culturale contemporaneo. La cerimonia ufficiale di premiazioni degli artisti vincitori si svolgerà il 16 dicembre, alle 18.00, presso la storica galleria milanese Milano Art Gallery, in via G. Alessi 11, nel cuore della città, a due passi dal centro e dal Duomo. In palio verrà messo un ammontare complessivo di 20.000 €, sotto forma di servizi per la realizzazione di esclusive mostre personali e collettive, distribuito tra i vincitori prescelti. L'organizzatore Salvo Nugnes, nel ricordare con affettuosa amicizia la Professoressa Hack afferma: «Questo concorso vuole offrire a tutti i talentuosi artisti partecipanti l'opportunità di ricevere premi consistenti, per portare avanti il loro percorso nel mondo dell'arte e ottenere grande visibilità e ritorno d'immagine. Verrà data risonanza all'evento, per ricordare Margherita, che ha lasciato un tesoro inestimabile di sapere e di conoscenza a noi e alle generazioni future e si è conquistata la stima e l'ammirazione, da parte dell'opinione pubblica internazionale. A lei va il mio sincero ringraziamento per la bella amicizia che mi ha regalato e che mi porterò sempre dentro». Per ricevere ulteriori informazioni e aderire al concorso, è possibile chiamare il numero 0424/525190 e inviare una mail a segreteria@margheritahack.it o visionare il sito ufficiale www.margheritahack.it.


[M.V. Anno X - Nr 1317 del 27.09.2017] | Arte e mostre

Spoleto Arte verso Caravaggio


Malta, Hilton Hotel: Sgarbi ed il manager Salvo Nugnes per “Spoleto Arte verso Caravaggio” con il contributo di illustri personalità


Grande successo per “Spoleto Arte verso Caravaggio”, la mostra internazionale d’arte contemporanea che si è svolta nella giornata di domenica 24 settembre presso il lussuoso Hilton Hotel a Malta. L’evento, ideato e organizzato dal manager di noti personaggi Salvo Nugnes, si è avvalso degli importanti contributi di Vittorio Sgarbi, del ministro di Malta Jason Azzopardi, del studioso esperto di Caravaggio Keith Sciberras, di Josè Dalì, figlio del famoso artista Salvador Dalì e di Alessandro Meluzzi, noto psichiatra e volto di trasmissioni televisive come Matrix e Quarto Grado. Durante la mostra hanno esposto affermati artisti, provenienti da ogni parte del mondo, tutti accuratamente selezionati dal comitato organizzatore. La location di “Spoleto Arte verso Caravaggio” è situata sul lungomare della bellissima isola, patria e luogo di passaggio di numerosi artisti, tra cui il famoso Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, che proprio in questo meraviglioso luogo ha trascorso gli ultimi giorni della sua vita. “Spoleto Arte”, definita dal Prof. Sgarbi ≪un osservatorio sull’arte contemporanea≫ è un contenitore di conoscenza e di approfondimento artistico di grande valore. L’edizione del 2017 ha visto la partecipazione di numerose personalità di spicco del mondo dell’arte e della cultura. La mostra ha unito emblematicamente in un’unica esposizione artistica la città di Spoleto, rappresentata proprio da “Spoleto Arte”, con la bellissima isola di Malta, considerata patrimonio mondiale dell’Umanità dall’Unesco e denominata “la perla del Mediterraneo”. Per info: 0424. 525190, org@spoletoarte.it, www.spoletoarte.it


[M.V. Anno X - Nr 1317 del 27.09.2017] | Arte e mostre
Pubblicità