Notizie Turismo, News , Tempo libero, Cronache internazionali - Master Viaggi online

NOTIZIE TURISMO, NEWS, TEMPO LIBERO, TRASPORTI, CRONACHE INTERNAZIONALI

ANNUNCI GRATUITI
Il servizio Comunicati Stampa/Annunci gratuiti e' un servizio fornito dalla Travel Factory Srl in liquidazione, di seguito indicata come Il gestore del sito. Sebbene redatto con scrupolosita' e cura, il servizio non e' immune da errori, imprecisioni e omissioni, di cui Il gestore del sito non puo' e non potra' mai e in alcun modo essere ritenuta responsabile.
L'uso del Servizo e' effettuato dall'Utente sotto la sua completa responsabilita'. Il Gestore del sito non offre quindi garanzie (1) circa l'identita', la capacita' giuridica, la serieta' d'intenti o altre caratteristiche degli inserzionisti, (2) la qualita', la liceita', la sicurezza dei beni oggetto degli annunci, (3) la veridicita' e l'accuratezza di quanto fornito dagli inserzionisti.
Il Gestore del sito si riserva il diritto di modificare, in ogni momento e in piena autonomia, i contenuti dei Comunicati Stampa/Annunci gratuiti, nel rispetto comunque della volonta' dell'utente risultante dall'inserzione, le funzionalita' del servizio o di sospenderne l'erogazione senza alcun obbligo di preavviso agli utenti.

“La seconda navigazione”



Si inaugura il 1 ottobre alle 17, presso Archivio Galleria Lazzaro by Corsi, in via Cenisio 50 a Milano, la personale dell'artista di Giulianova (Te) Carmine Galiè, “La seconda navigazione”, a cura di Massimo Pasqualone. Carmine Galiè, in questo secondo percorso zetetico, ci presenta un’attenzione precipua ai plastici simboli del mare e, mutuando una terminologia filosofica appartenente al Fedone di Platone, arriva ad una seconda navigazione, metafora desunta dal linguaggio marinaresco che indica quella navigazione che si intraprende quando cadono i venti e la nave rimane ferma: in tale circostanza si deve por mano ai remi, e in tal modo, con la forza delle braccia, si esce dalla situazione prodotta dall’incombere della bonaccia. Con Sogno e realtà abbiamo assistito ad una prima navigazione fatta con le vele al vento che, in Platone, corrispondeva al tragitto compiuto sulla scia dei naturalisti e con il loro metodo, in Carmine Galiè, invece, ad una poetica di introspezione psichica ed estroiettazione di sentimenti contrastanti, tutti accomunati da cromatismi forti e possenti piani visivi. La “seconda navigazione”, assai più faticosa ed impegnativa, é quella in cui l’artista giuliese naviga senza il timore di fare naufragio, assorbe gli straordinari elementi simbolici e mitologici del mare, in una visione della vita rinnovata e direi quasi palingenetica. Mi sovviene, a tal proposito, un testo lirico della poetessa Alessandra Bucci, Nei giorni buoni: “Come colore puro brillo, nei giorni buoni, e coi pensieri dipingo il cielo, il mare, la terra sotto i piedi. Nuoto tra le onde e lascio scie iridescenti fra i flutti, apro le braccia e disegno l’arcobaleno che, come ponte sospeso, all’infinito mi congiunge e torno a terra come meteora lasciando nel blu una pennellata di me”. Dopo aver lasciato i flutti, l’artista si lascia emozionare dall’azzurro acceso del mare, osservandolo da lontano, ed ecco un’altra plastica visione di Alessandra Bucci, Alta Marea: “Ti aspetto, sollevati a me fino a lambire il mio intimo mare, capovolgi la mia visione e restituiscimi l’azzurro acceso delle onde andate”. I piani visivi si trasformano, i cromatismi assorbono l’attenzione del lettore dell’opera d’arte, il mare diventa la grande metafora della vita, che ad ogni istante ci trasforma, apparentemente immobile ma sempre in movimento, direbbe Montale. Un cambiamento nella poetica, una decisa evoluzione nello stile fanno di questa seconda navigazione di Carmine Galiè un interessante tassello nel cammino dell’artista che da ormai quarant’anni vive il tempo della bellezza e dell’arte attraverso uno studio costante e severo della realtà, introducendo nell’opera d’arte elementi biografici che diventano universali quando la storia si fa Storia, quando le onde degli attimi e dei secondi inducono davvero ad una riflessione generale sul senso o sui sensi della vita. Lo dimostrano le opere dedicate ai paesaggi, alla ricerca di una quiete che solo la natura può e sa dare, con un’attenzione precipua al silenzio di cui necessita ogni artista vero. Non mancano dotti riferimenti alla mitologia, a Nettuno, alle Sirene, che ancora oggi irretiscono coloro che navigano nel mare della vita, che ha sempre mille e mille rive e che all’artista non bastano. Carmine Galiè approda, dunque, ad una raffinata ricerca, coinvolge il lettore dell’opera d’arte facendolo attenzionare a cromatismi desueti e miti rivisitati in chiave moderna, perché è davvero questo il ruolo dell’artista, espresso chiaramente da Gustave Flaubert: “Se c’è sulla terra e fra tutti i nulla qualcosa da adorare, se esiste qualcosa di santo, di puro, di sublime, qualcosa che assecondi questo smisurato desiderio dell’infinito e del vago che chiamano anima, questa è l’arte”. La mostra resterà' aperta fino al 17 ottobre. via Cenisio , 50 20154 Milano telefono e fax 02 36521958 Orario: martedì - sabato: 9 - 13 / 15 – 19 domenica e lunedì - chiuso


[M.V. Anno X - Nr 1315 del 20.09.2017] | Arte e mostre

il libro “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne”


Biennale Milano: appuntamento imperdibile con Vanna Ugolini che presenta il libro “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” con la partecipazione straordinaria di Paolo Liguori, Alessandro Meluzzi e Salvo Nugnes


Giovedì 12 ottobre, alle ore 18.00, la giornalista Vanna Ugolini presenterà il libro “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” (Morlacchi editore), scritto a quattro mani con la psicologa Lucia Magionami, affiancata dal Direttore del TGcom Paolo Liguori, da Alessandro Meluzzi noto psichiatra e volto di trasmissioni televisive come Matrix e Quarto Grado e da Salvo Nugnes manager di noti personaggi, nonché moderatore dell’incontro. L'appuntamento culturale avrà come cornice artistica la grande mostra “Biennale Milano - International Art Meeting”, presentata da Vittorio Sgarbi e allestita presso Brera Site, a Milano, a pochi passi dal Piccolo Teatro. “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” è un viaggio nell’anima di uomini che hanno ucciso le proprie compagne, persone comuni eppure assassini. Il libro è una ricerca profonda, un percorso emotivo ed evocativo che risponde alla necessità di capire, per poi comunicare, cosa spinge un uomo ad uccidere l’amore della propria vita, cosa succede in quei minuti in cui decide di diventare assassino e qual è il percorso che trasforma un uomo normale, un padre di famiglia in un omicida. E dal libro emerge anche quello che l'autrice Ugolini afferma chiaramente: non siamo di fronte a raptus, né scatti d’ira: il percorso verso il femminicidio è più lungo, lastricato di silenzi, di prigioni culturali, di diversi modi di intendere la vita, dell’incapacità di dare un nome ai sentimenti, alle situazioni e, quindi, di riconoscerle, di rapporti di potere all’interno della coppia, dove una delle due parti prevarica e controlla l’altra. “Arriviamo a un punto e decidiamo se usare la ragione o la forza – scrive l’autrice – se vogliamo mantenere a ogni costo il potere su una persona fino ad arrivare a toglierle la vita o se vogliamo amare, liberamente, accettare che questo possa finire e possa far male. Ci sono mille altri modi diversi dalla violenza per chiudere una relazione. La violenza è una scelta. Una scelta da non fare.” A “Biennale Milano” sono previsti numerosi eventi di notevole spessore culturale: mercoledì 11 ottobre ci sarà la conferenza stampa con rappresentanti delle Istituzioni, Alberto d’Atanasio dirigente del Museo Modigliani, Veronica Ferretti funzionaria del Museo Michelangelo Buonarroti, Carlo Motta, responsabile di Editoriale Mondadori, Elisabetta Marelli regista del film “Sgarbistan”, e Vittorio Sgarbi in videoconference. Lo stesso giorno il conduttore Pippo Franco si esibirà in uno spettacolo dal titolo “La Vita è Arte” con tanti altri illustri personaggi. Venerdì 13 ci sarà la presentazione dei nuovi libri del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e della scrittrice e conduttrice Silvana Giacobini, con la mediazione del manager Salvo Nugnes. Il giorno successivo è stata organizzata l’inaugurazione della mostra “Biennale Milano – International Art Meeting” presso la prestigiosa sede Brera Site (in via delle Erbe, 2) con la presenza del Prof. Vittorio Sgarbi. Nell’ultimo giorno della manifestazione, domenica 15, è prevista la presentazione di altri due libri: quello di Tony di Corcia sullo stilista Gianni Versace, con la partecipazione del fratello Santo Versace, e quello di Roberta Camerino, “Schegge di R” dove racconta la storia della famosa madre stilista amica di Salvador Dalì e di Coco Chanel. Per info: 0424.525190, 388.7338297, info@biennalemilano.it


[M.V. Anno X - Nr 1315 del 20.09.2017] | Arte e mostre

Premio Marchionni


nella prestigiosa sede dell’Archivio Lazzaro di Milano, si inaugura la 1^ tappa delle mostre itineranti dell’edizione 2017 del Premio Marchionni, il concorso internazionale d’arte contemporanea lanciato dal Museo Magmma di Villacidro.”.


Il macedone Sinisha Kashawelski ha vinto con l’opera intitolata “Je crois en progrès”, mentre Tina Sgrò si è guadagnato il primo posto nella sezione Grafica con l’opera “Interno piccolo”: ai due è stato assegnato un premio di 2.500euro. Oltre a Kashawelski e Sgrò saranno presenti i vincitori delle tre mostre itineranti: per la sezione grafica: Francesco Mauro, Francesco Stile, Ugo Cardenas, Laura Cangelosi, Luca Dalmazio, Marco Tidu, Ricardo Aleodor Venturi, Roberta Congiu, Sabato Panico, Simone Geraci, Stephen Spiller, Daniela Savini, Diego Vargiu, Dusan Pacuch; per la sezione pittura Erika Azzarello, Francesco Stile, Gavino Ganau, Gavino Piana, Ileana Colazzilli, Luca Vallotta, Massimiliano Galliani, Max Mazzoli, Nara Tomassini, Patrick Pioppi, Raffaello Bongini, Raphael Bouyer, Simone Geraci, Simone Prudente. A giudicare i lavori è stata una giuria di qualità:Umberto Palestini, direttore dell’Accademia di Belle Arti Urbino, tra le istituzioni artistiche più importanti d’Italia, Alessandra Redaelli, giornalista e curatrice di Arte Milano, Adriano Corsi, direttore dell’Archivio Lazzaro di Milano, Vittorio Spampinato, direttore artistico del Museo Cá La Ghironda, Giorgio Sorrentino della Galleria Artesanterasmo di Milano, e Vitaliano Angelini, presidente Incisori Urbinati. Il Premio Marchionni è stato istituito per ricordare la figura di Dino Marchionni, sopraffino incisore che nel 1954 lasciò la sua Urbino per insegnare a Villacidro, dove rimase fino alla fine della sua vita. via Cenisio , 50 20154 Milano telefono e fax 02 36521958 Orario: martedì - sabato: 9 - 13 / 15 – 19 domenica e lunedì - chiuso www.gallerialazzaro.it - lazzarocorsi@tin.it


[M.V. Anno X - Nr 1314 del 15.09.2017] | Arte e mostre

≪Legno e luce – L’emozionante fascino della corruzione≫


la mostra personale dell’artista Gaetano B. alla MAG - Milano Art Gallery


Gaetano B. inaugurerà la sua mostra personale dal titolo: ≪Legno e luce – L’emozionante fascino della corruzione≫ presso la prestigiosa MAG - Milano Art Gallery, in via G. Alessi 11, nel cuore della città, conosciuta come galleria di riferimento del Maurizio Costanzo Show nei primi anni di messa in onda della popolare trasmissione, dove un giovane Vittorio Sgarbi, agli inizi della carriera, intratteneva con i suoi discorsi sull'arte.

 

Il vernissage è previsto per venerdì 14 luglio alle ore 18.30 e l’organizzatore è Salvo Nugnes, manager della cultura e di personaggi di spicco. L’artista è il vincitore del primo premio della prestigiosa mostra internazionale “Spoleto Arte 2017” a cura di Vittorio Sgarbi, attualmente presente presso Palazzo Leti Sansi per tutto il mese di luglio. Le opere della mostra personale sono sculture in legno particolarmente studiate e singolari. In queste composizioni i pensieri e le sensazioni di Gaetano B. si concretizzano nel materiale legnoso ricco di passato e di mistero, facendo in modo che l’artista sperimenti un design molto prezioso e originale. Sceglie dei pezzi ben precisi per raffigurare le sue emozioni, aiutato dai rami che diventano scheletri e dalla vernice rossa che rappresenta il dolore. Le sue opere vengono supportate da luci poste non solo ad illuminarle, ma anche con l’obiettivo di accentuare il loro significato profondo, caratterizzato da uno spirito critico verso l’umanità e le sue miserie. La luce diventa simbolo di fiducia e di auspicio, portatrice di speranza in un mondo carico di infelicità. Il prezioso design sperimentale è avvalorato da una forte predilezione per la natura e il suo significato estrinseco, il che denota una particolare emotività artistica. La mostra, che sarà aperta al pubblico fino al 29 luglio, diventa così un’ottima occasione per conoscere un artista originale e la sua particolare sensibilità estetica. Per informazioni visitare la pagina web: www.milanoartgallery.it o chiamare il numero: 02.76280638.


[M.V. Anno X - Nr 1307 del 16.07.2017] | Arte e mostre

mostra internazionale di “Spoleto Arte 2017


Grande successo al vernissage della mostra internazionale di “Spoleto Arte 2017” tenutosi sabato 1° luglio a Palazzo Leti Sansi: la rassegna artistica rimarrà aperta fino al 27 luglio.


Grande successo, sabato 1° luglio, per il vernissage della rinomata mostra internazionale d'arte contemporanea “Spoleto Arte", tenutosi presso Palazzo Leti Sansi. La giornata di apertura è avvenuta nel contesto della 60° edizione del “Festival dei Due Mondi”, manifestazione culturale che coinvolge la città umbra in numerosi spettacoli artistici. L’organizzatore e manager della cultura Salvo Nugnes, assieme a Vittorio Sgarbi, ha dato avvio all’inaugurazione della mostra alle ore 18, con la partecipazione di personalità di spicco nel mondo della cultura e dello spettacolo: da Livia Pomodoro presidente dell'accademia di Belle Arti di Brera alla scrittrice Sveva Casati Modigliani, dall’attuale sottosegretaria di Stato Maria Elena Boschi al presidente del “Festival dei Due Mondi” Fabrizio Cardarelli, dall'on. Lella Golfo ad Alessandro Meluzzi volto noto di Canale 5, da Paola Severini della Rai alla statistica Linda Laura Sabbadini, da Sonia Laura Tatò produttrice e scrittrice a Patrick Pugliese di Striscia la Notizia e molti altri ancora. Sgarbi, curatore dell'esposizione, ha dichiarato che anche quest'anno: ≪Spoleto Arte vuole essere un osservatorio dell'arte contemporanea, nel quale fanno parte un selezionato gruppo di artisti, con caratteristiche distintive e stili diversi, riuniti insieme in esposizione in un armonioso allestimento di generi espressivi diversi. Ho accettato di guidare la mostra di Spoleto Arte, nel contesto del “Festival dei Due Mondi”, con l'obiettivo di mettere in evidenza la libera creatività, talvolta soffocata, di artisti emergenti≫. Contemporaneamente alla mostra c’è stata anche l’esposizione “D’Io”, rassegna del discusso artista del XX secolo Gino de Dominicis. “Spoleto Arte" rimarrà aperta fino al 27 luglio, garantendo un’ottima visibilità alle opere che verranno esposte e ai numerosi artisti italiani e internazionali che hanno deciso di partecipare. Per info: 0424525190, info@spoletoarte.it


[M.V. Anno X - Nr 1305 del 30.06.2017] | Arte e mostre

Un omaggio all’arte contemporanea


ART IN DOC Un omaggio all’arte contemporanea attraverso quattro documentari dedicati ad artisti del nostro secolo: Jan Fabre, Ousmane Sow, Tobia Scarpa, Rosario Santamaria, Oltre a due esposizioni/installazioni negli spazi del Festival: Gianluca Costantini e Visioni(Di)Visioni


3 luglio 2017 COMUNICATO STAMPA Sole Luna Doc Film Festival - Palermo 3-9 Luglio 2017 XII Edizione ART IN DOC Un omaggio all’arte contemporanea attraverso quattro documentari dedicati ad artisti del nostro secolo: Jan Fabre, Ousmane Sow, Tobia Scarpa, Rosario Santamaria, Oltre a due esposizioni/installazioni negli spazi del Festival: Gianluca Costantini e Visioni(Di)Visioni Dal 3 al 9 luglio 2017 i magnifici spazi del complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo a Palermo ospiteranno Art in Doc. La rassegna, volta ad approfondire tematiche legate all’arte contemporanea, si inserisce fuori concorso all’interno della manifestazione Sole Luna Doc Film Festival che, dal 2006, porta in scena il cinema del reale narrando storie appartenenti al presente e al passato, conosciute e sconosciute, attraverso l’accurata selezione di oltre 30 film-documentari d’autore provenienti da tutto il mondo, con l’obbiettivo di favorire l’incontro e l’avvicinamento tra popoli di culture differenti infondendo valori di comunicazione e solidarietà. Art in Doc dona il suo prezioso contributo al progetto avvalendosi dell’arte come potente strumento di coesione, scambio, apertura e relazione tra le genti di tutto il pianeta. Il ciclo si compone di quattro documentari, fra cui un cortometraggio, che interpretano l’operato e la vita interiore di grandi artisti appartenenti al nostro secolo: il visual artist belga Jan Fabre (5 luglio), lo scultore senegalese Ousmane Sow (6 luglio) e l’architetto e designer veneziano Tobia Scarpa (8 luglio). Ad aprire il ciclo, martedì 4 luglio, sarà invece un cortometraggio collettivo, Anima Pietra ci conduce alla scoperta dello scultore di Favignana Rosario Santamaria. L’eterogeneità dei personaggi proposti fornisce allo spettatore una panoramica a 360 gradi sulle sfumature dell’arte contemporanea perfettamente espressa da personalità che hanno saputo dar forma tangibile alla propria interiorità concretizzandola in materia e sulla materia. Due, poi, le esposizioni/installazioni:Visioni(Di)Visioni, una mostra fotografica con scatti realizzati tra Beirut, Napoli, Algeri, Marsiglia, Amman e Lubiana durante la Photo Maraton 2016 e una installazione con alcuni disegni animati di Gianluca Costantini realizzati in occasione del Festival dei diritti umani di Milano, svoltosi dal 2 al 7 maggio e dove Sole Luna Doc Film Festival è stato primo partner e curatore della sezione DOC. Giunto quest’anno alla dodicesima edizione il Sole Luna Doc Flm Festival è ideato da Lucia Gotti Venturato - presidente dell’associazione culturale Sole e Luna - un ponte tra culture; e vede la direzione scientifica dell’antropologa Gabriella D’Agostino e quella artistica dei registi Chiara Andrich e Andrea Mura. ————— Il programma nel dettaglio MARTEDI - 04.07 PALERMO, Santa Maria dello Spasimo, Giardino, ore 21.00 Anima Pietra - Sulle orme di Sarino Santamaria, di Ivana Stroscio, Mattia Trupia, Costanza La Bruna, Francesca La Bianca, Federica Bannò Sarino Santamaria detto “U Zu’ Sarino” estrapolava le sue sculture dai blocchi di tufo estratti dalle cave di Favignana. Il documentario ne descrive la bizzarra personalità attraverso l’affettuoso ricordo degli abitanti dell’isola. MERCOLEDI - 05.07 PALERMO, Santa Maria dello Spasimo, Navata Centrale, ore 21.00 Jan Fabre. Beyond the artist, di Giulio Boato Artista visivo, regista, coreografo, scenografo, performer, Jan Fabre è uno degli artisti più discussi degli ultimi decenni. Il film è costruito attorno alle interviste allo stesso Jan Fabre, Georges Banu (critico teatrale), Vincent Baudriller (ex co-direttore del Festival d’Avignon), Jan Dekeyser (architetto del laboratorio/teatro di Fabre) e Rudolf Rach (editore di Fabre in Francia). GIOVEDI - 06.07 PALERMO, Santa Maria dello Spasimo, Navata Centrale, ore 21.30 Ousmane Sow, Le soleil en face, di Nicolas Herzog Nell’intimità della casa di Dakar di Ousmane Sow, la regista Béatrice Soulé ci racconta l’emozione di veder emergere dalla sabbia delle opere che sembrano passare dalla morte alla vita. SABATO - 08.07 PALERMO, Santa Maria dello Spasimo, Giardino, ore 21.00 Tobia Scarpa. L’anima segreta delle cose, di Elia Romanelli Il documentario nasce da una serie di visite a Tobia Scarpa; visite mattutine, visite pomeridiane. Cinque incontri in tre anni nei quali si assiste alla genesi degli oggetti, a quel processo che da qualche parola e qualche tratto di lapis su di un foglio, porta a qualche cosa di inedito, qualche cosa che entrerà nel mondo delle cose concrete, toccabili. Sullo sfondo un’improvvisazione musicale: con dei bambù del suo giardino, del metallo di risulta, un po’ di corda, Tobia Scarpa da vita ad un concerto minimo. LINK AL PROGRAMMA SUL SITO http://solelunadoc.org/festival-2017/palermo-2017/programma/ Ufficio Stampa Nazionale: Laboratorio delle Parole di Francesca Rossini laboratoriodelleparole@gmail.com Francesca Rossini 335 5411331 - Silvia Montanari 339 8762443 Ufficio Stampa Sicilia: Alberto Samonà albertosamona1@gmail.com WWW.SOLELLUNADOC.ORG INFO@SOLELUNADOC.ORG


[M.V. Anno X - Nr 1305 del 30.06.2017] | Arte e mostre

27metricubi - Residenza artistica sperimentale a Lugano dal 18 al 26 luglio


27metricubi Residenza artistica sperimentale dal 18 al 26 luglio in piazza Indipendenza a Lugano Bando di partecipazione OPEN CALL Deadline 08/07/2017 IL PROGETTO Il collettivo AAA in collaborazione con lo Spazio 1929 presenta 27metricubi a Lugano in occasione del VII LongLake Festival.


Un cubo di acciaio 3m x 3m x 3m verrà installato in piazza dell’Indipendenza che funge da spazio artistico itinerante, offerto agli artisti locali con l’intenzione di instaurare un dialogo con la comunità in cui viene proposto. Il cubo è giunto alla sua quinta tappa, dopo Venezia, Padova, Milano (dove ha partecipato alla biennale giovani artisti BJCEM - Mediterranea ’17) è ora in arrivo a Lugano nel contesto del Longlake Festival. Il cubo, installato in piazza Indipendenza a Lugano dal 18 al 26 luglio, ospiterà una serie di workshops ed iniziative artistiche mirate ad aggregare quante più persone possibile in un dibattito aperto. Tale dibattito sarà mediato da artisti, designers e artigiani che contribuiranno a dare forma alle idee e alle proposte che la comunità condividerà durante i 7 giorni di attività al cubo. Parteciperanno al progetto con una serie di attività lo Spazio 1929 e il Turba. IL BANDO deadline ore 18.00 del 8 luglio 2017 Attraverso un bando pubblico saranno selezionati 4 creativi locali che proporranno dei workshop per dialogare con la cittadinanza. Durante tutto il periodo il cubo sarà attivo con attività di vario genere mirate a stimolare dialogo e collaborazione tra visitatori e partecipanti. Oltre ai workshop il cubo ospiterà mostre, proiezioni e altre attività serali tra cui il 'bar spaziale' ideate in collaborazione con lo Spazio1929 e il Turba. -I progetti selezionati saranno annunciati lunedi 10 luglio -Una volta annunciati i progetti, saranno aperte le iscrizioni ai singoli workshops (gratuiti!) -Il progetto si chiuderà con una mostra collettiva co-creata tra tutti i partecipanti e i visitatori che vorranno contribuire Per maggiori informazioni su come candidarsi, leggete qui Per info: 27metricubi@gmail.com


[M.V. Anno X - Nr 1305 del 30.06.2017] | Arte e mostre

“Spoleto Arte”, a cura di Vittorio Sgarbi


aprirà i battenti dal 1° Luglio a Palazzo Leti Sansi in compagnia di tantissimi vip


L’apertura dell'edizione 2017 della mostra internazionale di "Spoleto Arte" a cura di Vittorio Sgarbi prevede la partecipazione di tanti personaggi del panorama culturale e dello spettacolo. Il vernissage è fissata per sabato 1° luglio con un evento di forte impatto mediatico che presenterà le opere di un ricco parterre di artisti contemporanei, italiani ed internazionali, accanto a quelle di Gino De Domincis, controverso protagonista dell’arte del XX secolo. Tra gli ospiti illustri registriamo la presenza di Fabrizio Cardarelli, presidente del “Festival dei Due Mondi”, Alessandro Meluzzi direttamente dalle trasmissioni “Matrix” e “Quarto Grado”, il direttore de “Il Giornale” Alessandro Sallusti, Tony Renis e Pippo Franco, personalità di riferimento che daranno anche il contributo al catalogo pubblicato da Editoriale Mondadori. Salvo Nugnes, ideatore della mostra d’arte in contemporanea con il “Festival dei Due Mondi”, sostiene che la partecipazione di numerosi vip è riflesso di un interesse profondo a livello nazionale di una esposizione che, oltre ad offrire una cornice raffinata, come quella di palazzo Leti Sansi, emerge perché è la vetrina ideale per un percorso nel mondo delle idee innovative. Tanti infatti saranno gli artisti scelti dal comitato organizzatore che con le loro opere meritano di far parte di un ventaglio di idee e innovazioni culturali da evidenziare con forza. Il professor Sgarbi, nelle vesti di curatore, inoltre spiega: «Spoleto Arte vuole essere un osservatorio dell'arte contemporanea, nel quale fanno parte un selezionato gruppo di artisti, con caratteristiche distintive e stili diversi, riuniti insieme in esposizione in un armonioso allestimento di generi espressivi diversi. Ho accettato di guidare la mostra di Spoleto Arte, nel contesto del “Festival dei Due Mondi”, con l'obiettivo di mettere in evidenza la libera creatività, talvolta soffocata, di artisti emergenti». Pittori, fotografi, scultori sono invitati a partecipare alle selezioni scrivendo a org@spoletoarte.it oppure telefonando allo 0424 237636. http://www.spoletoarte.it/


[M.V. Anno X - Nr 1304 del 29.06.2017] | Arte e mostre

Spoleto Arte incontra New York


Spoleto Arte: il 10 giugno apre l’esposizione degli artisti alla MAG - Milano Art Gallery


Alla MAG – Milano Art Gallery è tutto pronto per l’apertura della mostra dei cinque artisti ritenuti più meritevoli nelle esposizioni organizzate da Spoleto Arte, tra le quali “Spoleto Arte incontra New York”, tenutasi il 18 marzo nella City, e “London Calling”, inaugurata nella capitale il 15 maggio. L’appuntamento è fissato per sabato 10 giugno alle 18.00 presso la prestigiosa sede milanese, conosciuta come galleria di riferimento del Maurizio Costanzo Show, nei primi anni di messa in onda della popolare trasmissione, dove un giovane Vittorio Sgarbi, agli inizi della carriera, intratteneva con i suoi discorsi sull'arte. È Salvo Nugnes, manager della cultura e di personaggi di spicco, a presentare le opere in mostra e i loro ideatori: Roberto Bonetti, Stefania Buccio Gonzato, Antonella Carraro, Nicola Costanzo e Gabriella Di Natale. Lo stesso organizzatore racconta che “il brindisi è dedicato all’inventiva, alla tecnica e alla necessità di mettersi in gioco; proprio quella che spinge la passione di persone fuori dal coro, che, accanto alla vita quotidiana, sviluppano dei mondi di colori e immagini, siano essi su pellicola fotografica o su tela, con acrilici, acquerelli o ad olio”. E prosegue “Un universo parallelo che Spoleto Arte sostiene da decenni portando gli artisti in spazi culturali e importanti gallerie, dove poter mettere a nudo la loro creatività e creare un dialogo con gli appassionati d’arte sempre presenti alle esposizioni”. “La Mostra dei Primi” rimarrà aperta fino a sabato 8 luglio presso la MAG – Milano Art Gallery, in via Alessi 11, nel cuore di Milano. www.milanoartgallery.it


[M.V. Anno X - Nr 1299 del 17.05.2017] | Arte e mostre

Pro Biennale 2017


Pro Biennale 2017 sarà visitabile, con ingresso libero al pubblico, fino al 17 giugno 2017, presso palazzo Grifalconi Loredan e presso il Chiostro della Chiesa di San Francesco della Vigna


Prosegue con successo allo Spoleto Arte Pavilion la mostra “Pro Biennale” inaugurata lo scorso 8 maggio e presentata da Vittorio Sgarbi, che nell'occasione ha festeggiato il compleanno per i suoi 65 anni, insieme agli amici vip, arrivati per dimostrare la loro stima e amicizia verso il noto critico. L'organizzatore nonché presidente di Spoleto Arte, il manager della cultura e di personaggi noti Salvo Nugnes, ha commentato: “Anche nel 2017 abbiamo cercato, riuscendoci visto il numero di visitatori, di accrescere la qualità dell’esposizione: le opere realizzate da un selezionato gruppo di artisti del panorama contemporaneo, scelti tra italiani e stranieri, sono tutte meritevoli di interesse. La grande curiosità É data anche dalla proposta di stili e generi eterogenei, all'insegna dello spirito creativo libero e cosmopolita. Si riconferma, come valore aggiunto, la presenza di ospiti d'eccezione come il direttore de "Il Giornale" Alessandro Sallusti, il giornalista Magdi Allan, la direttrice di noti settimanali e scrittrice Silvana Giacobini, lo show man Umberto Smaila, lo psichiatra e volto di trasmissioni televisive come Matrix e Quarto Grado Alessandro Meluzzi, il cuoco Gianfranco Vissani, le cantanti Katia Ricciarelli ed Ornella Vanoni, Patrick Ray Pugliese di “Striscia la Notizia”, GIP delle “Iene”. Per l'edizione 2017, abbiamo poi individuato due nuove location ospitanti, entrambe rinomate e molto adatte per valorizzare al meglio le opere dei talentuosi artisti contemporanei partecipanti: il palazzo Grifalconi Loredan, sede storica dell'atelier della famosa stilista Roberta Di Camerino, e il suggestivo Chiostro della Chiesa di San Francesco della Vigna, situate nel cuore di Venezia”. L'esposizione resterà visitabile, con ingresso libero al pubblico, fino al 17 giugno 2017, presso palazzo Grifalconi Loredan, in calle della Testa 6359, e presso il Chiostro della Chiesa di San Francesco della Vigna, in Sestiere Castello 2786. Gli Artisti che espongono a Palazzo Grifalconi Loredan sono: Luca Guatelli, Claudio Lai, Anna Rita Longaroni, Federica Marin, Gabriella Martino, Silvana Mascioli, Grazia Massa, Patrizia Mazzoli, Enrica Mazzuchin, Luciana Palmerini, Giuseppe Pasqualetto, Damisela Pastors, Chiara Cocchi Penelope, Caterina Ruggeri, Maria Pia Severi, Pietro Spadafina, Lucia Tomasi, Luciano Tonello, Gabriella Ventavoli, Michelangelo Venturini, Brigitta Westphal, Fiamma Zagara. Presenti invece a Chiostro della Chiesa di San Francesco della Vigna: Stjepko Mamic, Alfonso Mangone, Liliana Mantione Lanaro (in arte Lion Mant), Donatella Serafini, Antonio Pamato (in arte Libero), Giada Paolini, Alessio Papa, Fulvio Fanti, Sirkka Laakkonen, Marco Ruffino, Veruska Boscaro, Rolando Rovati, Giuseppe Oliva, Emel Vardar, Luigi Piccioni, Anna Sticco, Lio Sottile, Mauro Trentini, Roberto Bonetti, Sebastiano Fantozzi, Marco Guglielmi, Mauro Cesarini, Elettra Spalla Pizzorno, Angelica Flores, Miroa, Paolo Manazza, Silvana Mascioli, Silvano Persoglia, Gaetano B., Claudio Cignatta, Rosa Todde, Ela Opas, Emanuela Corbellini, Tiziana Tassone, Nicola Costanzo, Paola Silvestrini, Simonetta Ceriachi, Bruno Benfenati, Angela Crucitti, Sara Arianpour, Cesare Triaca, Sante Ghinassi, Franca Gualmini, Marilena Mele, Stefano Pignato, Sergio Tripodi, Angela Nasone, Antoaneta Dzoni. http://www.spoletoarte.it/index.php/11-eventi/156-spoleto-arte-pavilion-a-venezia


[M.V. Anno X - Nr 1299 del 17.05.2017] | Arte e mostre

Do Ut Des Omar Hassan 21 Maggio – 8 Settembre 2017


Do Ut Des Omar Hassan 21 Maggio – 8 Settembre 2017 Chiesetta della Misericordia, Campo de l’Abazia Venezia, Italia Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00


Venendo dal latino a significare che qualcosa è dato in modo da ricevere qualcosa in cambio, la mostra Do Ut Des esplorerà questo concetto, investigando nel dialogo tra pittura e scultura, così come la relazione tra opera e spettatore. Allestita nell’antica Chiesetta della Misericordia questa attesissima mostra personale di Omar Hassan sarà visitabile durante il periodo della 57 ° Biennale di Venezia. Do Ut Des è organizzata dalla Fondazione Alberto Peruzzo, in collaborazione con la galleria ContiniArtUK. Nato a Milano nel 1987 da padre egiziano e madre italiana, Omar Hassan è stato introdotto alla scena artistica underground di Milano in giovane età. L’interesse iniziale di Hassan per la street art si è presto trasformato in una passione per un vasto panorama artistico, che lo porta a frequentare con successo l’Accademia di Belle Arti di Brera. Spesso utilizzando la sua esperienza personale per plasmare il suo metodo artistico, Hassan ha sviluppato negli ultimi anni diverse serie di opere, tutte diverse tra loro ma con sempre il suo tratto distintivo. Do Ut Des, pur mantenendo un iconico approccio stilistico dell’artista, vedrà un allontanamento dall’esperienza personale verso una mostra che opera su un livello molto più fondamentale, mettendo in discussione le stesse funzioni del suo lavoro all’interno della prestigiosa cornice di una chiesa medievale veneziana. Entrando nella Chiesetta della Misericordia lo spettatore sarà confrontato da una serie di opere di grandi dimensioni tra pittura e scultura, spesso combinando le due tecniche. Un chiaro apprezzamento per i mondi disparati del Classicismo e del contemporaneo è visibile con antiche statue greche che sono state dipinte con la vernice spray colorata, una delle tecniche più utilizzate da Hassan. Sull’altare centrale risiede una copia in gesso della Nike di Samotracia, meticolosamente ricoperta di vernice spray. Con una tecnica che l’artista ha già adottato in passato, qui Hassan utilizza un ampio spettro di colori. Direttamente dietro la scultura vi è un quadro che è stato dipinto con la stessa tecnica, raggiungendo un effetto ottico per cui la scultura viene immersa nel quadro, distinguibile allo spettatore solo spostandosi fisicamente intorno all’installazione. Questo lavoro crea un’olistica combinazione tra la scultura classica e la pittura, per cui le due opere si trasformano in una. Ulteriore apprezzamento della scultura classica greca è evidente in tutta la mostra, con due iconiche Venere di Milo posizionate nelle grandi nicchie dietro l’altare. Entrambe sono state identicamente dipinte a partire dalla fronte con spruzzi di vernice, lasciando al caso la decisione finale sulla direzione delle colate di colore. In questo dittico Hassan indaga l’idea della ripetizione imperfetta, per cui dallo stesso gesto scaturiscono due risultati diversi. Un’altra opera vede la Venere di Cirene e la Venere di Siracusa guardarsi l’un l’altra attraverso la chiesa, imitando il modo in cui le statue originali idealmente si guardano attraverso il Mediterraneo, da Siracusa a Tripoli. Queste sculture sono nuovamente forse il passo finale dell’interazione tra pittura e scultura, essendo entrambe posizionate entro tradizionali cornici di ispirazioni neoclassiche. Dove ci si aspetterebbe di trovare una tela tesa, invece Hassan ha posto le figure, metà dentro e metà fuori, come se fossero in uno stato di transizione, lasciando allo spettatore la decisione se le sculture stiano uscendo o entrando nel dipinto. Rimanendo fedele alle sue radici nella pittura Hassan ha presentato due dipinti “Injections” su larga scala, uno nero l’altro bianco, che sono al tempo stesso minimali e potenti nella loro esecuzione. È la forza del gesto pittorico di sintesi che dà loro tale autorità; una semplicità che risuona all’interno della sua cornice di chiesa, evocativa del simbolo più potente nel cristianesimo, la croce. Due ulteriori dipinti della celebre serie Breaking Through si possono trovare a entrambi i lati dell’ingresso. Hassan boxa con la tela fino a quando l’opera è finita, un campo energetico di colore esplosivo. Qui, ancora una volta, il mondo fisico si scontra con scontra e incontra con il mondo a due dimensioni della pittura. Hassan ha esaminato le diverse entità del Classicismo e dell’arte contemporanea, fondendole per creare opere che dialogano all’interno dell’ambiente della Chiesetta della Misericordia. In origine un luogo di culto religioso, la chiesa stessa ora diventa un tempio per l’arte, ogni tipo di arte. Il titolo Do Ut Des può essere pienamente compreso nell’atto finale dell’artista: il fonte battesimale all’ingresso della Chiesa non è più pieno di acqua santa, ma ora contiene centinaia di tappi di bombolette spray utilizzate. Gli stessi strumenti con cui l’artista lavora diventano un lavoro a sé stante. Lo spettatore è invitato a prenderne uno via con loro, un piccolo pezzo della mostra che può essere conservato, e l’idea di dare e ricevere è completa. Informazioni stampa: press@continiartuk.com Informazioni generali: andrea@continiartuk.com Pubblica su Instagram la tua foto preferita della mostra con #DoUtDesHassan per evere l’opportunità di vincere la pubblicazione firmata dall’artista.


[M.V. Anno X - Nr 1299 del 17.05.2017] | Arte e mostre

artisti di Spoleto Arte in esposizione


MAG - Milano Art Gallery: artisti di Spoleto Arte in esposizione fino al 10 giugno 2017


La MAG – Milano Art Gallery apre i battenti alla mostra degli artisti vincitori delle esposizioni “L’Arte è Donna” dell’8 marzo, momento tutto dedicato al ricordo di Margherita Hack, e “Spoleto Arte incontra New York”, tenutasi il 18 marzo nella City. La prestigiosa sede milanese è conosciuta come galleria di riferimento del Maurizio Costanzo Show, nei primi anni di messa in onda della popolare trasmissione, dove un giovane Vittorio Sgarbi, agli inizi della carriera, intratteneva con i suoi discorsi sull'arte. È Salvo Nugnes, manager della cultura e di personaggi di spicco, a presentare le opere in mostra e i loro ideatori: Clara Brunelli, Parid Dule, Mauro Martin, Lucio Palumbo e Lucia Tomasi. Il brindisi è dunque dedicato all’inventiva, alla tecnica e alla necessità di mettersi in gioco; proprio quella che spinge la passione di persone fuori dal coro, che, accanto alla vita quotidiana, sviluppano dei mondi di colori e immagini, siano essi su pellicola fotografica o su tela, con acrilici, acquerelli o ad olio. Un universo parallelo che Spoleto Arte sostiene da decenni portando gli artisti in spazi culturali e importanti gallerie, dove poter mettere a nudo la loro creatività e creare un dialogo con gli appassionati d’arte sempre presenti alle esposizioni. “La Mostra dei Vincitori” rimarrà aperta fino a sabato 10 giugno presso la MAG – Milano Art Gallery, in via Alessi 11.


[M.V. Anno X - Nr 1299 del 17.05.2017] | Arte e mostre

mostra personale di Gabriella Ventavoli


Partecipazione straordinaria di Alessandro Sallusti al vernissage della mostra di Gabriella Ventavoli


“Per amore del mare” è il titolo della mostra personale di Gabriella Ventavoli inaugurata lo scorso venerdì 12 maggio alla graditissima presenza di Alessandro Sallusti.

 

Il Direttore de “Il Giornale” ha aperto le danze sottolineando l’importanza delle tematiche legate al mare e alla sua salvaguardia. Allo Spazio Culturale La Porta Verde, l’artista e Salvo Nugnes, patron del gruppo MAG – Milano Art Gallery e manager di importanti personaggi di spicco, hanno accolto gli ospiti che, incuriositi dalla tematica e dalla importante biografia artistica della Ventavoli, sono accorsi numerosi. La location espositiva milanese di via Andrea Maria Ampere 102 è stata allestita in modo da risaltare le linee ondulate e riflessive dedicate alle storie del mare. I lunghi teleri e le delicate tele applicate alle finestre e quindi visibili in trasparenza grazie alla luce naturale, descrivono, come ha spigato la pittrice “le conseguenze del riscaldamento globale, la bellezza imprigionata degli oceani, gli aspetti del mare contaminato e le contraddizioni al suo interno, esempio lampante la bellezza delle meduse, segno di un mare inquinato che si impoverisce di pesci e si popola di queste straordinarie creature, tanto affascinanti quanto pericolose”. Tematiche profonde che vogliono risvegliare una coscienza civica per restituire alla “Perla blu” la sua dignità. Tra i successi di Gabriella Ventavoli è d’obbligo sottolineare la presenza alla Mostra Internazionale “Pro Biennale” di Venezia aperta, solo qualche giorno prima della personale, da Vittorio Sgarbi. Numerosi gli artisti internazionali presenti e i di personaggi di spicco come il giornalista, Magdi Allan, la direttrice di noti settimanali e scrittrice Silvana Giacobini, lo show man Umberto Smaila, lo psichiatra e volto di trasmissioni televisive come “Matrix” e “Quarto Grado” Alessandro Meluzzi, Patrick Ray Pugliese di “Striscia la Notizia”, GIP delle “Iene”.


[M.V. Anno X - Nr 1298 del 16.05.2017] | Arte e mostre

Ciaccio Broker con gli artisti di Spoleto Arte


Crypt Gallery a Londra: Ciaccio Broker con gli artisti di Spoleto Arte riuniti in mostra con Amanda Lear


Ciaccio Broker e Spoleto Arte: un collaborazione che si estende oltre i confini nazionali. Il sodalizio si riconferma, infatti, anche per Visioni, l'attesissima mostra pittorica della vulcanica Amanda Lear che si terrà dal 15 al 21 maggio 2017 nel cuore di Londra, presso il rinomato contesto espositivo della “Crypt Gallery”, situata in Euston Road King Cross, in posizione centralissima.

 

L'evento di forte risonanza mediatica, insieme alle sue originali creazioni pittoriche, vedrà esposta una selezionata serie di opere realizzate dagli artisti di Spoleto Arte. Il prestigioso vernissage inaugurale è fissato per lunedì 15 maggio, alle ore 18.00. Massimo Ciaccio, titolare di grande esperienza del Broker Assicurativo leader in Italia per coperture assicurative per il settore dell'arte, spiega che la rinomata società ≪è assicuratrice ufficiale dell'Associazione Antiquari d'Italia e della Federazione Italiana Mercanti d'Arte. Inoltre è associata a Civita, ad AIBA, e partner assicurativa di ICOM il consiglio internazionale dei Musei. Sponsor annualmente di decine di mostre culturali, come quelle organizzate da Spoleto Arte, e delle più importanti fiere di settore. Fra i nostri clienti sono presenti molti dei più importanti galleristi e collezionisti Italiani. ≫ Continua inoltre dicendo: ≪Siamo poi specializzati in coperture per industrie, aziende, professionisti e privati≫. Insomma, una struttura dinamica, efficiente, funzionale e dotata di grande snellezza gestionale, per consentire riscontri e risultati concreti in tempi brevi, rispondendo a soddisfare le specifiche esigenze della clientela più eterogenea. D’altra parte Salvo Nugnes, manager della cultura e di numerosi personaggi di spicco, commenta l'importante iniziativa: ≪A fronte degli ottimi riscontri ottenuti con le passate collaborazioni abbiamo riconfermato il sodalizio con la società di Massimo Ciaccio. Lo scopo è quello si sottolineare il forte impegno per l’ottima riuscita della personale di Amanda Lear, accanto alla quale saranno esposte opere selezionato di artisti del panorama contemporaneo. Questi ultimi avranno l'occasione di godere di forte visibilità, assicurata da Spoleto Arte e da Ciaccio Broker, e di esporre insieme alla ricca collezione di quadri di Amanda, con tematiche molto eterogenee, che mettono in evidenza la sua speciale vocazione creativa trasformista e camaleontica. ≫


[M.V. Anno X - Nr 1298 del 16.05.2017] | Arte e mostre

Amanda Lear in mostra a Londra con gli artisti di Spoleto Arte


La Crypt Gallery, esclusivo spazio espositivo nel cuore di Londra, ospiterà a breve l'attesissima mostra pittorica Visioni di Amanda Lear.


L’organizzazione dell'evento è di Spoleto Arte, che ha individuato nella prestigiosa location londinese, in Euston Road King Cross, una cornice ideale per ospitare, accanto alla personale della musa di Dalì, una serie di opere selezionate dal comitato scientifico. La pittura di Amanda Lear, caratterizzata da una grande creatività e da un attento utilizzo dei colori, può diventare in questo modo, per coloro che espongono alla mostra, un esempio ed un modello per il loro percorso artistico. Salvo Nugnes, Presidente di Spoleto Arte e manager di noti personaggi, ha pensato, infatti, di sottolineare l’impegno di quegli artisti del panorama contemporaneo che hanno dimostrato grande talento e meritano visibilità internazionale come: Antonella Carraro, Luigi Piccioni, Roberto Bonetti, Damisela Pastors Lugo, Nicola Costanzo, Emiliano Albani, Antonio Canova, Roberto Alessandrini, Fulvio Fanti, Claudio Cignatta e Luciana Palmerini. Il prestigioso vernissage, evento di forte risonanza mediatica, è fissato per lunedì 15 maggio, alle ore 18.00. L’obiettivo è quello di migliorare gli ottimi risultati ottenuti nel 2016 creando una leason sempre più forte con il mondo culturale e artistico londinese.


[M.V. Anno X - Nr 1298 del 16.05.2017] | Arte e mostre
Pubblicità